il-lugano-riparte-dalla-corner-arena-e-contro-lo-zurigo
Pronti a ripartire (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
8 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
9 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
10 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
10 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
10 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
10 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
11 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
11 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
11 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
12 ore

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
12 ore

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
30.09.2020 - 19:52
Aggiornamento : 20:56

Il Lugano riparte dalla Cornèr Arena e contro lo Zurigo

La stagione dei bianconeri inizierà domani sera in casa contro i Lions. Chiesa: 'Un’ottima prova per valutare il nostro livello'

di Thomas Schürch

Ci siamo. Dopo il lungo conto alla rovescia, la nuova stagione svizzera di hockey su ghiaccio si appresta a cominciare. L’attesa è giunta al termine e si percepisce la grande voglia dei giocatori di tornare in pista a darsi battaglia. «La preparazione è durata più del solito ed stata differente rispetto a tutte le altre, anche dal punto di vista della gestione delle energie – rileva Alessandro Chiesa –. Abbiamo fatto molti allenamenti e questo comporta sia degli aspetti positivi sia negativi. In generale, però, ritengo che tutte le squadre siano più avanti a livello di preparazione rispetto agli anni passati. Abbiamo inoltre disputato diverse amichevoli». Amichevoli che hanno lasciato un’ottima impressione per quanto fatto dal Lugano, considerando anche i molti volti nuovi presenti in rosa… «Abbiamo avuto la fortuna di cominciare su delle basi solide e con un sistema di lavoro, quello di Serge, che avevamo già avuto modo di conoscere. Questo ha certamente facilitato l’inserimento degli ultimi arrivati. Nel preseason abbiamo dimostrato di aver trovato una buona alchimia. Adesso dobbiamo continuare a migliorarci, consapevoli che il ritmo delle amichevoli è diverso rispetto a quello delle gare ufficiali». In questo senso, l’esordio con lo Zurigo potrà «fornire delle ulteriori indicazioni sul livello raggiunto. Loro sono un’ottima squadra, lo sappiamo, ed è sempre bello misurarsi con i migliori».

Chiesa, classe 1987, di battaglie ne ha vissute parecchie nel corso dei suoi anni di militanza nel massimo campionato svizzero. La sua esperienza rappresenta un valore aggiunto per i giovani e in generale per l’intero gruppo. Il biaschese è e rimane un leader, anche se quest’anno sulla sua maglia non comparirà la ‘C’… «Come ho già detto, dal mio punto di vista non cambierà nulla a livello di attitudine, impegno e lavoro sul ghiaccio – spiega il numero 27 –. Il mio carattere e il mio modo di essere non dipendono dall’avere o meno i gradi di capitano. Inoltre, far portare la ‘C’ a diversi giocatori a rotazione permetterà di distribuire le responsabilità tra più persone, anziché farle gravare tutte sulle spalle di un singolo». Per poter garantire il regolare svolgimento della stagione in un periodo particolare come quello attuale, è necessario che ognuno segua alla lettera le disposizioni e le normative anti Covid. Questo vale soprattutto per gli attori principali, ovvero gli atleti: «Viviamo la situazione odierna un po’ come tutti nel mondo. Dobbiamo comportarci con grande consapevolezza e senso di responsabilità. Ed è ciò che stiamo facendo, in maniera molto disciplinata. Vogliamo giocare a hockey e vogliamo che i tifosi possano venire alla pista e divertirsi, e questo dipende anche da noi, da come seguiamo le regole. Ovviamente rispettare le disposizioni non azzera il rischio, ma contribuisce senza dubbio a limitarlo».

'Voglio una squadra in grado di controllare il gioco'

Arrivato a dicembre dello scorso anno per risollevare le sorti di una squadra in grande difficoltà e successivamente riconfermato sulla panchina bianconera per il campionato 2020/21, Serge Pelletier è ora pronto per la prima gara ufficiale della nuova stagione. L’esordio casalingo, in programma per domani sera, vedrà il Lugano opposto agli Zsc Lions, compagine considerata tra le favorite per la vittoria finale. Un inizio decisamente impegnativo. «Lo Zurigo, come dimostra il primo posto nella passata regular season, è sempre un cliente molto difficile – commenta il tecnico di Montreal -. È una squadra che lascia pochissimo spazio all’avversario. Abbiamo quindi cercato di migliorare il nostro lavoro di supporto al portatore del disco, in modo da avere il maggior numero possibile di opzioni. Ci auguriamo che questa strategia possa dare dei buoni risultati». A livello generale «vogliamo confermare il nostro buon finale di preparazione e continuare su questa strada. La settimana di lavoro è andata bene e anche nell’ultimo allenamento ho visto un buon ritmo, tanta energia e molta velocità. Siamo pronti a cominciare». Per la prima uscita stagionale Pelletier si aspetta di vedere «un Lugano molto attivo, che vuole arrivare primo sul disco per poter comandare il gioco. È un aspetto che fa parte della nostra identità».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved