SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Qatar 2022
4 ore

Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo

Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
4 ore

La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa

La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
5 ore

Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan

Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
8 ore

Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario

L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
8 ore

Per la Svizzera è giunta l’ora della verità

Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
9 ore

Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo

Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
9 ore

Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio

La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
10 ore

Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel

Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
laR
 
16.06.2021 - 15:22
Aggiornamento: 17:39

Roma si colora anche un po' di rossoblù

Tra gli oltre 4'000 tifosi rossocrociati attesi per la partita tra Italia e Svizzera anche diversi ticinesi, pronti a tutto per non perdersi il 'derby'

roma-si-colora-anche-un-po-di-rossoblu

Non saranno le decine di migliaia di tifosi rossocrociati che nel 2006 in occasione dei Mondiali avevano invaso la Germania, ma i circa 4’000 sostenitori della Nati attesi per Italia-Svizzera hanno finalmente iniziato a colorare Roma. Tra di essi anche diversi ticinesi, per i quali la sfida con i cugini azzurri rappresenta ben più di una semplice partita.

«Non sarà un derby per gli italiani, ma per noi lo è eccome – ci dice Luca, arrivato nella capitale italiana già martedì con un gruppetto di amici –. Subito dopo il sorteggio, ci siamo detti che non avremmo potuto perderci questa partita per nulla al mondo, tanto che avevamo già acquistato i biglietti per le date originali. Poi sono arrivati il rinvio e le limitazioni di pubblico, ma il sorteggio tra coloro che già possedevano il biglietto ci ha premiati e ora siamo qui».

Luca e i suoi compagni di viaggio hanno raggiunto Roma «rigorosamente in treno. All’arrivo hanno controllato e schedato ogni persona in arrivo dalla Svizzera, più che altro per questioni di hooligans penso visto che a livello di certificati covid non ci hanno chiesto nulla. Diverso sarà invece allo stadio, l’Uefa è stata molto chiara riguardo ai requisiti per entrarci (vaccinati, immuni o con test entro le 48 ore, ndr) e due di noi infatti si sono sottoposti al tampone prima di partire. Questo e altro per esserci».

‘Un lusso potersi godere questa Roma surreale e la partita’

Tra i gruppi più numerosi approdati nella Città Eterna – e sottoposti ai controlli già citati («siano rimasti un po’ sorpresi, ma alla fine ci siamo fatti due risate») – anche quello “guidato” da Davide Santini della Ps Sport, azienda ticinese che da diversi anni organizza viaggi per eventi sportivi… «A livello calcistico il nostro debutto se così si può definire è stato nel 2018 ai Mondiali in Russia, dove siamo andati in 35 a Rostov per la partita della Svizzera con il Brasile, stavolta invece siamo una cinquantina», ci racconta Davide, prima di spiegarci come «stavolta l’aspetto principale dell’organizzazione più che gli hotel e le cose da visitare, è stato rimanere aggiornati su restrizioni, documenti e condizioni necessarie per effettuare la trasferta. Per evitare di dover effettuare i test in Italia, abbiamo persino dovuto ritardare tutto il programma di 4-5 ore, in maniera da rimanere dentro le 48 ore richieste dall’inizio del match con i tamponi fatti in Svizzera».

Come ricompensa, vivere quello che è una sorta di privilegio… «In primis è una grande emozione poter tornare allo stadio, ma devo dire che anche vivere Roma, le sue attrazioni, i ristoranti con così poca gente, è un lusso, è quasi surreale ma bello. Se poi la Svizzera dovesse fare una bella partita, sarebbe davvero il massimo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved