quel-sinistro-che-consegno-marc-hottiger-alla-storia-della-nati
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
16 ore

Nina Christen regala la prima medaglia alla Svizzera

La 27enne ha ottenuto il terzo posto nella carabina ad aria 10m femminile. L'oro è andato alla cinese Qian Yang
MOUNTAIN BIKE
23 ore

Filippo Colombo, tutti i tasselli al posto giusto

‘Il percorso è stupendo e mi ci trovo molto bene, al caldo e all'umidità mi sono abituato, dormiamo in letti veri e l'ambiente è ideale’. In gara lunedì dalle 8.00
Calcio
1 gior

Incidente in auto, muore la mamma di Billy Costacurta

La donna ha perso il controllo della sua vettura finendo contro un muro a Cavaria Con Premezzo in provincia di Varese
Tokyo 2020
1 gior

Spuntano altri due casi: niente corsa in linea per Geschke

Il tedesco della Cofidis fermato dal Covid alla vigilia della gara più attesa. Positivo anche un massaggiatore iberico, ma tutti gli spagnoli saranno al via
Tokyo 2020
1 gior

Il Sudafrica chiede un trattamento rispettoso

Secondo il tecnico Notoane, ‘quando la gente ci incontra fugge a causa della presenza in squadra di tre casi di Covid-19‘
Calcio
1 gior

‘Vedo bene Braga e la squadra, ma iniziamo a salvarci’

Ancora scosso dalle vicissitudini societarie, domenica il Lugano di Angelo Renzetti ospita lo Zurigo nel primo match della nuova stagione di Super League
Tokyo 2020
1 gior

Il presidente dell'Ama: 'Sul doping, che gli Usa collaborino'

Il polacco Witold Banka parla di 'doping accademico' e invita Nfl, Nba, Nhl e Mlb a fare di più. 'Lavoriamo insieme e focalizziamoci su questa battaglia'
GALLERY
Tokyo 2020
1 gior

‘Dichiaro aperti i Giochi’. Gli occhi del mondo su Tokyo

La tennista Naomi Osaka accende il braciere con il fuoco di Olimpia, dando avvio alla trentaduesima olimpiade. Per sedici giorni di spettacolo, nonostante il Covid
CALCIO
1 gior

Benzema positivo al Covid-19

Lo ha annunciato il Real Madrid, senza precisare lo stato di salute dell'attaccante francese
Tokyo 2020
1 gior

L'ultimo colpo di Heidi Diethelm-Gerber

Bronzo nella pistola a Rio, la turgoviese (52 anni) chiuderà la carriera a Tokyo: ‘Gli ultimi 12 mesi sono stati mentalmente difficili’
Tokyo 2020
1 gior

Gmelin e Röösli - Delarze avanti con brio

Nel singolo la zurighese ha ottenuto l'accesso ai quarti di finale, mentre il due di coppia ha centrato la qualificazione alle semifinali
Tokyo 2020
1 gior

Betschart e Hüberli già certe della fase a eliminazione diretta

La coppia elvetica approfitta del ritiro delle ceche Hermannova e Slukova per la positività di quest'ultima
Tokyo 2020
1 gior

Hussein squalificato nove mesi, per lui niente Giochi

Il turgoviese punito dalla camera di disciplina di Swiss Olympic per l'assunzione di un integratore alimentare contenente uno stimolante proibito in gara
Tokyo 2020
1 gior

Michele e un sogno con vista sul podio. 'Qui rivaluti te stesso'

Prime Olimpiadi per lo spadista di Lugano Scherma, titolare inamovibile di una Svizzera che aspetta una medaglia dal 2004. 'Pressione sì, ossessione no'
Altri sport
2 gior

La ricetta del football: Non ti vaccini? Non ti paghiamo

L'Nfl ammonisce società e giocatori 'no vax': le partite cancellate porteranno a sconfitte a tavolino e al blocco degli stipendi settimanali ai giocatori
EURO 2020
16.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:40

Quel sinistro che consegnò Marc Hottiger alla storia della Nati

Il 1. maggio 1993 il laterale destro segnò il gol della vittoria contro l'Italia, spianando la strada verso Usa 94: ‘Peccato, non ho conservato le scarpette’

E chi se lo dimentica più quel primo maggio del 1993 al Wankdorf? Quel magico tiro al volo di sinistro a opera di Marc Hottiger al 55’?. Una prodezza, realizzata con il piede debole, che consegnò alla Svizzera la vittoria contro l’Italia e spianò la strada verso la storica qualificazione ai Mondiali statunitensi, 28 anni dopo l’ultima partecipazione.

«Fa parte del passato, ma è ovviamente sempre nella memoria. Mi capita di ripensare all’episodio, ma non mi sveglio di notte per andare a riguardarmelo su internet – racconta il protagonista di allora –. È stata la rete più bella della mia carriera rossocrociata, ogni volta quando si ripropone la sfida contro gli Azzurri torna d’attualità e mi fa sempre enorme piacere. L’azione? Non me la ricordo nemmeno bene, andò tutto così velocemente, il pallone mi arrivò all’improvviso e d’istinto decisi di calciare direttamente senza riflettere molto».

Uno dei gol più celebri nella storia del calcio elvetico… «Ancora oggi, la gente mi chiede di parlare di questa segnatura, ma sono praticamente solo persone che hanno dai 40 anni in su, i giovani non s’interessano al passato remoto, è normale».

Oggi 53enne, Hottiger ha un piccolo rimpianto. «Non ho tenuto le scarpette indossate nell’occasione, forse avrei dovuto farlo. Le riusai ancora per qualche partita prima di gettarle».

Stasera il duello tra le due nazioni è attesissimo, quale sarà la chiave per la Svizzera al fine di raggiungere un risultato positivo? «Sarà un match combattuto, come tradizione vuole. Saranno i dettagli a decidere la contesa, magari un calcio d’angolo o una punizione. Gli uomini di Petkovic dovranno difendersi bene, l’Italia è offensivamente forte. La Svizzera ha sovente più possesso palla dell’avversario, questa volta probabilmente però non sarà il caso, sarà dunque ancora più importante gestire bene il pallone quando lo si avrà tra i piedi. La Svizzera contro i grandi avversari fa sempre bene, penso quindi che disputerà un’ottima partita».

L’1-1 contro il Galles ha un po’ frenato l’entusiasmo. «Vedendo lo svolgimento della partita è facile dire che si siano persi due punti, ma non è così. Non bisogna dimenticare che sullo 0-0 Sommer ha fatto una prodezza, poteva andare anche peggio. Questo inizio ricorda un po’ il nostro esordio ai Mondiali del 1994, anche in quella circostanza pareggiammo 1-1 dopo essere passati in vantaggio e pure a quei tempi c’era un sentimento di aver sciupato una grande occasione. Tutto è apertissimo, la qualificazione si deciderà contro la Turchia».

Nella circostanza la Svizzera tornerà a Baku, città azera che fu l’ultima tappa della carriera internazionale di Hottiger. Dopo la clamorosa disfatta (1-0, ndr) del 1996, il selezionatore Rolf Fringer decise di non convocare più il terzino destro. «Avremmo tranquillamente potuto vincere, sprecammo così tante occasioni da rete e sciupammo pure un rigore. Se avessimo vinto la mia avventura sarebbe continuata. Fresco di nomina, Fringer dopo la sconfitta decise d’inserire sangue nuovo e tagliò il sottoscritto e Christope (Ohrel, ndr)».

Insomma, malgrado fosse stata una sconfitta figlia del collettivo, a farne le spese furono solo i due romandi titolari della fascia destra. «Il motivo bisogna chiederlo a Fringer. Peccato, avrei ancora avuto qualche bell’anno da offrire alla causa rossocrociata».

Hottiger è stato un po’ una sorta di precursore del moderno terzino di spinta e anche per questo paradossalmente non riesce a indicare un nazionale attuale in cui si rivede. «Fui tra i primi a interpretare il ruolo in questa maniera, ora, nel calcio moderno, praticamente qualsiasi terzino deve spingere, il pericolo viene sovente creato proprio da lui. I vari Mbabu, Lotomba, Widmer, e prima Liechtsteiner non fanno evidentemente eccezione. Direi che nell’ultimo ventennio abbiamo sempre avuto a disposizione degli ottimi elementi in questo ruolo».

Hottiger attualmente è responsabile del centro di formazione dell’Asf e lavora quindi a stretto contatto con i giovani. «Rispetto ai miei tempi, ovviamente le strutture sono migliorate tantissimo. La nuova generazione a livello tattico e fisico è molto più avanti. Idem per la tecnica, anche perché senza quella nel calcio veloce di oggi non hai praticamente nessuna chance di sfondare. Però quando mi capita ad esempio di rivedere la nostra sfida mondiale contro la Romania, piena di corsa, pressing e forza offensiva, mi rendo conto che anche la mia generazione aveva raggiunto un livello molto alto, Questi ragazzi, inoltre, hanno altre difficoltà da gestire che noi non avevamo, come ad esempio il rapporto con i social media o la pressione che è aumentata parecchio. Insomma, non è sempre facile nonostante lo sviluppo e i miglioramenti, ma la maggior parte dei ragazzi se la cava bene nel gestire l’impegno. Lo sport in generale è un’ottima scuola di vita per progredire e specialmente per il calcio svizzero è imperativo investire sulla formazione dei giovani, i club in effetti devono sopravvivere grazie alla vendita dei loro talenti, è l’unica via percorribile».

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved