Verona
Lazio
18:30
 
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
1 ora

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
2 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
2 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
4 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
12 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
18 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
18 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
21 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
22 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
23 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
23 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
1 gior

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 gior

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
CALCIO
08.09.2022 - 15:56
Aggiornamento: 18:09

‘Abbiamo le qualità per restare lì davanti, anche dopo Wil’

Fernando Cocimano parla della trasferta granata nel canton San Gallo e delle sue prime settimane sulla panchina del Bellinzona: ‘Siamo un gruppo affamato’

abbiamo-le-qualita-per-restare-li-davanti-anche-dopo-wil

Otto squadre racchiuse in quattro punti, con Losanna, Wil, Yverdon e Bellinzona appaiate al comando a quota 13 punti. Il campionato di Challenge League sembra più equilibrato che mai, ma nel weekend alle porte qualcosa potrebbe cambiare. In programma, infatti, vi saranno due sfide dirette: da una parte il Losanna ospiterà l’Yverdon, dall’altra il Bellinzona sarà in trasferta a Wil (domenica 14.15). A una settimana dalla vittoria contro i biancoverdi vodesi, i granata saranno ancora impegnati lontano dal Comunale, per la seconda trasferta di spessore di questo inizio campionato. Alla luce della prestazione offerta venerdì scorso allo Stade Municipal e sulla base di quello che sarà il risultato nel canton San Gallo, si potrà forse avere un’idea più precisa del valore di questo Bellinzona. Ne abbiamo discusso con Fernando Cocimano, head coach granata dopo la partenza di David Sesa... «Innanzitutto, è importante sottolineare come questo sia un torneo molto equilibrato, alla luce dei risultati scaturiti in queste prime sette settimane è impossibile parlare di partite più importanti di altre. Ciò che serve per rimanere costantemente ai vertici è una certa continuità di rendimento. Se la doppia trasferta contro Yverdon e Wil portasse un bilancio positivo, significherebbe davvero che l’Acb ha trovato una sua collocazione tra l’élite della categoria. Sarà senza dubbio una partita complicata, contro un avversario che sa giocare al pallone e su una superficie artificiale. Per essere pronti alla sfida, ci siamo allenati sul nostro sintetico, anche se probabilmente non è del tutto simile a quello della Lidl Arena, ma comunque siamo già andati a Thun a giocare sull’artificiale: i ragazzi impiegheranno 10-15’ per adattarsi al campo, poi sono certo che la partita scivolerà via sui binari dell’equilibrio. Da parte nostra, cercheremo di andare a pressare alto, mentre mi immagino che loro proveranno a uscire con palloni lunghi a scavalcare la nostra pressione. Dovremo essere bravi a vincere i duelli sulle seconde palle e controllare il centrocampo, in modo da determinare in quale delle due metà campo si svilupperà il gioco».

Quella di domenica pomeriggio nel canton San Gallo per Fernando Cocimano sarà la terza occasione di sedersi sulla panchina granata in qualità di allenatore capo. Per il tecnico argentino, un’entrata in materia molto positiva... «Queste prime settimane sono andate molto bene. Sono soddisfatto, il gruppo ha assimilato bene il mio arrivo, non era per nulla scontato, perché non è mai facile subentrare dalla posizione di vice. Il gruppo mi ha sicuramente aiutato e io ne ho approfittato per parlare molto con ogni singolo elemento della nostra rosa. Ho cercato di far capire loro qual è la mia visione del calcio, perché voglio una squadra più aggressiva rispetto a prima, una squadra capace di andare a mettere pressione sull’uscita di palla avversaria. In queste poche settimane, devo dire che il gruppo ha interpretato molto bene la mia filosofia calcistica».

Il fatto che la rosa sia formata da un numero elevato di petali uruguaiani (sette) ha certamente facilitato un tecnico proveniente dalla confinante Argentina... «A livello linguistico sicuramente sì, anche perché molti di loro ancora non parlano italiano. D’altra parte, l’altra metà della squadra non parla spagnolo e io ho il compito di convincere il gruppo intero, perché se non si rema tutti nella stessa direzione, la barca non va da nessuna parte».

Nel corso dell’estate, il Bellinzona è cambiato parecchio, con l’arrivo di diversi nuovi elementi che obbliga a trovare una nuova coesione tra i singoli... «Questo è un gruppo che ha fame, ha voglia di lavorare e di migliorare. Qualità subito messe in mostra all’esordio stagionale contro il Losanna. Merito anche degli ultimi innesti, bravi nell’integrarsi in fretta e questa è una capacità che spesso fa la differenza. Per la partita con l’Yverdon siamo partiti già al giovedì, per avere la possibilità di trascorrere più tempo assieme, una mossa rivelatasi pagante».

Vada come vada la sfida di vertice con il Wil, nel quale, ricordiamolo, milita il ticinese ex Lugano Nikolas Muci, oltre agli ex chiassesi Bahloul e Malinowski, il campionato è ancora troppo lungo per trarre conclusioni dopo appena otto giornate... «Il campionato di Challenge League è insidioso, più di quanto si voglia far credere. I risultati delle ultime stagioni lo hanno dimostrato, è difficile fare continuità. Ogni partita te la giochi "fifty-fifty", puoi vincere o puoi perdere, per cui è necessario essere sempre al 100%, concentrati dal primo all’ultimo minuto. La lotta sarà tanto più dura, in quanto a fine stagione le promozioni saranno due, magari addirittura tre. Ciò significa che quelle società con ambizioni di grande salto dovranno provare a farlo proprio quest’anno. Noi siamo una neo-promossa e dobbiamo adattarci alla categoria, per cui l’impresa potrebbe risultare ardua, tuttavia le qualità non ci mancano e possediamo le carte in regola per rimanere nel gruppo di testa fino in fondo, con la speranza di trovarci, al momento di tirare le somme, tra le prime tre».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved