italia-inghilterra-il-pronostico-falsato
+1
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
7 ore

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
10 ore

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
11 ore

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
13 ore

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
13 ore

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
1 gior

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
1 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
1 gior

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
1 gior

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
1 gior

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
1 gior

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
1 gior

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
1 gior

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
1 gior

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
1 gior

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
1 gior

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
1 gior

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
TENNIS
1 gior

Finisce subito l’avventura francese di Viktorija Golubic

La 29enne zurighese battuta in tre set (6-2 2-6 6-1) dalla statunitense Katie Volynets, piazzata al di là della centesima posizione nella classifica Wta
CALCIO
1 gior

Breitenreiter lascia lo Zurigo per l’Hoffenheim

Dopo aver vinto il titolo della Super League, il tedesco fa ritorno in Bundesliga con un contratto valido per le prossime due stagioni
10.07.2021 - 05:10

Italia-Inghilterra, il pronostico ‘falsato’

Abbiamo chiesto a sei ‘esperti’ del nostro calcio chi vincerà la finalissima domenica a Wembley, ne esce un 4-2 per gli Azzurri mascherato da 3-3

Domenica alle 21 gli occhi degli appassionati di calcio di tutto il mondo saranno puntati su Wembley e sulla finale dell’Europeo tra Inghilterra e Italia, due squadre giovani (25,3 anni l’età media degli inglesi, 27,7 quella degli italiani, alzata in maniera marcata dai senatori Chiellini, Bonucci e Sirigu) con un’impostazione per certi versi agli antipodi: improntata sulla forza del gruppo e votata all’attacco quella di Mancini, molto più difensivista e costruita attorno alle star Kane e Sterling quella di Southgate. Quale delle due visioni del calcio avrà la meglio, lo abbiamo chiesto a (ex) allenatori, giocatori ed esperti del pallone del nostro cantone (o legati a esso, così come alla vicina Penisola), ai quali abbiamo posto una semplice domanda: chi vincerà e perché?

Livio Bordoli: ‘L’Italia gioca meglio, ma vince l’Inghilterra’

«Per me vince l’Inghilterra, perché gioca in casa, è una squadra rognosa e anche perché tutti danno favorita l’Italia – afferma il responsabile tecnico della Federazione ticinese di calcio nonché ex giocatore e allenatore di, tra le altre, Locarno, Bellinzona, Chiasso e Lugano –. In molti danno per scontata una vittoria degli Azzurri, anche nella stessa vicina Penisola, e anche se non credo che i giocatori di Mancini prenderanno sottogamba l’avversario in quanto in una finale non puoi di certo permettertelo, dovranno stare attenti e scendere in campo con la giusta mentalità. Lo ammetto, non mi piace come gioca l’Inghilterra, se penso ad esempio alla partita con la Germania è stata una delle più brutte che ho visto all’Euro, però l’ha vinta. L’Italia gioca decisamente meglio, ma quella di Southgate è una squadra tosta da battere, ha subito un solo gol oltretutto su palla ferma e davanti ha giocatori veloci che potrebbero mettere in difficoltà la retroguardia italiana. Chi deciderà la partita? Kane».

Raimondo Ponte: ‘Cuore e testa dicono Azzurri, decide Insigne‘

«Dico Italia, per il cuore ma anche perché credo che gli Azzurri contro l’Inghilterra avranno decisamente meno problemi di quelli incontrati contro la Spagna in semifinale – ci dice l’ex allenatore tra le altre di Chiasso, Bellinzona, Lugano, Sion e Aarau, nonché ex nazionale rossocrociato in possesso anche della nazionalità italiana grazie alle sue origini napoletane –. Iberici e inglesi hanno un modo totalmente opposto di giocare, i primi fanno del possesso palla il loro mantra, mentre i britannici sono più attendisti, stanno chiusi e aspettano il momento giusto per colpire con la qualità dei loro attaccanti. Un atteggiamento quest’ultimo che secondo me faciliterà l’Italia, che ha sempre fatto bene contro squadre di questo tipo e che potrà giocare come piace a lei e alzare il baricentro. Se poi i vari Insigne, Immobile, Chiesa e Berardi saranno in una giornata sì, faranno la differenza. È vero che l’Inghilterra avrà il pubblico dalla propria parte e questo è un bel vantaggio, ma l’Italia ha le carte in regola per vincere il titolo. E lo meriterebbe. Se devo scegliere un protagonista, dico Insigne».

Pier Tami: ‘Per quanto visto finora, Chiesa e compagni sono più forti’

«È sempre difficile fare un pronostico per una partita del genere, nella quale come sappiamo bene può succedere di tutto, ma se devo scegliere propendo per l’Italia – spiega il direttore delle squadre nazionali rossocrociate, che assieme a tutti noi ha sicuramente sognato di poter essere con la Svizzera (tra l’altro sconfitta 3-0 dagli Azzurri nella fase a gironi) al posto delle due finaliste, sogno infrantosi ai quarti di finale con la Spagna –. Basandomi su quanto visto fin qui all’Euro, la selezione di Mancini ha sicuramente giocato meglio dell’Inghilterra e ha dimostrato di essere più forte, nonché più squadra. E non penso che il fattore campo possa bastare per colmare il gap tra le due compagini. A decidere il match potrebbe essere ancora una volta Chiesa».

Andrea Maccoppi: ‘1-0 ai supplementari con gol decisivo di Pessina’

«Ammetto di non avere particolari sensazioni, sono solo teso – confessa il centrocampista milanese del Chiasso, già giocatore di Locarno (dov’era arrivato da Piacenza nel 2010), Vaduz, Losanna e Servette –. A differenza di altri, non vedo l’Italia così favorita, perché gioca contro un’ottima squadra che oltretutto avrà una spinta incredibile dai suoi tifosi, un fattore decisamente pesante. Il fatto che in generale gli Azzurri, esclusa la partita con la Spagna, abbiano giocato meglio in questo Europeo si azzera completamente, si riparte da zero in una finale del genere. Detto ciò, spero e penso comunque che vinca l’Italia, dico 1-0 ai supplementari con gol decisivo di Pessina, un giocatore che mi piace tantissimo anche come ragazzo per come ragiona e come si esprime fuori dal campo».

Arno Rossini: ‘La spinta di tifosi e media inglesi potrebbe essere decisiva’

«La tentazione di dire Italia c’è visto quanto mostrato fin qui dagli Azzurri, ma l’Inghilterra gioca in casa e questo può fare la differenza – spiega l’ex tecnico di Bellinzona, Locarno e Sion –. La spinta del pubblico sarà importante, così come altissime sono le attese dei media e di tutta una nazione e credo che questi elementi saranno ulteriori stimoli per gli inglesi e non un problema, in quanto sono tutti giocatori abituati a giocare ad alti livelli e quindi anche a gestire questo tipo di pressione. Chi deciderà la sfida? Harry Kane, per furbizia, movimenti, esperienza, fiuto del gol e visione di gran lunga il miglior attaccante dell’Europeo».

Marco Degennaro la gufa: ‘Inglesi e Sterling imbattibili’

«Non ci piove, finisce 0-2». Quindi per l’Italia, visto che si gioca a Wembley… «No, no, assolutamente no, è Italia-Inghilterra, quindi ho detto che vince l’Inghilterra». Per chi ancora non l’avesse capito, Marco Degennaro, torinese doc da una vita in Svizzera dove ha ricoperto il ruolo di direttore generale a Bellinzona, Chiasso, Sion e ora Yverdon, è scaramantico. Ci proviamo, a farlo cedere, ma riusciamo solo a strappargli l’ammissione che «sì, mento, ma non mi sentirete mai prima di una partita del genere dire qualcosa di diverso, io tifo Inghilterra...». Per rimanere coerente, “Dege” sottolinea come «il fattore campo sarà determinante e la partita verrà decisa da Sterling».

Pensate se dovesse davvero andare a finire così...

EURO 2020: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved