preoccupato-no-ma-riconosco-che-mi-manca-qualcosa
Un digiuno da interrompere per il topscorer bianconero (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
19414
2
Minoly
17448
3
Fazz17
14885
4
HC Petronilla
14725
5
HCLM
14566
6
Luganesina
14014
7
Highliner Giazz
14012
8
Capseicina Peppers
13746
9
O la va O la spacca
13732
10
Wee
12134
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
4 ore

Lo sport sballottato da un anno di pandemia

Riviviamo a grandi linee quanto successo nel mondo sportivo dalle prime decisioni per contrastare il coronavirus nel febbraio 2020 a oggi
Sci
4 ore

Lara Gut-Behrami trionfa in Val di Sassa

La ticinese si è imposta nella discesa femminile. Secondo posto per Corinne Suter. Terza Kira Weidle
Calcio
10 ore

Reto Ziegler, USAto sicuro per il Lugano

Il 35enne ex internazionale elvetico, reduce dall'esperienza oltreoceano, è pronto ad aiutare i bianconeri (in emergenza difesa) già da domani a Losanna
Gallery
Hockey
18 ore

All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil

I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
18 ore

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
22 ore

Via alla terza fase del massimo campionato

La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
1 gior

Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax

Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
1 gior

Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale

La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior

L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi

I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
1 gior

Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale

Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
Gallery
Hockey
1 gior

Il Ginevra archivia la pendenza in poco più di 5 minuti

Partita a senso unico sul ghiaccio della Cornèr Arena, con il Lugano di Serge Pelletier che incassa una sonora sconfitta: finisce 2-6
GINNASTICA
1 gior

Scandalo Usa: Geddert viene accusato, poi si suicida

L'ex tecnico della nazionale era stato accusato solo qualche ora prima di violenze e traffico di esseri umani, dopo la vicenda legata all'ex medico Larry Nassar
VELA
1 gior

Sulle onde virtuali s'assegna il titolo svizzero

Lunedì 1. marzo scatta la terza edizione del campionato nazionale eSaling. Knöpfel: 'Permetterà anche di far scoprire la vela a chi non l'ha mai praticata'
Hockey
18.01.2021 - 17:400
Aggiornamento : 19:45

‘Preoccupato no, ma riconosco che mi manca qualcosa’

È un casco giallo un po' sbiadito quello di Mark Arcobello, topscorer del Lugano ma a secco di reti da sedici partite

Dopo averci dormito su una notte, Mark Arcobello è ancora amareggiato per la prima sconfitta stagionale contro il Davos: «È stata una partita ad handicap - sottolinea l'attaccante bianconero -. Come ci era già capitato due giorni prima contro lo Zugo, a condannarci è stato il nostro pessimo inizio. Domenica ci siamo ritrovati quasi subito in doppio svantaggio, e questa zavorra ce la siamo poi portata dietro per tutto il resto della partita. Se inizi male, ben difficilmente poi riesci a portare a casa i tre punti». Con quella patita contro i grigionesi, la striscia di sconfitte consecutive dei bianconeri intanto è già arrivata a quota tre. Ma quello che è il trend stagionale negativo più lungo della squadra di Serge Pelletier non preoccupa particolarmente il 32enne del Connecticut: «Puoi interpretare la serie da due punti di vista: sta a te scegliere. O la puoi vedere come un mini campanello di allarme, oppure pensare che siano semplicemente tre battute d'arresto indipendenti fra loro, come ne capitano tante sull'arco di un'intera stagione. Che si siano verificate una in fila all'altra piuttosto che intercalate da qualche vittoria è allora solo relativo. Comunque sia, non dobbiamo lasciarci suggestionare da come sia andata l'ultima settimana, ma trovare il modo di rialzare la testa e raddrizzare il timone della nostra barca. Senza appunto panicare: stavolta è capitato a noi, ma prima o poi, durante il campionato, tutte le squadre attraversano momenti più avari di soddisfazioni».

Fuori Heed, Wolf e Riva, per tappare i buchi in difesa in questi giorni Pelletier è stato costretto a far capo a giovani debuttanti sulla scena del massimo campionato. Con i loro comprensibili limiti tecnici, ma che non hanno comunque sfigurato. Il motivo per cui il Lugano non vince più da quattro partite (dal 10 gennaio, quando aveva battuto proprio il Davos) non è però da ricondurre a queste assenze di peso... «No, assolutamente: non dobbiamo cercare alibi di questo genere o scuse. Non sono le assenze in difesa che ci hanno fatto perdere le partite. O, almeno, non è quella la sola ragione, ma una somma di cose che non sono andate per il verso giusto. Ora sta a noi cercare di capire cosa non ha funzionato e lavorare su quei dettagli che, sommati, ci sono costati il successo. Dovremo rivedere al video le ultime partite, per mettere a fuoco la nostra prestazione».

Trentadue tiri per due reti domenica, trentatré per una sola venerdì e addirittura 42 per un gol martedì scorso all'Hallenstadion: cifre che sembrano evidenziare come uno dei limiti attuali dei bianconeri sia il rendimento sotto tono dell'attacco... «Beh, chi non segna, non vince; non si scappa. E sperare di farla franca affidandosi alle parate del tuo portiere, limitandosi a mettere uno o due dischi alle spalle di quello avversario mi sembra un po' azzardato». Tra chi sul fronte offensivo dei bianconeri fatica a trovare la via del gol c'è proprio il topscorer, a secco da ben sedici partite (il suo ultimo centro, il quinto in stagione, l'aveva ottenuto la sera dell'11 novembre a Friborgo). Preoccupato da questa astinenza? «Preoccupato no, anche se è vero che a mia memoria in carriera non mi era mai capitato di addizionare così tante partite senza segnare. Certo, sono il primo a riconoscere che manchi qualcosa alle mie prestazioni, ma non ritengo comunque che sia un problema mentale, e men che meno fisico, visto che tra una cosa e l'altra abbiamo pure noi avuto il tempo per rifiatare. A volte è così che vanno le cose nell'hockey. A questa situazione un po' ci penso, ma cerco di non farmi condizionare e, anzi, continuo a insistere: prima o poi tornerà anche il mio turno di segnare. Poi, è vero anche questo, nell'hockey basta un pizzico di fortuna, il giusto rimbalzo, e tutto si rasserena... ».

Domani si va a Rapperswil, dove nel precedente stagionale il Lugano era stato battuto dai sangallesi (5-2): cosa sarà importante fare e cosa evitare per mettere il punto finale alla vostra striscia di insuccessi? «Prima di tutto non dobbiamo pensare alla precedente partita, ma guardare sempre fisso davanti, pensare al prossimo impegno, perché nell'hockey professionistico le partite si susseguono senza tregua. E ognuna è diversa dall'altra, anche se l'avversario è il medesimo. A ogni buon conto dovremo sicuramente essere più pronti fin dall'ingaggio d'apertura, e poi spingere al massimo per tutta la durata dell'incontro».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved