SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
9 min

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
1 ora

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
2 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
5 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
6 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
7 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
7 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
8 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
10 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
11 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
11 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
12 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
1 gior

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
12.06.2021 - 17:01
Aggiornamento: 17:17

Alla Svizzera parte l'Embolo ma non basta per battere il Galles

Nell'esordio europeo i rossocrociati offrono una prova generosa ma nonostante il vantaggio dell'attaccante del Gladbach a Baku non vanno oltre l'1-1

alla-svizzera-parte-l-embolo-ma-non-basta-per-battere-il-galles

Ci ha provato la Svizzera, ma nonostante una prova molto generosa nell'esordio europeo di Baku i rossocrociati non sono andati oltre l'1-1 con il Galles, nonostante il provvisorio vantaggio trovato in entrata di secondo tempo da un Breel Embolo scatenato e nettamente il migliore in campo. Peccato, perché la truppa di Vladimir Petkovic ha mostrato di essere superiore all'avversario ma è mancata al momento di chiudere il match, sbagliando alcune occasioni per il 2-0 e venendo raggiunta nel finale. Un risultato che nel gruppo A costringe gli elvetici subito a inseguire l'Italia, ieri nettamente vittoriosa contro la Turchia e avversario di Xhaka e compagni mercoledì a Roma (dove la Svizzera volerà già in serata).

Petkovic preferisce Mbabu a Widmer

L’unico vero grande dubbio riguardo alla formazione iniziale di Petkovic era legato al ruolo di esterno destro del 3-4-1-2 rossocrociato: ebbene il selezionatore sceglie di privilegiare Kevin Mbabu su Silvan Widmer, nonostante la prova convincente offerta dal giocatore del Basilea nell’ultimo vero test contro gli Stati Uniti (vittoria 2-1). Formazione quindi tipo con Sommer in porta, protetto dal trio Elvedi, Schär e Akanji. Sugli esterni tra difesa e centrocampo appunto Mbabu e Rodriguez sul lato opposto, con capitan Xhaka e Freuler cuore del centrocampo e Shaqiri a supporto delle punte Seferovic ed Embolo, preferito dunque al ticinese Mario Gavranovic (tribuna per Lotomba, Omaregic e Fernandes). Tridente offensivo per contro per il Galles di capitan Bale, con il giocatore del Tottenham affiancato da Moore e James e in mezzo al campo nel 4-3-3 disegnato dall’assistente di Ryan Giggs (sospeso dopo le accuse di violenza contro due donne) Robert Page, l’esperienza dello juventino Ramsey e di Allen.

Primo tempo: fiammata gallese poi solo Svizzera, anche se troppo imprecisa

Pronti, via e il Galles si gioca la carta della sorpresa aggredendo una Svizzera ancora un po’ addormentata e creando scompiglio dalle parti di Sommer con un paio di traversoni pericolosi. Proprio un traversone pennellato da James al 15’ trova la testa di un Moore perso da Akanji e Rodriguez e solo lo spettacolare volo del portiere del Borussia Mönchengladbach evita il vantaggio gallese. Gli elvetici prendono poi gradualmente il controllo delle operazioni ma la mancanza di precisione in impostazione e nell’ultimo passaggio – nonché di un certo ritmo, aspetto questo non certo facilitato dai quasi 30 gradi di Baku – non permette loro di mettere davvero sotto pressione gli avversari. Qualche buona occasione arriva comunque, nella fattispecie una magia di tacco di Schär su angolo di Shaqiri al 20’ (parata d’istinto di Ward) e due belle giocate da attaccante puro di Seferovic, che al 27’ dopo essersi girato in area mette di poco a lato di sinistro e al 41’ spara alto di destro dal limite. Nel recupero della prima frazione l’opportunità più ghiotta: Embolo si ritrova in area spalle alla porta uno contro uno con Mepham, difende il pallone senza cedere alla tentazione – un po’ ingenuamente forse – di lasciarsi cadere nonostante la vistosa trattenuta del difensore gallese e tocca un po’ troppo forte verso l’accorrente Seferovic, che colpisce come può mandando alle stelle.

Secondo tempo: Embolo si scatena, Moore risponde

L’atteggiamento del 24enne del Gladbach viene premiato in un inizio di ripresa di cui è l’assoluto protagonista: dapprima affronta e lascia sul posto due avversari sbagliando però sul più bello il rigore in movimento (dal limite dell’area), non angolando abbastanza la conclusione e permettendo all’estremo difensore dei Dragoni di deviare in angolo. Poco male, visto che sul corner battuto da Shaqiri l’attaccante originario del Camerun si mangia fisicamente il suo marcatore Roberts e schiaccia di testa alle spalle di Ward. Incontenibile, l’ex giocatore del Basilea pochi minuti dopo un’altra discesa prorompente offre a Mbabu il pallone del 2-0, ma l'esterno del Wolfsburg colpisce malissimo di destro. Un errore pagato a caro prezzo dai rossocrociati, che dopo il palo sfiorato al 65’ con un bel destro a giro dal solito Embolo tirano forse un po’ troppo presto i remi in barca (come dimostra anche l’avvicendamento tra Shaqiri e Zakaria del 66’) e al 74’ subiscono il pareggio del Galles: Moore imita Embolo e vince il duello con Schär anticipandolo nettamente sul centro di Morrell e spedendo il pallone imparabilmente alle spalle di Sommer.

Ne scaturisce un finale aperto nel quale entrambe le formazioni si costruiscono alcune buone occasioni e la più ghiotta finisce sui piedi di Mario Gavranovic, che entrato da meno di un minuto al posto di Seferovic con una splendida girata di sinistro mette in rete. Peccato che sul colpo di testa di Embolo il ticinese è leggermente davanti all'ultimo difensore e il Var annulla la rete. Al 90' è invece ancora Embolo a impegnare di testa Ward, che con un colpo di reni smanaccia in angolo bloccando in gola l'urlo di gioia rossocrociato e regalando un punto prezioso ai suoi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved