la-riforma-non-s-ha-da-fare-questo-e-un-gioco-di-potere
Futuro, spina dorsale e vita (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
19414
2
Minoly
17448
3
Fazz17
14885
4
HC Petronilla
14725
5
HCLM
14566
6
Luganesina
14014
7
Highliner Giazz
14012
8
Capseicina Peppers
13746
9
O la va O la spacca
13732
10
Wee
12134
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
3 ore

All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil

I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
3 ore

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
7 ore

Via alla terza fase del massimo campionato

La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
9 ore

Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax

Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
12 ore

Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale

La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior

L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi

I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
1 gior

Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale

Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
Gallery
Hockey
1 gior

Il Ginevra archivia la pendenza in poco più di 5 minuti

Partita a senso unico sul ghiaccio della Cornèr Arena, con il Lugano di Serge Pelletier che incassa una sonora sconfitta: finisce 2-6
GINNASTICA
1 gior

Scandalo Usa: Geddert viene accusato, poi si suicida

L'ex tecnico della nazionale era stato accusato solo qualche ora prima di violenze e traffico di esseri umani, dopo la vicenda legata all'ex medico Larry Nassar
VELA
1 gior

Sulle onde virtuali s'assegna il titolo svizzero

Lunedì 1. marzo scatta la terza edizione del campionato nazionale eSaling. Knöpfel: 'Permetterà anche di far scoprire la vela a chi non l'ha mai praticata'
CALCIO
1 gior

Il Chiasso ospita il Wil per tre punti d'obbligo

Rossoblù sempre ultimi in classifica e il divario su chi sta davanti si va ampliando
CALCIO
1 gior

È ufficiale, Reto Ziegler al Lugano fino a giugno

Il ginevrino è a disposizione di Maurizio Jacobacci. In carriera ha vestito 35 volte la maglia della Nazionale e partecipato a due Mondiali (2010 e 2014)
SNOWBOARD
1 gior

Ai Mondiali, ambizioni svizzere al femminile

A Rogla, Julie Zogg punta a riconfermarsi nello slalom parallelo. Attesi buoni risultati anche da Patrizia Kummer e Ladina Jenny
CALCIO
1 gior

Torino - Sassuolo rinviata per Covid-19

Sette giocatori positivi tra i granata hanno costretto la Lega italiana a spostare la partita che averbbe dovuto aver luogo domani sera
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami all'assalto di coppetta e coppona

La ticinese può approfittare delle gare in Val di Fassa per mettere le mani sul globo di cristallo di superG e sorpassare Vlhova in vetta alla Cdm generale
CICLISMO
1 gior

Uae Tour, Pogacar controlla Vingegaard vince

Nel secondo arrivo in salita lo sloveno chiude appaiato al britannico Adam Yates e vede spianata la strada verso il successo finale
SCI NORDICO
1 gior

Il primi titoli del fondo a Sundling e Kläbo

Ai Mondiali di Oberstdorf lo sprint non premia gli elvetici. Fuori nelle qualificazioni Fähndrich, nei quarti Van der Graaff e in semifinale Hediger
Sci freestyle
1 gior

Ad Airolo lo spettacolo della Coppa Europa di freestyle

Si comincia domenica e lunedì con l'aerials, poi martedì e mercoledì (2 e 3 marzo) tra le gobbe (moguls) toccherà a Nicole Gasparini e altri cinque ticinesi
CICLISMO
1 gior

Total Direct e Rally Cycling le due wildcard per il TdS

Gli organizzatori della corsa svizzera hanno assegnato gli inviti per l'edizione 2021. Swiss Cycling non potrà presentare al via una selezione giovanile
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich subito eliminata nello sprint

Ai Mondiali la lucernese non ha superato le qualificazioni ed è rimasta a oltre 1”30 da un posto nei quarti. Venticinquesimo tempo per Laurien van der Graaff
HOCKEY
21.02.2021 - 17:330
Aggiornamento : 21:57

La riforma non s'ha da fare. 'Questo è un gioco di potere'

I giocatori fanno sentire la propria voce sul progetto 2022. Elias Bianchi: 'Se il problema è economico, perché non pensare prima al tetto salariale?

«Ambrì, sabato sera, ore 19.45 precise. Marco Müller e André Heim incrociano i bastoni a centropista per quello che in teoria sarebbe l'ingaggio d'inizio tra Ambrì e Berna. Invece è solo una messinscena: infatti, non appena il disco tocca il ghiaccio, le due squadre se ne tornano in panchina, da dove spunta un lungo striscione che inizia nel settore biancoblù e finisce in quello degli Orsi. Su cui, in tedesco, sta scritto così: "Le giovani leve sono il nostro futuro, i tifosi la nostra spina dorsale e l'hockey le nostre vite!". E  non ci vuol molto a capire che i giocatori ce l'hanno con la paventata riforma del campionato, dal 2022 in poi. «Dopo quello che è successo, da parte dei giocatori c'era la volontà di far sentire le nostre idee, soprattutto per come le cose sono evolute nel tempo, e credo che alla fine ci siamo trovati facilmente tutti d'accordo» dice Elias Bianchi, capitano dell'Ambrì costretto a mettere una croce sul resto della stagione dopo l'intervento chirurgico al ginocchio per l'infortunio occorsogli nel mese d'ottobre. «Trovo che in una stagione come questa ci fosse veramente la possibilità di fare un bel cambiamento, o più che altro mettere delle regole che avrebbero aiutato il nostro hockey in generale. Onestamente, invece, credo che non si sia fatto molto che andasse in quella direzione. E pensando allo sforzo economico fatto dai giocatori praticamente in tutte le società, la situazione si sarebbe potuta gestire con maggior collaborazione» aggiunge il trentunene momò, che è nel comitato dell'associazione che rappresenta gli interessi dei giocatori in Svizzera, la Swiss ice hockey player's union. 

Questa riforma, però, è musica del futuro. «Che sia futura o no, è nata durante la stagione del Covid. È l'anno della pandemia che ha spinto, che ha tra virgolette forzato questa decisione – spiega Bianchi –. Sento spesso dire che il nostro è un hockey malato a livello finanziario, però se vediamo come agiscono certe società... E quando poi ti accorgi che per ora è stato trovato soltanto un accordo sul numero di giocatori stranieri, e non invece sul tetto ai salari (il cosiddetto financial fairplay, ndr), ti chiedi se davvero il problema sia unicamente economico, oppure se prevalga la voglia di vincere a tutti i costi. Al di là di quella che è la protezione del nostro hockey, perché è palese che una decisione del genere andrà a rovinare quanto è stato fatto in questi anni, il punto è che di mezzo c'è anche la correttezza nei confronti di noi giocatori: ci dicono che prendiamo troppi soldi, ma a noi i soldi chi ce li dà? Qualcuno ci pagherà pure... E se davvero il problema fosse solo quello, perché prima non è stata trovata un'intesa riguardo al salary cap, per andare poi in un secondo tempo a toccare la regolamentazione dei giocatori stranieri?».

Infatti per ora l'accordo c'è soltanto su quello, il cui passaggio da quattro a sette verrà controbilanciato dalla sparizione delle cosiddette 'licenze svizzere'. «Sì, è vero, i club continuano a parlare di un pacchetto di misure. Ma se guardiamo a quel pacchetto ci rendiamo conto che al suo interno c'è la definizione del ruolo degli agenti (che non so cosa c'entra, si poteva gestire tranquillamente la questione a parte), più l'abolizione della relegazione, che è un aspetto più delicato, perché sicuramente permette alle società di pianificare meglio togliendo però un po' di attrattività, di suspense al campionato, ma comunque se ne può discutere, e infine ci sono le questioni del salary cap e degli stranieri che sembrano quasi essere collegate. Se si osserva bene come sono andate le cose, si vede che c'è un gioco di potere, e che certi aspetti sono stati forzati».

In che senso? «Ci sono società che hanno probabilmente perso un po' di predominio sul campionato e così hanno forzato la questione degli stranieri con l'obiettivo di riportarsi a un certo livello, e questo è il risultato. Ciò che è triste, è che se hai a cuore la salute del nostro hockey piuttosto decidi di mettere un tetto ai salari, che oltretutto riequilibrerebbe il campionato. Cosa che, tra l'altro, era un altro degli aspetti sollevati per giustificare la riforma, dicendo che alla fine vincono sempre le solite squadre. A parte il fatto che, mi sembra che erano anni che non si vedeva un campionato equilibrato come quest'anno...».

È il tetto ai salari la soluzione? «Sì, se vuoi rendere il tutto davvero equilibrato. Un salary cap che divida i migliori giocatori svizzeri su più squadre: automaticamente si arriverebbe a una maggior equità, senza dover andare a toccare la questione degli stranieri. Anche se, per carità, se vogliono metter mano a quello, che lo facciano. Così, però, il tutto mi sembra contraddittorio».

Ma non siete mai stati coinvolti in qualità di associazione dei giocatori? «C'è un dialogo con la Lega su queste cose, così come su altre. Loro, però, all'inizio ci hanno accusati di non aver trovato un accordo sulla riduzione dei salari: otticamente però era pure difficile trovare una soluzione omogenea se guardiamo ai diversi budget delle varie società. Alla fine, però, una soluzione è stata pur raggiunta, visto che i giocatori di ciascuna squadra hanno rinunciato a qualcosa». 

È comunque innegabile che ci siano disequilibri: «Che ci sia un problema di soldi, che non tutte le società abbiano le stesse possibilità a livello di sostenibilità ci può stare. Quello è un ragionamento. Però, appunto, allora si metta un tetto agli stipendi per riequilibrare il tutto. Un giocatore forte non può trovare spazio in quella squadra? Bene, se andrà in un'altra. E così di darebbe non solo equilibrio e attrattività al campionato, ma pure più valore alla Lega e ai giovani. Per me la soluzione è quella, non è che ce ne siano molte altre».

Si dice che l'accordo finale a questo famoso pacchetto non verrà trovato prima di un paio di mesi: secondo te, c'è ancora tempo per intavolare delle discussioni con voi giocatori? «Non lo so, mi pare che abbiano tirato abbastanza dritti per la loro strada. Al di là del messaggio che abbiamo cercato di far passare noi giocatori, pure giornali e tivù hanno espresso le loro perplessità, e lo stesso vale per i tifosi e i fan club. Tuttavia credo che alla fine la Lega farà ciò che ritiene giusto, e non credo si faranno troppo influenzare da ciò che abbiamo fatto noi stasera (dice, alludendo allo striscione, ndr). Se non ci sarà accordo, piuttosto, credo che sarà perché su questo famoso pacchetto non riusciranno a mettersi tutti d'accordo». Ciò che di sicuro non è impossibile.

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved