laRegione
il-lugano-spezza-il-ghiaccio
Keystone
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
6645
2
Fazz17
6091
3
Luganesina
5997
4
HCLM
5826
5
Minoly
5577
6
Wee
5250
7
Capseicina Peppers
4574
8
O la va O la spacca
4549
9
Highliner Giazz
4503
10
Zuccarello01
4017
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
4 ore

Il successo contro il Borussia tiene in vita l'Inter

Champions, i nerazzurri approfittano della grande serata di Lukaku e di giocheranno tutto tra una settimna con lo Shakthar. Agli ottavi Liverpool e Porto
CALCIO FEMMINILE
5 ore

Svizzera battuta, per l'Euro 2022 servono i playoff

Il Belgio si è imposto 4-0, aggiudicandosi la vittoria di gruppo. Le elvetiche quasi certe di non accedere nemmeno tra le tre migliori seconde
Formula 1
6 ore

Grosjean: ‘Ho visto la morte in faccia’

Il pilota ginevrino con licenza francese parla dopo il terribile incidente di domenica nel Gp del Bahrain: ‘È come essere nato una seconda volta’
DRESSAGE
8 ore

Per Philine Brunner il Mondiale è sfumato sul più bello

‘Non capita spesso in carriera di qualificarsi per simili eventi. La delusione è grandissima’, ma il Covid-19 ha avuto la meglio
HOCKEY
9 ore

Tocca agli Zsc Lions fermarsi per il Covid-19

La squadra zurighese dovrà rimanere in quarantena fino al 9 dicembre. ‘Saltano’ le due sfide in programma con il Langnau
Gallery
Sci
11 ore

TiSki, asticella da mantenere in alto

Successore di Enzo Filippini, Marco Gut traccia le linee guida della federazione di sci della Svizzera italiana: volti nuovi e continuità
Basket
12 ore

La Svizzera e un exploit figlio più del gruppo che del talento

Il successo di Mladjan e compagni sulla Serbia si somma ad altri grandi momenti per i colori rossocrociati, che rimangono tuttavia troppo isolati
Sci di fondo
12 ore

Paura del Covid, le star norvegesi snobbano la Cdm

La federazione scandinava ha comunicato che i suoi atleti salteranno le prove di Davos e Dresda per proteggerli e preservarli in vista dei Mondiali
Altri sport
13 ore

Thomas Bach senza concorrenti: il Cio non cambierà la testa

Il tedesco è l'unico candidato alla presidenza del Comitato olimpico internazionale. Succederà a se stesso, nonostante le molte critiche di autoritarismo.
Formula 1
14 ore

Lewis Hamilton positivo al Covid, stagione finita?

Il fresco campione del mondo (per la settima volta) sta bene ma è in isolamento: non prenderà parte questo weekend al Gp di Sakhir ed è in dubbio per Abu Dhabi
Calcio
15 ore

La neve sposta di un giorno Winterthur-Chiasso

Le nevicate a Nord delle Alpi hanno costretto a rinviare a domani (ore 19) il match di Challenge League inizialmente previsto questa sera alla Schützenwiese
Hockey
21.09.2019 - 22:210
Aggiornamento : 23:35

Il Lugano spezza il ghiaccio

A Zugo, bianconeri sconfitti dopo i rigori 3-2, ma il primo punto stagionale è realtà. Buona prova specialmente difensivamente

I ticinesi escono da Zugo con un bel carico di fiducia al termine di una gara giocata su buoni livelli. 

Nel Lugano debutto stagionale di Wellinger e Klasen, Spooner finisce in tribuna. Lo Zugo deve fare a meno dello squalificato Lindberg.

I bianconeri iniziano meglio la contesa e la rete di Bürgler al 6’01’’ è il giusto premio. Lo svittese si presenta solo davanti a Genoni e vince il duello. Lo Zugo in powerplay prova subito a reagire, ma Chiesa e soci si difendono bene bloccando diversi tiri. Al 13’ grande occasione per Suri, l’ex di turno a tu per tu con Genoni non riesce a concretizzare, mentre poco dopo è Chiesa a mettere i brividi al portiere della Nazionale. Gli ospiti insistono, Riva e Bürgler creano nuovamente due pericoli, ma l’Evz ne esce indenne. Sul finire del periodo Tori nuovamente in superiorità numerica, sullo slancio, poco dopo il rientro del penalizzato Bertaggia, arriva il pareggio di Thorell al 19’26’’. Nel complesso i ticinesi avrebbero meritato di andare al primo riposo in vantaggio.

La seconda frazione si apre con un tiro di Sannitz respinto da Genoni. Poco più tardi è invece Romanenghi a impegnare l’estremo difensore. Lo Zugo dimostra più cinismo e al 24’ arriva il punto del 2-1 firmata da Alatalo con un tiro dalla distanza. Nella circostanza Zurkirchen ha la visuale coperta. I sottocenerini non mollano e al 26’02’’ trovano il pareggio grazie a Fazzini, lesto a riprendere un disco non controllato da Genoni. Al 27’ prima superiorità numerica per il Lugano che però non dà frutti. Segue una fase equilibrata e priva di acuti sino al 36’ quando Hofmann semina lo scompiglio senza però graffiare, mentre dall’altra parte è Suri a rendersi minaccioso.

Inizio di terzo tempo con il Lugano in inferiorità numerica, Simion prova a superare Zurkirchen, bravo ad opporsi. Il Lugano si crea una buona chance al 45’ con Riva, ma il suo tiro viene intercettato da Genoni. La sfida resta sui binari dell’equilibrio, un tentativo di Hofmann finisce la sua corsa a lato. Al 48’ secondo powerplay di serata per i bianconeri, pure stavolta però il complesso di Kapanen non si rende particolarmente pericoloso. A metà periodo brivido per Zurkichen, con Klingberg che colpisce il palo. La scena si ripete al 54’ a parti invertite, Klasen centra i ferri della porta di Genoni. Ancora nello stesso minuto Lugano nuovamente con l’uomo in più sul ghiaccio a causa di un cambio volante scorretto da parte dei ragazzi di Tangnes. Fazzini impegna Genoni, mentre Suri non centra il bersaglio da posizione invitante. Negli ultimi istanti dei tempi regolamentari lo Zugo insiste, Klingberg sottoporta semina il panico, ma la difesa luganese resiste. A 1’ dal 60’ brutta carica di McIntyre ai danni di Sannitz (che esce dolorante) e powerplay per Klasen e compagni che non viene sfruttato.

Si va dunque al supplementare con il Lugano sempre in powerplay, ma Genoni non deve superarsi. Al 62’ Hofmann centra la traversa. Poco più tardi paratone di Genoni su conclusione di Romanenghi da due passi. A 1’35’’ dall’ultima definitiva sirena Chiesa si fa penalizzare. Zurkirchen respinge il tiro di Diaz e allora la soluzione va trovata ai rigori.  L’unico a segnare è Senteler, per il Lugano sbagliano Bürgler, Klasen, Loeffel, Fazzini e Zangger e lo Zugo festeggia dunque la vittoria.

Da notare infine che i bianconeri hanno messo sotto contratto il mental coach canadese Saul Miller. L’accordo era già stato siglato in estate. Miller vanta una lunghissima esperienza in ambito sportivo e lavorò già a Lugano oltre una dozzina di anni or sono. In Svizzera ha inoltre collaborato anche con Berna e Zugo. Oltreoceano ha inoltre lavorato con franchigie come i New York Mets, Los Angeles Kings, Florida Panthers, St. Louis Blues, Vancouver Canucks e Nashville Predators.  

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved