laRegione
Berna
0
Zugo
0
fine
gp-di-sakhir-perez-la-gioia-russell-una-certezza
Keystone
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
2 ore

Losanna una spanna sopra l'Ambrì Piotta

I vodesi chiudono la pendenza gi<â a metà partita. Leventinesi travolti da un secco 0-6
Formula 1
2 ore

Se la Ferrari è (anche) donna. 'Ho fatto bene a sognare'

La sedicenne olandese Maya Weug è la prima ragazza a venir ammessa alla Driver Academy di Maranello. 'Ricorderò questa giornata per sempre'
Sci
3 ore

Multiple lesioni per Urs Kryenbühl, stagione finita e lungo stop

Lo svizzero è stato vittima di un volo spaventoso sull'ultimo salto quando era lanciato a quasi 150 all'ora, dove nel 2009 cadde Daniel Albrecht
Calcio
5 ore

L'acquazzone ferma il Chiasso: ci si riprova domani

Al Riva IV le forti piogge impongono il rinvio della sfida in programma stasera contro il Winterthur. Tutto rinviato al pomeriggio di sabato, alle 17
FOOTBALL
6 ore

Tutti insieme appassionatamente: in 22 mila al Superbowl

Nonostante il Covid, molta gente potrà assistere dal vivo alla finale di Tampa, il 7 febbraio. Tra loro oltre 7000 tra medici e infermieri già vaccinati
Altri sport
7 ore

Il Motomondiale parte il 28 marzo. Con due Gp in bilico

Pubblicato il calendario della nuova stagione: il via con un doppio appuntamento in Qatar, ma la corsa in Argentina e quella delle Americhe sono in sospeso
Sci
9 ore

Gut-Behrami e compagne steccano nella vittoria di Goggia

Nella discesa di Crans-Montana dominata dall'italiana le "big" rossocrociate chiudono lontanee così le migliore elvetiche sono Flury (quinta) e Nufer
Sci
10 ore

Un grande Feuz vince a Kitzbühel, terribile caduta per Kryenbühl

Il bernese, quattro volte secondo sulla Streif, autore di una discesa strepitosa, s'impone davanti a Mayer e Paris. Schianto dello svittese sul salto finale.
Calcio
13 ore

Il Lugano accoglie il terzino Opara e saluta Odgaard

Christopher Lungoyi diventa di proprietà della Juventus (operazione inversa per Monzialo) ma può restare in bianconero fino al 2022. Parte anche Seferaj.
Altri sport
17 ore

Olimpiadi di Tokyo, il Giappone smentisce The Times: 'Si faranno'

Dopo un articolo pubblicato dal quotidiano britannico che ventilava un posticipo al 2032 viene dichiarato che ogni tentativo verrà effettuato
Calcio
17 ore

Sepp Blatter è in coma artificiale

L'ex presidente della Fifa 'sta facendo progressi ogni giorno, ma ci vorrà molto tempo per guarire' afferma intervistata la figlia
Formula 1
06.12.2020 - 21:090

Gp di Sakhir: Perez la gioia, Russell una certezza

Primo successo in carriera per il messicano e prima storica affermazione della scuderia Racing Point motorizzata Mercedes. Che beffa per le Frecce d'Argento

La gara di Sakhir è stata sorprendente come poche, va detto, complice anche la brevità del percorso che pareva una pista di Kart. Russell ha colpito duro nel cuore di qualsiasi appassionato e Perez ha commosso con il suo silenzio e le lacrime per la prima vittoria della carriera, proprio lui che rischia nella stagione 2021 di non avere un sedile. Il messicano è stato straordinario, un vero vincitore. Pieno merito a un ragazzo serio e capace, che a Hinwil ricordano ancora per l'exploit di Monza, e che deve restare in F1. Se la Racing Point è a questo livello, molto merito va alla sua paziente richiesta della prestazione e nella messa a punto della macchina, beninteso con l'aiuto di Mercedes-Benz che non può certo essere messo in discussione. "Checo", come tutti lo chiamano, ha uno sponsor meno munifico che non nel passato un certo Carlos Slim, magnate messicano, ma deve trovare un sedile per la stagione 2021, quella nella quale ci sarà Mick Schumacher in Haas che ieri si è laureato campione di F2.

Tutto è avvenuto come in una gara a eliminazione, nella quale per una volta purtroppo la Mercedes-Benz ha davvero sbagliato tutto, e da sola. Al via Leclerc si fa prendere dalla foga: gomme fredde subito una staccata al limite inutile, tocca Perez e ostacola Verstappen che va lungo e non rientra per evidente sottosterzo e perdita di portanza. L'olandese non aveva rifatto la ricognizione del tracciato e ha forse pagato a duro prezzo questa leggerezza perché non si è reso conto del cambio di asfalto che era derivante dall'uscita. Peccato, perché due protagonisti sono usciti subito con conseguente safety car. Alla ripartenza tutto bene e Russell domina, in modo deciso e chiaro, mettendo in palese imbarazzo Bottas che la monoposto la conosce da anni ormai.

Scambio di pneumatici

La corsa si è decisa su un errore clamoroso ai box. Innanzitutto le due Mercedes entrano assieme, con Russell davanti, I meccanici si accorgono di avere lo pneumatico anteriore sinistro di Bottas. Il regolamento vieta dunque di montarlo. Russell esce, Bottas attende e perde tempo. Russell recupera come un forsennato, giro veloce dopo giro veloce, arriva nel pressi di Perez ma purtroppo buca. Rientra al box, monta le soft, ma la gara della vita se ne è andata, come del resto quella di Bottas che resta anche lui attardato dai tempi del pitstop.

È una vera disdetta: Russell avrebbe vinto, e qui vanno dette due cose con grande chiarezza: la prima è che il giovane è oggettivamente un talento, non si discute. Va però aggiunto che queste monoposto sono davvero troppo semplici da condurre. Hulkenberg che è una persona per bene lo ha subito detto quando è salito sulla Racing Point. In "politichese" ha detto frasi del tipo che ci fosse un feeling inalterato, ma la realtà è che guidare sia troppo facile. Senza nulla togliere al talento di Hamilton, quanto successo a Russell ci svela con chiarezza quali siano i valori in campo.

Disastro Ferrari

Ferrari inguardabili con Vettel in pratica assente tutta la gara e Leclerc che ha gettato al vento un buon risultato potenziale. Inutile poi piangere sul latte versato: l'errore è stato solo suo e abbiamo tutti compreso quanto la fretta del monegasco non sia buona cosa né per lui né per la squadra.
 
Un altro pilota in casa Wolff, Ocon, il cui cartellino è del manager austriaco, ha a sua volta raggiunto un risultato straordinario di cui essere fiero. È stato attento, maturo, disciplinato. In una gara così confusa, è stata questa la vera ricetta per conquistare un atteso secondo posto. Male le Sauber, mai davvero in gara ancora una volta. Raikkonen purtroppo è apparso insolitamente opaco per tutto il weekend di gara.

Abu Dhabi ospiterà il gran finale: se rientra Hamilton, a Russell rimarrà il rammarico di un risultato mancato non per colpa sua. Grosjean invece ha concluso la sua carriera in F1 purtroppo senza poter correre, ma gli sarà tributato un saluto importante comunque.

 

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved