RUUD C. (NOR)
RAMOS-VINOLAS A. (ESP)
12:00
 
DAVIDOVICH FOKINA A. (ESP)
HURKACZ H. (POL)
12:00
 
ticino-rockets-virus-o-no-il-progetto-e-in-salute
Il portiere dei Razzi Viktor Östlund (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Colorado non stecca: terza finale e terzo trionfo

Ci pensa Lehkonen: al 33’ di gara 6 risolve la sfida e regala agli Avalanche la Coppa Stanley. Battuti i Tampa Bay Lightning
Tennis
6 ore

Wimbledon e la disabitudine all’erba

Il torneo più prestigioso al mondo si gioca, paradossalmente, sulla superficie meno amata
ATLETICA
12 ore

Anche i 200 metri respingono Sha’Carri Richardson

Ai trials statunitensi la 22enne sprinter dopo aver fallito nei 100 (i batteria) è stata eliminata in semifinale anche sulla distanza doppia
CORSA D'ORIENTAMENTO
15 ore

Staffetta amara per la Svizzera ai Mondiali in Danimarca

Un clamoroso errore di Joy Hadorn in seconda frazione impedisce agli elvetici di salire sul podio e li costringe a un amaro quarto posto. Oro alla Svezia
CICLISMO
15 ore

Robin Froidevaux e Caroline Baur nuovi campioni svizzeri

A Steinmaur il vodese ha preceduto Reichenbach, Stüssi e Schmid. In campo femminile, argento per la ticinese Linda Zanetti nelle U23
MOTO-E
19 ore

Aegerter chiude 2° ad Assen

Ottimo weekend per l’elvetico, che aveva vinto la gara di sabato
ATLETICA
19 ore

Nei 400 metri Ricky Petrucciani deve accontentarsi dell’argento

Ancora una medaglia ticinese sabato ai campionati svizzeri. L’onsernonese è stato battuto nel rettilineo finale da Lionel Spitz
CALCIO
19 ore

Ardaiz passa dallo Sciaffusa al Lucerna

Ritorno in Super League per l’uruguaiano ex Lugano che la scorsa stagione era stato il miglior realizzatore della Challenge League (20 reti)
CICLISMO
19 ore

Nils Politt campione di Germania

Arrivo in solitaria per il 28enne della Bora, Arndt secondo, Geschke terzo
PALLANUOTO
20 ore

Per gli Sharks la corsa al titolo parte dai quarti di finale

Un solo punto racimolato dal Lugano nell’ultimo weekend in Romandia. Nei playoff il primo avversario sarà il Carouge. Gara 2 al Lido il 2 luglio
MotoGP
20 ore

Bagnaia e Bezzecchi, doppietta italiana ad Assen

Terzo posto in classe regina per Maverick Viñales, cade due volte Quartararo
MOTO2
22 ore

Assen, vince Augusto Fernandez

Lo spagnolo raggiunge Vietti in testa al Mondiale
MotoGP
22 ore

Alex Marquez guiderà una Ducati dal 2023

Il 26enne spagnolo lascia la Honda, ha firmato per il Team Gresini
MOTOMONDIALE
23 ore

Ad Assen in Moto3 vince Ayumu Sasaki

Primo successo in carriera per il nipponico, caduta per Foggia
ATLETICA
1 gior

Nuovo record mondiale per McLaughlin

51”41 nei 400 ostacoli per l’americana
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Argento europeo per Camille Balanche

In Slovenia, podio nel downhill per la neocastellana
Calcio
1 gior

Gareth Bale a Los Angeles

Il gallese vola in California a parametro zero
02.11.2020 - 20:57
Aggiornamento: 03.11.2020 - 08:34

Ticino Rockets, virus o no ‘il progetto è in salute’

Un match ogni tre giorni dopo la quarantena di metà settembre e già 14 punti in classifica. Sébastien Reuille: ‘Non possiamo che essere contenti’

Dieci partite in un mese. Da quel 2 ottobre in cui i Ticino Rockets debuttarono in campionato sfidando l'Ajoie, in una stagione segnata dalla pandemia in cui, però, i ragazzi di Eric Landry e Mike McNamara debbono fare gli straordinari: con il recupero di domani alla Raiffeisen BiascArena, contro il Winterhur, fanno 11 partite in 31 giorni. Quindi praticamente una ogni tre... «E sarebbero state dodici, se avessimo giocato quella con Langenthal martedì scorso, poi cancellata» dice Sébastien Reuille, direttore sportivo del 'farm team' di Ambrì e Lugano al cui progetto partecipano pure Gdt Bellinzona, Losanna e Davos. «Ma siamo contenti di giocare, non di dover restare a casa come la maggioranza delle squadre della Lega in questo momento».

Poi ci sono i risultati: pur in una classifica di 'B' a dir poco illeggibile, con squadre come lo stesso Langenthal, Sierre e Ajoie che hanno giocato la metà di altri, siete pur sempre a quattro punti dal primo, il Turgovia, che ha le vostre stesse partite, e a tre dal favoritissimo Kloten. «Senz'altro, sportivamente non possiamo che essere contenti – continua Reuille –. Perché abbiamo una buona squadra e i due allenatori stanno facendo un ottimo lavoro. Soprattutto, però, c'è grande stabilità: i giocatori che abbiamo a disposizione, a parte l'innesto di qualche giovane arrivato da fuori, sono sostanzialmente sempre gli stessi. Questo rende tutto più semplice a livello di sistema, e facilita il compito più ai due coach, sia a livello individuale, sia a livello di gruppo».

Covid o strategia? ‘Entrambe le cose’

Infatti, se è vero che in totale i giocatori impiegati finora sono stati ventotto, venti di loro sono scesi in pista in almeno metà delle vostre dieci partite: è cambiata la strategia rispetto al passato, o piuttosto è il Covid che induce prudenza nell'effettuare spostamenti da Biasca ad Ambrì, Lugano e Davos o viceversa, per minimizzare i rischi di contagio? «Entrambe le cose direi. Da una parte i club hanno visto che, pur se siamo una squadra di formazione e sviluppo, la stabilità della squadra è un qualcosa d'importante. Infatti vai pur sempre sul ghiaccio per vincere le partite o almeno per portare a casa qualche punto. Poi, è ovvio, tale stabilità dipenderà anche dagli infortuni, che portano naturalmente a stravolgere gli effettivi. E da una parte siamo contenti che al presentarsi di un caso di Covid sia tutta squadra a finire in quarantena e non solo i tre o quattro giocatori interessati, altrimenti verrebbero a prenderli da noi (sorride, ndr). Quindi sì, visti i problemi causati dal virus abbiamo senz'altro ridotto al minimo il cambiamento a livello di effettivi, ma direi che soprattutto i nostri club partner stanno lavorando alla grande, e lasciano che i loro giovani rimangano a Biasca per crescere».

Detto altrimenti, chi in primavera temeva per le sorti del progetto Rockets dopo i cambiamenti a livello societario ora può dirsi sollevato. «Certamente. Il nostro progetto gode di buona salute sia a livello economico, sia a livello sportivo. E il nostro obiettivo non cambia: far sì che questi ragazzi a medio-lungo termine possano esordire in prima squadra nei rispettivi club, oppure trovare sbocchi nel professionismo da qualche altra parte».

Il tutto con il supporto di due allenatori che hanno legato il loro nome alla crescita dei talenti, ovvero Eric Landry e Mike McNamara. «Eric lo conosciamo tutti per ciò che aveva fatto da giocatore, ma non l'avevamo mai visto all'opera in panchina. Tuttavia, i feedback che abbiamo ottenuto dal Nordamerica erano molto positivi, e ora sono confermati da ciò che sta facendo da noi e dalla linea che sta seguendo. Mike invece, beh, sappiamo bene ciò che ha fatto a Lugano prima e a Bienne poi. Lui e Landry hanno l'hockey nel sangue e la loro vita è legata allo sviluppo dei giovani»,

Però a Biasca quest'anno c'è anche più sostanza, e soprattutto più esperienza. Un nome su tutti? Quello di Sandro Zangger, che a Lugano, sotto la guida di Kapanen, era arrivato persino in prima linea: lo spostamento, come l'ha preso? «Molto bene, l'ha preso molto bene – dice Reuille, convinto –. Pur se non l'ha esternato pubblicamente, chiaramente all'inizio ha dovuto fare i conti con la delusione per non essere a Lugano, in National League, ed è naturale che sia così. Tuttavia ha accettato la decisione con grande professionalità, e non solo si è messo ad aiutare questi ragazzi, ma ha immediatamente assunto il ruolo di leader».

‘Venire qui non è una punizione’

Una dimostrazione, questa, che l'immagine dei Rockets sta cambiando? «Di sicuro noi lavoriamo ogni giorno per far passare l'idea che venire qui non è una punizione. Al contrario, siamo un trampolino di lancio per alcuni, e per altri una piattaforma per ritrovare le migliori sensazioni o rimettersi in forma. E questo direi che la gente inizia a capirlo. A cominciare dai giocatori, sull'esempio di Jason Fritsche che ha trovato un contratto nel Turgovia (già tre gol e sette assist in dieci partite quest'anno, ndr) unitamente a Misha Moor, oppure di un Marc Camichel nell'Ajoie e di Jerôme Portmann nell'Olten».

Tra l'altro, pur senza volerlo, in questa stagione perturbata dalla pandemia voi siete stati i primi nell'hockey a sperimentare cosa significhi finire in quarantena ancor prima che il campionato iniziasse, a metà settembre. Insomma, come si dice avete già dato... «Sì, ma attenzione: in quel caso ci fu un solo giocatore positivo al tampone, quindi non possiamo escludere che il virus possa colpire di nuovo, anche se noi seguiamo scrupolosamente i protocolli ufficiali e le regole studiate da noi – conclude Reuille –. Di sicuro, da quell'esperienza abbiamo potuto imparare molto. A cominciare dal sottoscritto, tanto sul piano organizzativo, tanto su quello sportivo. Da quell'episodio è pure nata un'ottima collaborazione con l'ufficio del Medico cantonale, da cui abbiamo ricevuto grandissimo sostegno, ciò che ci ha aiutato molto. E credo pure che, indirettamente, da ciò che era capitato a noi a settembre hanno potuto beneficiare anche Ambrì e Lugano per la gestione delle loro quarantene».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
progetto salute ticino rockets
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved