CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
39 min

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
1 ora

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
2 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
4 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
12 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
17 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
18 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
21 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
22 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
22 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
23 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
23 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
CHALLENGE LEAGUE
11.09.2022 - 16:55
Aggiornamento: 19:08

Amarissima trasferta per il Bellinzona

Granata rimontati e nettamente sconfitti dal Wil: 5-1, fin troppo severo il risultato finale

di Matteo Giottonini
amarissima-trasferta-per-il-bellinzona

Prima sconfitta in trasferta per il Bellinzona, che torna dal Canton San Gallo senza punti: all’iniziale rete di Pollero il Wil risponde con una prova solida, giustificando ampiamente la sua posizione nelle parti alte della classifica. I sangallesi sono abili a crearsi da subito alcune buone occasioni, mentre i granata sembrano inizialmente patire il sintetico della Lidl Arena; reagiscono tuttavia compostamente, lasciando agli avversari l’ingerenza di costruire il gioco. Una volta trovata maggior confidenza con l’erba finta, i granata scalano marcia e mettono la freccia: serie di passaggi sulla sinistra, traversone di Tosetti (già uomo-assist a Yverdon) e incornata vincente di Pollero. Punto nell’orgoglio e spinto dal pubblico amico, il Wil prova a riprendere il controllo della partita, tentando in tutti i modi di scardinare il collaudato quartetto difensivo bellinzonese. Per riuscirci ha però bisogno di un calcio di punizione, fischiato da Staubli per fallo di Pollero: palla in area, testa di Muntwiler e sfera che arriva sui piedi di Zali, lasciato colpevolmente solo soletto in area e rapido nel trovare il pareggio. I grigiovestiti sangallesi continuano a spingere, ansiosi di prolungare la loro imbattibilità casalinga, rendendosi pericolosi sia su palle ferme sia su azione: fortunatamente per l’Acb i giocatori del Wil peccano spesso di imprecisione o egoismo, con Lukembila che in un caso si intestardisce in un dribbling tanto spettacolare quanto non riuscito, divorandosi una nitida occasione in contropiede. I granata, molto fallosi, subiscono il pressing avversario e rimangono per lungo tempo lontani dalla porta di Keller; quando si avvicina il termine del primo tempo Manis va però vicino al nuovo vantaggio al termine di un caotico batti e ribatti ("prendila tu che la prendo io") in piena area di rigore, ma la sua conclusione si spegne a lato, sicché si arriva al canonico tè caldo della pausa con un salomonico pareggio. La ripresa vede il Wil spingere con entrambi i piedi sull’acceleratore: similmente al primo tempo, per passare hanno però bisogno di una palla ferma. Padula atterra Reichmuth al limite dell’area e Ndau cava dal cilindro una conclusione magistrale, con un sinistro chirurgico che beffa Kiassumbua. Passano 5 minuti e il Bellinzona va in panne: i sangallesi, scaltri come faine, recuperano palla in difesa e con due tocchi sono già davanti a Kiassumbua, con il brasiliano Silvio che insacca il 3-1. Cocimano prova a correre ai ripari, inserendo Centinaro e Izmirlioglu (oltre a Chacón, buttato nella mischia poco prima del 3-1), ma i proverbiali buoi sono ormai scappati dalla stalla e vagano per i campi del Toggenburgo. Assicuratosi il doppio vantaggio, il Wil consegna ai granata il controllo della palla e si ritira nella propria metà campo, mentre gli ospiti, assorbito il colpo doppio, ci mettono tutta la grinta possibile per provare a rientrare in partita approfittando del possesso palla loro concesso. Si mettono in evidenza soprattutto Romero, Izmirlioglu e Pollero (gli ultimi due con conclusioni ravvicinate, fuori di poco), ma gli arcigni sangallesi fanno buona guardia, trovando nel finale altre due reti, con il capitano Muntwiler che capitalizza un fulmineo contropiede, e con Maier. Punizione decisamente troppo severa per i granata, che dovranno recuperare energie – fisiche, ma soprattutto mentali – per la difficile ma affascinante sfida di Coppa di sabato prossimo contro il Lucerna.

Wil - Bellinzona: 5-1 (1-1)
Reti: 18’ Pollero 0-1, 30’ Zali 1-1, 55’ Ndau 2-1, 60’ Silvio 3-1, 88’ Muntwiler 4-1, 92’ Maier 5-1
Wil: Keller, Wallner, Zali (79’ Cueni), Montolio, Heule, Muntwiler (C), Bahloul (86’ Zumberi), Reichmuth (79’ Staubli), Ndau, Lukembila (70’ Maier), Silvio (70’ Muci)
Bellinzona: Kiassumbua, Mihajlovic (C), Monti (60’ Izmirlioglu), Guillermo Padula, Berardi, Souza, Tosetti (78’ Doldur), Romero, Manis (60’ Centinaro), Samba (56’ Chacón), Pollero
Arbitro: Staubli
Note: Lidl Arena, 1’230 spettatori. Ammoniti: 4’ Manis, 36’ Monti, 54’ Mihajlovic.
Wil privo di Dickenmann (squalificato), Bega, Brahimi (infortunati); Bellinzona privo di Cortelezzi (infortunato).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved