Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
per-il-lugano-questo-e-il-derby-del-riscatto
'Faremo di tutto per non perdere questa partita' (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
5 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
23 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
22.12.2020 - 17:360
Aggiornamento : 18:53

‘Per il Lugano questo è il derby del riscatto’

Raphael Herburger lancia il terzo confronto stagionale con i biancoblù: ‘Dobbiamo essere pronti ad affrontare ogni ostacolo’

29 febbraio-23 dicembre: sono passati quasi nove mesi dal primo derby della storia giocato alla Cornèr Arena senza la partecipazione di pubblico. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti (e altri due derby di campionato per... pochi intimi). Nove mesi dopo però le cose non sono cambiate, visto che ci si appresta a vivere un’altra sfida cantonale nuovamente a porte chiuse. Il virus c'era allora e c'è ancora oggi, anche in forma più importante. In più, stavolta il derby va in scena a due giorni da Natale, cosa che renderà ancora più surreale l'atmosfera che si respirerà domani sera alla Cornèr Arena. Ciò che comunque non ha mutato la pandemia, fortunatamente, è il fatto di poterlo comunque giocare, questo derby, nella speranza che si possa vivere, malgrado tutto, una bella serata sportiva.

Reduce dalla sconfitta di Zugo, il Lugano potrebbe ritrovare domani sera Loeffel e Sannitz, presenti nell’allenamento questa mattina. Sempre assenti, per contro, Suri e Antonietti, non ancora ripresisi dal Covid-19. Seduta 'light' invece per Morini. Serge Pelletier, dopo l'allenamento, torna sulla partita della Bossard Arena: «Abbiamo giocato a corrente alternata - racconta il tecnico bianconero -. Ho visto cose buone e altre meno efficaci. Peccato per non essere riusciti a giocare con la massima intensità per tutta la durata dell'incontro. Direi che c’è un assetto da ritrovare: la squadra deve digerire questi momenti per ripartire su nuovi equilibri nelle prossime partite. Non va comunque dimenticata la partenza per gli Stati Uniti di Kurashev... Di positivo, nelle ultime due uscite, c'è stato l'esordio di ben tre giovani del nostro settore giovanile: Ugazzi, Fadani e Näser. È sempre bello dare spazio a nuove leve, e, tra l'altro, si sono molto ben comportati».

Archiviata la sconfitta di Zugo, adesso c'è il derby a cui pensare... «Ed è un peccato che ancora una volta lo dovremo giocare in assenza del pubblico. Soprattutto perché il derby rappresenta la festa dell'hockey ticinese, e i tifosi sono attori indispensabili nello sport. Ad ogni buon conto cercheremo di fare un bel regalo di Natale ai nostri tifosi».

«Domani andremo in pista per cercare l'immediato riscatto dopo la sconfitta di Zugo», ribadisce Raphael Herburger, che nel Lugano 'post-Kurashev' è stato promosso da Pelletier dalla terza alla seconda linea, al fianco delle ali Alessio Bertaggia e Mikkel Boedker. «Alla Bossard Arena abbiamo concesso troppa libertà ai nostri avversari. Sapevamo che ci fronte ci saremmo trovati una squadra molto veloce e perciò avremmo dovuto praticare un fore-checking molto più alto... - prosegue il 31enne attaccante austriaco con licenza svizzera nella sua analisi -. Non cerchiamo scuse tirando in ballo la quarantena: da parte nostra, abbiamo commesso troppi errori. Tutti si sono confrontati con disagi derivanti la pandemia: abbiamo forse avuto una pausa forzata più lunga, ma in estate ci siamo allenati molto bene e dobbiamo essere pronti per affrontare ogni tipo di ostacolo. Sono contento che arrivi subito una partita con tanta carica agonistica: l'Ambrì è sempre un avversario difficile da affrontare. Sarà un bel derby natalizio. Non ci saranno tifosi sulle tribune, ma saranno tutti davanti al televisore, e non possiamo deluderli».

Come valuti questa tua prima parte di campionato con la maglia del Lugano? «Il bilancio delle primissime partite era soddisfacente: sebbene non abbia segnato molto, avevamo centrato diverse belle vittorie. Adesso, invece, se devo essere sincero, non sono molto contento delle mie prestazioni. Non so dire con esattezza cosa mi manchi, ma sicuramente devo ritrovare un po' di fiducia nei miei mezzi. Nessuno ti regala niente, ragion per cui devi costantemente lavorare su te stesso, anche nelle piccole cose. Per le prossime partite cercherò di tirare con più frequenza; sperando di ritrovare la forma ideale. Ma non mollo: farò di tutto per aiutare la squadra nel miglior modo possibile: qui mi trovo davvero bene, e non mi manca niente».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved