Ti-Press
Hockey
21.04.2018 - 16:000

'Ribaltare la serie, ma un passo alla volta'

Alle 20.15, in una Resega da tutto esaurito, si gioca il quinto atto della finale. Il Lugano di Vedova in pista per riaprire la serie, lo Zsc per chiuderla

Lugano – Non si scappa. Per alzare al cielo il trofeo di campione svizzero, il Lugano deve infilare uno dietro l’altro tre successi. Cominciando da stasera. In caso contrario, a festeggiare sarà lo Zurigo, che dal canto suo oggi si gioca il primo dei suoi tre match point. Uno Zurigo che alla Resega può dunque chiudere i conti, ma che proprio per il fatto di non essere costretto a imporsi potrebbe anche avere meno fame di vittoria. Uno scenario analogo a quello che gli era poi stato fatale lunedì. «Personalmente sono dell’avviso che in gara 3 la differenza l’abbiamo fatta noi, proponendo un gioco molto concreto, caratterizzato dalla grande solidità a tutta pista – sottolinea Loic Vedova –. Eravamo stati capaci di tenere sotto pressione i Lions dall’inizio alla fine, cosa che abbiamo rifatto anche mercoledì, ma solo finché ci siamo ritrovati in doppio vantaggio». Doppio vantaggio frutto anche del primo gol in Lna del 20enne attaccante, autore dello 0-1 dopo appena 2’47”: «È stato un inizio importante, sia per la squadra, sia per me. Segnare il primo gol in una finale è qualcosa di incredibile: lì per lì mi sentivo quasi frastornato, al punto che non ho subito realizzato la portata di ciò che avevo fatto». Trovato anche lo 0-2, mercoledì il Lugano si è però fermato: «Dopo il nostro raddoppio ci siamo rilassati, smettendo di giocare con quell’intensità che avevamo mostrato per tutta la partita di lunedì e nella prima parte di gara 4, lasciando sempre più ghiaccio, soprattutto nel nostro settore difensivo, allo Zurigo». Lions che, dal canto loro, nel complesso hanno mostrato ben altro volto rispetto a quello scialbo di lunedì.

Alla prima sconfitta subita all’overtime, il Lugano aveva risposto con un’ottima gara 3: la speranza dei bianconeri è ovviamente quella di fare altrettanto stavolta. Ma non sarà facile, anche perché simili sconfitte è inevitabile che lascino il segno nella testa dei giocatori: «Non è mai facile digerire una sconfitta maturata nei prolungamenti. Ma non fa grande differenza se capita alla seconda o alla quarta partita della serie. Devi metabolizzarla e voltare subito pagina, perché davanti a te c’è già un altro match da preparare. A livello di morale non è cambiato molto all’interno dello spogliatoio. Per chiudere una serie occorrono quattro successi e i Lions sono solo a quota 3: adesso sta a noi fare in modo che quel 4 non lo raggiungano mai. I mezzi per riuscirci li possediamo tutti, e lo abbiamo già dimostrato. La situazione è delicata, e ne siamo ben consapevoli: non possiamo più perdere, né commettere errori. Per vincere il titolo dobbiamo infilare tre successi consecutivi, ma per farlo non possiamo che procedere un passo alla volta, iniziando da gara 5. Se vogliamo arrivare fino in fondo, e lo vogliamo, dovremo scendere in pista concentrandoci solo sulla partita che ci sta davanti, pensando a ciò che possiamo fare bene noi. È così per gara 5, e sarà lo stesso per quelle che la seguiranno».

Durante i playoff, il Lugano è già stato confrontato con momenti delicati, soprattutto in gara 3 della semifinale col Bienne (sotto 0-2 nella serie e di 3 reti alla Tissot Arena): come se ne esce? «Si superano restando uniti, supportandoci in panchina e aiutandoci; a chiunque può capitare di commettere un errore, l’importante è non puntare il dito verso di lui. La semifinale col Bienne insegna che se sappiamo giocare compatti dando il massimo, possiamo riprendere in mano la serie».

Ironia della sorte, la situazione ricorda la storia della finale del 2000/01, quando i bianconeri, vincitori della regular season, conducevano 3-1 nella serie contro i Lions, ma poi si videro rimontati e battuti alla settima... Lo stesso scenario che, appunto, sogna ora di riproporre a ruoli invertiti la formazione di Ireland.

Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
gara
serie
lions
passo
finale
partita
lunedì
successi
pista
© Regiopress, All rights reserved