SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Qatar 2022
10 ore

L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea

Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
10 ore

L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’

L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
12 ore

Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping

Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
13 ore

Ai rigori vince la Croazia

I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
13 ore

Tutti i numeri di Kylian Mbappé

Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
14 ore

Sotto indagine dirigenti e giocatori della Celeste

La Fifa apre una procedura per quanto avvenuto al termine della sfida vittoriosa contro il Ghana
QATAR 2022
14 ore

La Fifa ha deciso, gol di Griezmann da annullare

Respinto il ricorso della federazione francese, che riteneva scorretto l’uso del Var nella sconfitta contro la Tunisia
QATAR 2022
14 ore

La Fifa apre un’inchiesta disciplinare contro la Serbia

In merito alle tensioni venutesi a creare in campo nella partita con la Svizzera. Nessun procedimento contro l’Asf e Granit Xhaka
QATAR 2022
15 ore

Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti

Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
16 ore

Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica

Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
FORMULA 1
laR
 
10.06.2022 - 19:32

Max Verstappen a Baku cosa s’inventerà?

In Azerbaigian la pista s’adatta allo stile di Charles Leclerc, ma la Ferrari dovrà anche fare attenzione a non ripetere i suoi molti microerrori

di Paolo Spalluto
max-verstappen-a-baku-cosa-s-inventera
Keystone
Sarà spettacolo nello spettacolo, per un Mondiale in cui non c’è un vero padrone

Le corse, da sempre, sono fatte di minuziosità. Ricordiamo anche di recente come le tante sbavature di Lewis Hamilton nel corso del Mondiale 2021 lo portarono a doversi giocare tutto all’ultima gara con Max Verstappen. La Ferrari sta commettendo un errore simile: è forte, molto forte, è dolce e parsimoniosa, tratta bene le gomme, entra ‘seduta’ giusta nelle curve dolci, ha un pilota in splendida forma. Ma nelle prime gare del Mondiale, anziché allungare ha perso punti preziosi. Lo ha fatto in primis per l’incapacità cronica di dare un ordine di squadra ai piloti, e mantiene Charles Leclerc e Carlos Sainz in un limbo di parità che è nocivo, a differenza di ciò che succede alla Red Bull ove Marko ha posizionato in modo palese Sergio Perez versus Max Verstappen. Poi, la Rossa commette molti microerrori, su tutti quello di cui al punto sopra, accettando che Sainz potesse rifiutarsi di entrare ai box al momento richiesto, mettendo in tensione i propri uomini. Si scrive molto di una pista di Baku che sia adatta allo stile di Leclerc, ed è vero. Ma oggi come oggi in questo Mondiale così bilanciato non esiste un autentico dominatore e questo lo rende un campionato avvincente.

Nella seconda sessione delle libere si confermano le gerarchie usuali, e anche qui emerge un tema riguardo ai due team: mentre la Red Bull lotta con due monoposto, la Rossa in mezzo si ritrova Alonso. L’obiettivo deve essere il recupero di un Sainz partito bene, ma che un po’ come facevano Barrichello e Massa lamenta di non trovarsi a suo agio, e via dicendo. Semplicemente, specie quanto a killer instinct, Leclerc lo batte regolarmente.

Che futuro avrà la F1 ‘full electric’?

La decisione adottata dall’Unione europea di mettere uno stop ai motori a benzina e diesel dal 2035, così come il niet ai carburanti sintetici ed ecologici ha aperto qualche ulteriore tensione in merito al futuro della massima formula. Le grandi case automobilistiche dietro le quinte sono coscienti quanto l’attuale auto elettrica non sia sostenibile e percorribile. Mentre la politica che cerca demagogia in un tema chiave quale quello del clima cavalca il cambiamento, non cosciente di andare contro un muro.

Le soluzioni sono in fase di avanzata ricerca, ma che futuro avrà la F1 ‘full electric’? Verso la Formula E? Molte case automobilistiche hanno in casa motori endotermici che possono consumare un litro per cento chilometri, alla ricerca di un buon compromesso con l’ibrido (tipo: vado a Zurigo sfruttando il propulsore termico, entro in città in modalità elettrica ed esco con quella termica e ricarico, uguale poco consumo). La stessa F1 sta pensando di adottare propulsori più attenti, meglio correlati tra le due funzionalità: ma che senso avrà sviluppare una tecnologia condannata anzitempo? Sarà quello il tema centrale, che coinvolgerà la gloria del Motorsport rispetto a un’ondata ecologista che parla di temi cruciali ma li affronta spesso in modo retorico. Non una buona cosa per la Formula 1 e per tutto il mondo delle corse, soprattutto dall’ottica degli sponsor, che in questo momento crescono primariamente in un settore delle criptovalute che sta diventando il settore emergente.

Domani, intanto, a Baku è tempo di qualifiche, con il monegasco della Ferrari che farà bene. Ma, ancora una volta, è la domenica ciò che conta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved