queste-non-sono-mai-partite-come-le-altre
'Non sono mai partite come le altre' (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
56 min

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
3 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
5 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
19 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
23 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
22.12.2020 - 16:180

‘Queste non sono mai partite come le altre’

Dopo tre anni nel campionato cadetto, Horansky ha ritrovato la National League e i derby ticinesi. ‘Qui il gioco è molto più fisico e veloce’

Per Stanislav Horansky, l'avventura che sta vivendo con l'Ambrì Piotta ha il sapore del doppio ritorno. In Ticino, dove, sponda Lugano, aveva giocato nelle categorie giovanili («Ma bene o male in Ticino ci ero comunque già venuto anche dopo, soprattutto in estate, visto che mia madre, pur essendo slovacca vive qui», s'affretta a precisare l'attaccante 26enne), e nel massimo campionato, ribalta che già aveva calcato con la maglia del Bienne, sporadicamente nei campionati 2014/2015 e 2015/16 (facendo la spola con Porrentruy per dare man forte all'Ajoie), e più stabilmente in quello successivo. Poi aveva militato in Swiss League, con l'Olten, fino al termine della passata stagione. Prima cioè di imboccare la strada che porta alla Valascia, dove si è ritagliato un ruolo di primo piano sullo scacchiere di coach Luca Cereda.

Quella che porta il numero 91 dei biancoblù in Leventina è insomma una strada piuttosto tortuosa: «Sono nato a Zilina, città della Slovacchia, dove sono rimasto fino all'età di 11-12 anni. Poi sono arrivato in Ticino, a Lugano, dove ho giocato nella categoria Moskito e un anno nei Mini. Dopodiché sono tornato alla mia città natale, dove ho proseguito la mia trafila nel settore giovanile, finché non sono stato prelevato dal Bienne». E che differenze ci sono tra il tipo di gioco praticato in Slovacchia e quello in Svizzera? «Là l'accento viene messo in particolare sulla tecnica, mentre in Svizzera anche il pattinaggio riveste un ruolo molto importante. Eppoi c'è l'aspetto mentale, dove soprattutto a livello giovanile ho riscontrato una netta differenza: qui si spinge al massimo in ogni settore della pista, cosa che, invece, in Slovacchia non sempre capitava. Tendenzialmente lì si spingeva a fondo solo davanti alla porta avversaria, trascurando un po' l'intensità nelle altre porzioni di ghiaccio. In Slovacchia, almeno a livello giovanile, tutti vogliono segnare, e prestano poca attenzione al gioco di copertura».

Sebbene la realtà della National League l'abbia già toccata con mano, farci ritorno tre anni dopo aver giocato nel campionato cadetto - e per giunta per ricoprire un ruolo tutt'altro che marginale sullo scacchiere - non è evidente. Ciononostante per te le cose stanno andando piuttosto bene... «Sì, sono contento di come mi sono ambientato: piano piano sto trovando il giusto ritmo. Spero col tempo di rimpolpare ulteriormente il mio bottino personale (una rete e tre assist nelle partite di campionato sinora disputate, ndr)». Quali sono le differenze sostanziali che hai notato con la Swiss League? «Qui c'è molto più contrasto fisico. I duelli sono più intensi, e sull'arco di una partita sono molte meno le occasioni per segnare che ti capitano. Ecco perché è indispensabile cercare di sfruttarne il maggior numero possibile. Non da ultimo, hai decisamente molto meno tempo per decidere che fare con il disco quando te lo trovi sulla pala del bastone».

Domani, in calendario c'è il derby numero 236 della storia (il 207esimo in Lna). Che sarà anche il secondo da 'grande' di Stanislav Horansky (aveva saltato il secondo appuntamento), dopo averne già giocati diversi da piccolo: «Ma di quelli ho solo un lontano ricordo, anche se rammento che non erano mai partite come le altre. Quando ero a Lugano ne avevo visti diversi da spettatore, ma viverli da giocatore è tutta un'altra cosa. Il fatto che non ne abbia ancora potuto giocare uno in uno stadio gremito in ogni ordine di posto un po' mi manca, ma anche così l'emozione di questo genere di partite è grande. Già con uno stadio pieno solo per la sua metà, come in occasione del primo derby di questa stagione, l'ambiente che c'era era incredibile... Per ora posso solo immaginare a cosa si potrebbe provare in pista in condizioni normali. Vincerlo sarebbe indubbiamente un bel regalo di Natale, per noi e per i nostri tifosi».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved