Inghilterra
0
Senegal
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
0
Ginevra
1
1. tempo
(0-1)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
22 min

La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi

Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
1 ora

Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese

Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
1 ora

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
1 ora

Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia

Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
QATAR 2022
2 ore

Negli ottavi la Svizzera si gioca quattro milioni di dollari

L’Asf ha intascato 13 milioni per il superamento della fase a gironi. La Nazionale campione del mondo intascherà 42 milioni
Volley
2 ore

Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa

Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
2 ore

Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel

All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
QATAR 2022
3 ore

La Seleçao verso la sesta stella trascinata da Pelé

I problemi di salute dell’82enne O’Rei inducono Neymar e compagni a giocare anche per colui che della maglia verdeoro è il simbolo
Formula 1
3 ore

Il Circus piange la morte di Patrick Tambay

Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
QATAR 2022
4 ore

L’Asf e la grana di un capitano incapace di gestire le emozioni

La federazione svizzera ancora una volta nel mirino della critica dopo i nuovi eccessi di Granit Xhaka
QATAR 2022
6 ore

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
7 ore

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau. Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
21 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
21 ore

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
22 ore

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
22 ore

Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince

I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
1 gior

Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt

Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
1 gior

Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono

Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Euro 2020
02.07.2021 - 20:43
Aggiornamento: 22:15

Svizzera, stavolta è beffa ai rigori. Spagna in semifinale

1-1 il risultato dopo 120' di gioco appassionanti (autorete di Zakaria, gol di Shaqiri nella ripresa). Rossocrociati in dieci dal 77' per il rosso a Freuler

svizzera-stavolta-e-beffa-ai-rigori-spagna-in-semifinale
+5

Come a Bucarest lunedì contro la Francia, ci sono voluti i calci di rigore per separare Svizzera e Spagna. Dal dischetto ha prevalso la Spagna, promossa così alla prima delle due semifinali degli Europei in programma martedì. Fatali, per le legittime ambizioni di una Nazionale tutta cuore, gli errori dal dischetto di Schär, Akanji e Vargas, per un esito doloroso che nulla toglie però ai meriti di una squadra che anche a San Pietroburgo ha saputo farsi onore, meritando il passaggio del turno tanto quanto gli iberici. 

Avvio da incubo, iberici in controllo

Peggiore inizio non poteva esserci per una squadra che Petkovic ha mandato in campo con la difesa a quattro che ha comportato lo spostamento a sinistra di Rodriguez e l'arretramento, sulla linea della retroguardia, di Widmer, il quale contro la Francia fungeva da cursore laterale di centrocampo. Una mossa che, per quanto discutibile possa essere, nulla ha a che vedere con la rete subìta dai rossocrociati già all'8'. Una casualità, il classico episodio negativo, una sfortunata quanto maldestra deviazione di Zakaria - proprio l'uomo nuovo che aveva tutti i fari puntati addosso in quanto sostituto di capitan Xhaka - su conclusione di Jordi Alba, il primo ad avventarsi su un pallone uscito dall'area di rigore. Il limite dei rossocrociati, in occasione di una rete casuale ma evitabile, è nella mancata chiusura tempestiva sul laterale del Barcellona. Se Zuber avesse prestato maggiore attenzione ai limiti dell'area, quella conclusione forse manco sarebbe stata effettuata, ma tant'è. Un terribile scherzo del destino che ha deciso di infierire su un ragazzo - Zakaria - chiamato a non fare rimpiangere Xhaka, il grande assente, l'unico elvetico a potersi dire davvero insostituibile in un undici nel quale funge da regista, mente e motore. Operazione fallita, a prescindere dal rigore, ma era inevitabile che accadesse.

Un durissimo colpo alle motivazioni elvetiche e a una squadra che lo ha incassato male, subendo la proprietà di palleggio dell'undici di Luis Enrique, comodamente (e un po' pigramente) in possesso palla e insidiosa dalle parti di Sommer con Koke (punizione alta) e Azpilicueta (colpo di testa sopra la traversa). Una mezz'ora di autentica sofferenza, alla quale la Svizzera ha posto parzialmente rimedio dopo il 30' (uscito Embolo per infortunio al 23', dentro Vargas) alzando il pressing e recuperando qualche metro, tanto da creare due pericoli sugli sviluppi dei calci d'angolo calciati da Shaqiri sui quali Akanji e Elvedi sono arrivati per primi, peccando però di precisione.

Al netto dell'abbozzo di reazione, però, un primo tempo di marca iberica. I rossocrociati hanno patito eccome l'assenza di Xhaka, l'unico, per caratteristiche, in grado di imbastire azioni e trame delle quali la selezione di Petkovic è rimasta orfana, come del resto era lecito attendersi.

1-1 di Shaqiri, espulso Freuler 

Più o meno lo stesso copione, anche nelle fasi introduttive della ripresa, segnate dall'occasione sul conto di Dani Olmo, in campo al posto di Sarabia (Sommer attento). Spagna in controllo, ma solo nei primissimi minuti, giacché la Svizzera ha saputo mostrarsi subito un po' più intraprendente e propositiva. Al 55' Zakaria è andato vicinissimo al riscatto personale e al gol dell'1-1 con un colpo di testa che ha sfiorato il palo, sugli effetti dell'ennesimo calcio d'angolo.

Dell'accoppiata Vargas-Zuber l'azione più bella e pericolosa al 63', con il secondo (grande protagonista contro la Francia con le sue incursioni sul fianco sinistro) alla conclusione, senza però la forza per mettere in difficoltà Unai Simon. Un presagio favorevole, colto nella maniera più bella possibile da Shaqiri, autore del gol del pareggio al 68' su invito di uno dei rossocrociati più in ombra, Remo Freuler, lesto ad approfittare di un pasticcio di due difensori spagnoli e a servire al collega un pallone da spedire in fondo al sacco. Ricompensa tutto sommato meritata, per aver saputo cambiare l'inerzia di un match che ha cambiato faccia dopo l'intervallo.

Il vento ha però ricominciato a soffiare alle spalle degli iberici quando l'arbitro Oliver ha espulso per vie di fatto Freuler, autore di un'entrata scomposta che avrebbe dovuto però valere un cartellino giallo. Arancione, su, ma rosso no. Tant'è, Svizzera in inferiorità numerica e ridisegnata da Petkovic con Sow per Shaqiri a centrocampo e Gavranovic per Seferovic al centro dell'attacco. Buona, la reazione elvetica alla seconda grossa avversità di giornata, dopo l'autorete in avvio di confronto, a testimonianza di una capacità di reazione fondata su un mentale d'acciaio e sulla serenità maturata in seno al gruppo grazie al successo sulla Francia. Come a Bucarest lunedì, tempi supplementari.

Supplementari, Sommer c'è

Inizio con il brivido, perché Moreno ha fatto correre un brivido a Sommer (Elvedi in ritardo) già al 91' su invito dell'immancabile Jordi Alba, pericoloso dalla distanza (Sommer c'è). Olmo si è reso pericoloso (deviazione di Moreno, brivido per il pericolo di una seconda beffa stile Zakaria...). In generale Spagna insuperabile negli spazi stretti, e Svizzera costretta a rincorrere e a soffrire. Eroe dell'ottavo di finale, Sommer si è esaltato su Moreno, quasi letale a due passi dall'estremo difensore rossocrociato, per poi ripetersi in tuffo plastico poco dopo due ulteriori due sostituzioni (in campo Mbabu e Schär). È poi Llorente a esaltare la prova sontuosa di Ricardo Rodriguez, immolatosi per impedire il peggio nei pressi di Sommer, prima che Olmo chiamasse in causa una volta di più l'estremo difensore elvetico e poi sparasse alle stelle.

Svizzera - Spagna dr 1-3 (1-1)

Reti: 8' Zakaria (autorete) 0-1. 68' Shaqiri 1-1

Rigori: Busquets -. Gavranovic 1-0. Olmo 1-1. Schär -. Rodri -. Akanji -. Moreno 1-2. Vargas -. Oyarzabal 1-3

Svizzera: Sommer; Widmer (100' Mbabu), Elvedi, Akanji, Rodriguez; Zakaria (100' Schär), Freuler; Embolo (23' Vargas), Shaqiri (81' Sow), Zuber (91' Fassnacht); Seferovic (81' Gavranovic)

Spagna: Unai Simon; Azpilicueta, Laporte, Pau Torres, Jordi Alba; Koke (91' Llorente), Busquets, Pedri (119' Rodri); Torres, Sarabia (46' Olmo), Morata (54' Moreno)

Arbitro: Michael Oliver (Ing)

Note: ammoniti: 66' Widmer. 93' Laporte. 120' Gavranovic. Espulso Freuler al 77'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved