WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
2
3. tempo
(2-0 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
PHI Flyers
04:00
 
WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
2
3. tempo
(2-0 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
PHI Flyers
04:00
 
f1-verstappen-e-hamilton-scintille-e-accuse
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
7 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
7 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
8 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
9 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
12 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
12 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
15 ore

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
15 ore

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
16 ore

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Formula 1
30.07.2021 - 19:490
Aggiornamento : 21:12

F1, Verstappen e Hamilton, scintille e accuse

Finalmente gli appassionati hanno un Mondiale combattuto, con due contendenti veri, che se le danno di santa ragione in pista e fuori

Giunti nel torrido Hungaroring ove l'aria era davvero irrespirabile, con temperature elevatissime, a tenere banco prima ancora dei risultati delle libere del venerdì, sono state le querelle e le scaramucce tra Horner e Wolff. In buona sostanza Red Bull ha presentato un reclamo alla Fia nel quale sosteneva la gravità del comportamento anti sportivo di Hamilton, nonché si sottolineava la brutta percezione avuta per la visita fatta da Wolff ai commissari durante la gara per perorare l'innocenza del suo pilota, sui quali potrebbe essere stata esercitata qualche forma di pressione. Il risultato è stato che il ricorso è stato respinto, con alcune frasi sibilline nelle quali la Fia ha dichiarato di non avere gradito l'accusa. Aggiungendo inoltre che, alla luce del fatto che tutto è finito in nulla, non avrebbe a sua volta sanzionato il team bibitaro.

Si arriva così alla conferenza stampa, nella quale i due si trovano fianco a fianco. Da un lato Horner, pur avendo precisato di non avere voluto offendere Hamilton e il team e di continuare a ritenere grave il comportamento del sette volte campione del mondo, accetta la decisione presa. Wolff a sua volta, che aveva emesso in mattinata un comunicato durissimo, ha ammesso il fastidio provato ma ha altresì precisato di non voler gettare altra benzina sul fuoco. La nostra opinione? Questa rivalità in pista e fuori è finalmente oro per la F1 che ha bisogno di personaggi e discussioni.

Freccia d'argento davanti

In pista la ex Freccia d'argento è sempre stata davanti, con Bottas su Hamilton e Verstappen a inseguire. Osservando in special modo il passo gara, quello che viene di solito preparato nella seconda parte di libere, i tempi dei due sono mediamente di tre/quattro decimi migliori dell'olandese. La Ferrari ha svolto il solito allenamento in vista della gara, solo domani sarà possibile capire il reale valore del cronometro della Rossa, che molti danno in recupero. Su tutti Norris che con realismo parla di difformità di mezzi oggettivi a disposizione, pur essendo  motivato a proteggere la terza posizione nella classifica costruttori.

Proprio in casa Ferrari e attorno cresce il malcontento sulla gestione Binotto dei rapporti umani. Parrebbe uscire una rilevante difformità tra l'immagine pubblica solare e quella interna che mira a tagliare fuori i dissidenti. James Allison, ora in quota Mercedes-Benz, è uno di questi. Per non dire di Simona Resta, epurato e mandato alla Haas per la sola colpa di essere troppo chiaro nei giudizi critici di conduzione. Due tecnici che a Maranello farebbero molto comodo ancora oggi. Lo stesso Binotto, non possiamo citare la fonte, è ai ferri corti con Leclerc. Il monegasco proprio non si trova con lui, tanto dall'essersi costruito uno schermo protettivo all'interno del tema, sfogandosi poi in whatsapp con gli amici più cari.

Male Giovinazzi

Molto male Giovinazzi, attardato da un problema nella prima sessione, per poi accumulare giri non felici nella seconda. Intanto a Hinwil abbiamo la sensazione che dei due piloti attuali nemmeno uno sarà nel 2022 in seno alla scuderia. La campagna acquisti è in corso, il team vuole crescere, arriveranno un pilota esperto finlandese e un giovane.

La nomina in Alfa Romeo di Cristiano Fiorio quale responsabile della marca in seno al team è il chiaro segnale che se da un lato Tavares e Imparato hanno speso la loro parola e hanno il peso per restare in F1, ora è tempo di un nuovo approccio e di aumentare l'intensità della relazione. Nemmeno Fiorio però, figlio del grande Cesare e fratello del campione rally Alex, può far sì che arrivino i cavalli attesi dal propulsore Ferrari, contenuti dopo lo scandalo sopito della pompa benzina fuorilegge del 2019.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved