laRegione
Chiasso
0
Wil
0
1. tempo
(0-0)
Sciaffusa
SC Kriens
19:00
 
la-noia-e-la-regola-in-f1-hamilton-domina-anche-in-spagna
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
3 ore

Rémy Bertola mai così in alto, dopo mesi complicati

Dal calo di motivazione alla vittoria su Tommy Robredo. Intervista al 22enne luganese, numero 9 in Svizzera
Basket
6 ore

Sam per il poker: 'Gruppo solido dentro e fuori dal campo'

Dopo aver battuto Olympic e Neuchâtel la Spinelli di Gubitosa cerca il quarto successo in altrettante partite contro Ginevra, altra squadra di alta classifica
Hockey
19 ore

I Ticino Rockets mancano l'aggancio in vetta

La squadra allenata da Eric Landry ha pagato a caro prezzo un primo tempo chiuso sotto 3-0 inchinandosi 6-1 in casa contro l'Ajoie
Formula 1
20 ore

C'era una volta il Gp di San Marino...

La crisi economica lo ha messo in ginocchio, quella legata al Covid una seconda chance che chiude il tris di prove del Mondiale su territorio italiano
CALCIO
23 ore

L'Inghilterra piange Nobby Stiles

Mediano dal gioco duro come la roccia, era stato il perno della Nazionale inglese che nel 1966 aveva conquistato il titolo mondiale
CALCIO
1 gior

Quarantena soft quale àncora di salvezza

Rinviata Lugano - Young Boys. Michele Campana: 'Se il Governo vuole che lo sport prosegua deve garantirci le condizioni quadro'
Calcio
1 gior

La sospensione dei campionati Attivi e Seniori ora è ufficiale

La Ftc ha reso formale la decisione dopo il rinvio di tutte le partite sino al 12 novembre, sottolineando che si cercherà di anticipare la ripresa dopo l'inverno
Altri sport
1 gior

Tokyo 2020, gli organizzatori ci credono ma intanto rimborsano

Presentate le modalità per richiedere la restituzione della somma spesa per acquistare un tagliando (circa 4,5 milioni quelli venduti) per i Giochi olimpici
Altri sport
1 gior

Oltre sette milioni di franchi per l'atletica rossocrociata

Swiss Olympic ha accolto la richiesta di aiuti formulata dalla Federazione svizzera, a sua volta interpellata da circa 200 società e organizzatori
Calcio
1 gior

Ne rimarrà soltanto una (forse): San Gallo - Basilea

In Super League questo weekend confermato il rinvio di Lugano - Young Boys (su richiesta dei bianconeri, con 8 giocatori in quarantena) e pure Servette - Zurigo
Hockey
1 gior

Non c'è due senza tre: Ginevra in quarantena (preventiva)

Dopo Losanna e Zugo, anche il Servette è costretto a fermarsi. Almeno per oggi: ancora da definire se potrà giocare domenica contro il Lugano
Formula 1
16.08.2020 - 19:180

La noia è la regola in F1: Hamilton domina anche in Spagna

A Montmelo il britannico della Mercedes ha preceduto Max Verstappen (Red Bull-Honda) e il compagno di scuderia Valtteri Bottas

Lewis Hamilton (Mercedes) ha conquistato senza difficoltà anche il Gran Premio di Spagna. A Montmelo il sei volte campione del mondo ha preceduto Max Verstappen (Red Bull-Honda) e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Partito in pole position, Hamilton ha fatto gara in testa sin dalla luce verde e ottenuto l'88esima vittoria della carriera, la quarta in questa stagione, in sei Gran Premi disputati. È ormai a soli tre successi dal record di vittorie di Michael Schumacher.

Hamilton, fortissimamente Hamilton. Tutto qui, nulla e nessuno ha mai messo in discussione una vittoria conquistata subito allo start. Nemmeno Bottas che nelle interviste del sabato aveva profetizzato una partenza perfetta. Infatti ha perso tre posizioni. Un indizio su tutti che è anche certezza. Verstappen nei primi giri chiama in radio il team e dice in sostanza ai suoi che secondo lui Lewis fa apposta ad andare piano. Viene udito. Il campione del mondo in carica infila tre giri veloci, gli rifila pronti via un secondo a lap e il distacco aumenta. Poi rallenta di nuovo.

F1 troppo facili

Inutile dare colpe alla Mercedes-Benz di uccidere una disciplina sportiva, qualcosa deve essere accaduto in questa formula se la componente tecnologica ha ucciso la capacità del pilota in favore di squadroni di ingegneri che gestiscono le cose in pista. Hulkenberg ne è esempio vivente. A parte il suo talento personale che apprezziamo molto, vederlo tornare in F1 dopo nove mesi ed essere immediatamente competitivo sta a significare con certezza che oggi le F1 sono troppo facili. Meglio prendere piloti giovani, possibilmente con sponsor, che chiedono poco e ubbidiscono molto e giù la visiera. La gara di ieri contiene anche nomi di talento, ma il divario è un abisso incolmabile. Nelle interviste della settimana Binotto a esempio ha dovuto ammettere – e parliamo di Ferrari – che il massimo forse obiettivo del 2021 possa essere il secondo posto, perchè per il primo nulla vi è da fare. Solo Verstappen cerca di contrastare questo strapotere (ricordiamolo, con propulsore Honda), e almeno si è preso un secondo posto confortevole e meritato. Bottas al termine ha cercato almeno il giro veloce in gara cambiando le coperture una volta in più del lotto, consolazione presa.

Vettel a due facce

In corsa abbiamo visto un Vettel con due facce. Ha dichiarato che la posizione corretta della sua Ferrari fosse la decima, ma con una accorta strategia di non consumo delle coperture è riuscito con i denti a giungere settimo. Un elemento tecnico della Rossa: consuma poco le Pirelli, almeno questo. Leclerc, che era davanti, è uscito verso il termine per un blocco elettrico che ha portato anche all’azzeramento del posteriore e conseguente ritiro dopo che misteriosamente la sua monoposto è ripartita. Ci è piaciuto Raikkonen, finalmente, partito bene in griglia sabato con buon tempo, finalmente non costretto a essere escluso già nel primo lotto di cronometri. Ha chiuso 14esimo. Segnali di ripresa.

Sempre serrata la lotta nei team di centro, con Williams e McLaren obbligate a non perseguire sportivamente la Rosina, o meglio Mercedes 2. Penalità di cinque secondi a Perez e Kvyat per non avere rispettato le bandiere blu.

La pista di Barcellona è sempre molto "calda. Di solito vi si corre in maggio proprio per questa ragione. È anche un circuito interessante sul profilo meramente tecnico perchè essendo perfettamente conosciuta e mappata dai team diventa cartina tornasole dei valori in pista, senza discussione. Bottas si è lamentato della macchina e tuta nere che portavano grande calore addosso, chiedendo di tornare all’argento bianco del passato.

Una settimana di pausa e si va a Spa, pista mitica in tempi normali, probabile palcoscenico di altro monologo della Stella d’Argento che sa perfettamente come pure sul piano del marketing questa supremazia senza lotta non renda.

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved