CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
2 ore

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’.

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’.
Calcio
3 ore

La Spagna espugna Braga e va alle Final-four

Nations League, il Portogallo è stato sconfitto in casa dagli iberici 1-0
CALCIO
4 ore

Una Svizzera poco brillante batte la Cechia e si salva

Nations League, i rossocrociati faticano ma alla fine si impongono con le reti di Freuler ed Embolo. Decisivo Sommer che para un rigore
hockey
4 ore

Il primo derby è tutto del Lugano

I bianconeri si impongono con autorità alla Gottardo Arena, grazie alla doppietta di Thürkauf e alle reti di Granlund e Andersson
COSE DELL'ALTRO MONDO
9 ore

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie
TIRI LIBERI
10 ore

L’estate del basket, dagli Europei alle dimissioni arbitrali

Il prossimo weekend riparte il campionato svizzero per voli che si spera non siano pindarici. Facciamoci sorprendere
ADAC GT MASTERS
10 ore

Pole position e due secondi posti per Marciello

Grande ormai il vantaggio accumulato in classifica dal ticinese dopo le gare al Sachsenring
GINNASTICA ARTISTICA
10 ore

Prestigioso bronzo maschile per il Ticino

Si sono svolti a Bülach lo scorso weekend i Campionati svizzeri a squadre
INLINE HOCKEY
10 ore

Perdono Malcantone e Sayaluca

Sono sconfitte che non cambiano nulla ai fini della classifica
CALCIO
11.08.2022 - 21:34
Aggiornamento: 22:25

Il Lugano saluta l’Europa, ma lo fa a testa alta

Buona prestazione dei bianconeri che a Netanya contro il Beer Sheva dominano il primo tempo, sbagliano un rigore e nella ripresa vanno sotto

il-lugano-saluta-l-europa-ma-lo-fa-a-testa-alta

Si è chiusa dopo sole due partite l’avventura del Lugano in Europa. A Netanya i bianconeri sono stati sconfitti 3-1 dal Beer Sheva nel ritorno del terzo turno preliminare di Conference League, dopo lo 0-2 di una settimana fa. Anche stavolta le reti di differenza sono state due, ma la prestazione della squadra ticinese è stata molto diversa da quella proposta a Cornaredo. Nonostante una formazione forzatamente rimaneggiata a causa di ben dieci assenze e una panchina corta e priva di esperienza, il Lugano ha lasciato il campo a testa alta, dopo aver creato le occasioni migliori e aver comandato il gioco per tutto il primo tempo e per parte della ripresa. Sul conto dei bianconeri, un incursione di Belhadj al 13’, fermata in modo molto sospetto dal portiere Galzer, una conclusione di Doumbia da fuori (20’) con deviazione in angolo, uno spunto di Mahou con conclusione incrociata (37’) e deviazione con i pugno dell’estremo difensore israeliano. Poi, al 40’, l’episodio decisivo: un’incursione di Valenzuela è stata fermata fallosamente da Yosefi, il rigore battuto da Sabbatini è però stato calciato direttamente sui piedi di un immobile Glazer.

Avrebbe potuto essere la miccia per far detonare un secondo tempo di grande intensità, ma nella ripresa il Beer Sheva ha alzato il ritmo e al 51’, alla prima conclusione, ha trovato il gol su una deviazione aerea di Miguel Vitor, bravo ad anticipare l’intervento di Sabbatini. Gol sbagliato, gol subito e per il Lugano è diventato tutto tremendamente difficile. Ciò nonostante, ha provato a reagire con Sabbatini da fuori area (deviazione sopra la traversa di Glazer), poi un minuto dopo (54’) con un tocco ravvicinato di Doumbia (altro salvataggio in corner). Al 61’ il definitivo k.o. con una palla aerea contesa tra Miguel Vitor e Hajdari andata a sbattere sulla testa del bianconero e alle spalle di Saipi. Inutile il punto del 2-1, firmato su rigore da Doukbia con una perfetta esecuzione. Nel finale, il Lugano ha rischiato più volte di incassare il terzo gol, giunto a 5’ dal termine con un tocco a porta vuota di Hatuel.

L’avventura in Europa è durata poco, ma da Israele il Lugano torna con la consapevolezza di aver disputato la migliore prestazione di una stagione che sin qui ha regalato cinque sconfitte in sei partite.

Beer Sheva - Lugano¬ (0-0)¬ 3-1

Reti: ¬51’ Miguel Vitor 1-0. 61’ Hajdari (autorete) 2-0. 73’ Doumbia (rigore) 2-1. 85’ Hatuel 3-1

Beer Sheva: ¬Glazer; Dadia (46’ Safuri), Miguel Vitor, Tibi, Hélder Lopes; Barerio, André Martins (19’ Elias), Elhamed; Yosefi (46’ Hatuel), Selmani (74’ Micha), Ansah

Lugano: ¬Saipi; Arigoni (58’ Durrer), Mai, Hajdari, Valenzuela (76’ De Queiroz); Haile-Selassie (58’ Maccoppi), Belhadj (73’ Molino), Sabbatini, Doumbia, Mahou; Babic (73’ Casciato)

Arbitro:¬ Munuera (Spagna)

Note:¬ Lugano privo di Osigwe, Daprelà, Ziegler, Hajrizi, Bottani, Celar, Facchinetti, Aliseda, Bislimi, Macek (infortunati) e Amoura (assente per motivi politici). Ammoniti: 18’ Bareiro. 21’ Belhadj. 25’ Arigoni. 64’ Maccoppi. 80’ Hatuel. 92’ Hjdari e Elhamed

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved