KOLAR Z. (CZE)
1
TSITSIPAS S. (GRE)
3
fine
(3-6 : 6-7 : 7-6 : 6-7)
raheem-wembley-e-il-sogno-di-un-bambino
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 ora

Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa

Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
4 ore

Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso

Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
4 ore

‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’

Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
5 ore

Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti

In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Calcio
5 ore

Valon Behrami ha detto addio al calcio giocato

A svelarlo un post di un suo compagno al Brescia, eliminato domenica dai playoff di Serie B. Il 37enne ha vestito 83 volte la maglia della Svizzera
Formula 1
6 ore

Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola

Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
tennis
9 ore

Henri Laaksonen saluta il Roland Garros

Nulla da fare per l’elvetico contro il danese Rune nel secondo turno dello Slam di Parigi
CALCIO
1 gior

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
1 gior

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
1 gior

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
EURO 2020
08.07.2021 - 14:39
Aggiornamento : 17:10

Raheem, Wembley e il sogno di un bambino

Sterling, attaccante della Nazionale inglese, è cresciuto nel quartiere di uno stadio del quale voleva diventare il re

Domenica, Raheem Sterling vestirà i panni di giocatore chiave dell'Inghilterra nella finale del campionato europeo contro l'Italia. Sarà in campo a Wembley, quello stadio al quale è sempre stato così vicino. Così vicino, eppure così lontano. Una foto ritrae Raheem Sterling fuori dalla sua scuola, nel quartiere londinese di Wembley, con sullo sfondo il famoso arco alto 134 metri dello stadio. Un luogo iconico che sembrava fuori dalla portata per i ragazzi del quartiere. Ma non per Raheem Sterling.

Ora, a 26 anni, è molto orgoglioso delle sue umili origini. «Vengo da Wembley», ha detto al Guardian. Il quartiere possiede un pato comunale dal quale si gode una vista diretta dell'iconico stadio. Qui Sterling giocava con gli amici, la maggior parte dei quali aveva due o tre anni in più. Ora, Sterling porta lo stadio tatuato sull’avambraccio.

Mai una pistola

Un altro tatuaggio – con un soggetto decisamente meno affascinante – fa mostra di sè sulla gamba del giocatore: un fucile d'assalto M16. L'attuale stella del Manchester City è nata in Giamaica. Quando aveva due anni, suo padre fu colpito a morte per le strade di Kingston. Su Instagram, Sterling ha spiegato il motivo per il quale si è fatto tatuare un’arma da fuoco: «Ho giurato che non avrei mai toccato una pistola in vita mia. Io sparo con il piede destro».

Un proposito che non è stato facile mantenere. Wembley, nel nord-ovest della capitale inglese, è una zona residenziale difficile. Il 92% degli alunni della Copland School, frequentata anche da Sterling, appartengono a minoranze etniche, parlano più di 50 lingue diverse e più di un terzo ha diritto a pasti scolastici gratuiti a causa del basso reddito. Sterling ha fatto parte della formazione giovanile del Queens Park Rangers prima di passare, all’età di 15 anni, nelle giovanili del Liverpool. «Aveva necessità di allontanarsi da Londra, da quel quartiere, da quell'ambiente violento, costellato da bande di strada», ha spiegato un giorno sua madre.

Nadine Clarke, la madre, in Giamaica era stata una rispettabile atleta di atletica leggera. Dopo la morte del marito, si era trasferita a Londra in cerca di lavoro, lasciando Raheem, che allora aveva appena due anni, alle cure della nonna. «Mia nonna era fantastica, ma ero geloso degli altri bambini quando li vedevo con le loro mamme. A quel tempo non riuscivo a capire cosa facesse la mia per me». Soltanto dopo tre anni di separazione, era stato possibile per Raheem raggiungere la madre nella capitale inglese.

Tutto tranne che scontato

Così, quando ha iniziato a frequentare la scuola di Wembley, il suo allenatore ha capito subito la qualità del diamante grezzo che aveva tra le mani. «Non era mai scontato – ricorda Paul Lawrence, che ha lavorato anche nei settori giovanili di Chelsea, Fulham e Queens Park –. Era eccezionale. Ho capito fin dal primo giorno che ce l'avrebbe fatta a costruirsi una carriera da professionista».

Sterling ora vive nell’assai più elegante contea di Cheshire, tra Liverpool e Manchester. Però visita regolarmente la sua vecchia scuola. In vista della semifinale di Coppa d’Inghilterra del 2019, in programma a Wembley tra Manchester City e Brighton, ha comprato 550 biglietti e li ha fatti distribuire tra alunni e insegnanti della Colpand School, in modo da permettere loro di vedere dall’interno quello stadio che tutti i giorni osservavano dall’esterno. E dopo una partita giocata con la Nazionale a a Southampton, si presentò alla sua vecchia scuola e firmò sul posto la maglietta che aveva indossato, con una dedica speciale: “per la mia scuola preferita”.

Domenica tornerà a Wembley per la più importante partita della sua vita. Con i suoi dribbling, gol e assist, è una delle ragioni principali per cui un’Inghilterra per il resto non particolarmente esaltante è riuscita a raggiungere l’atto conclusivo del torneo continentale. Eppure alcuni opinionisti non lo volevano nemmeno in squadra dopo una stagione mediocre con il Manchester City. Circa 15 anni dopo aver sognato “di essere un giorno il re di Wembley”, Sterling è a un passo dal realizzare il suo sogno d’infanzia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
euro2020 quartiere raheem sterling scuola wembley

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved