per-l-acb-i-playoff-anche-alla-scrivania
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
MOTO-E
53 min

Aegerter chiude 2° ad Assen

Ottimo weekend per l’elvetico, che aveva vinto la gara di sabato
ATLETICA
59 min

Nei 400 metri Ricky Petrucciani deve accontentarsi dell’argento

Ancora una medaglia ticinese sabato ai campionati svizzeri. L’onsernonese è stato battuto nel rettilineo finale da Lionel Spitz
CALCIO
1 ora

Ardaiz passa dallo Sciaffusa al Lucerna

Ritorno in Super League per l’uruguaiano ex Lugano che la scorsa stagione era stato il miglior realizzatore della Challenge League (20 reti)
CICLISMO
1 ora

Nils Politt campione di Germania

Arrivo in solitaria per il 28enne della Bora, Arndt secondo, Geschke terzo
PALLANUOTO
1 ora

Per gli Sharks la corsa al titolo parte dai quarti di finale

Un solo punto racimolato dal Lugano nell’ultimo weekend in Romandia. Nei playoff il primo avversario sarà il Carouge. Gara 2 al Lido il 2 luglio
MotoGP
2 ore

Bagnaia e Bezzecchi, doppietta italiana ad Assen

Terzo posto in classe regina per Maverick Viñales, cade due volte Quartararo
MOTO2
3 ore

Assen, vince Augusto Fernandez

Lo spagnolo raggiunge Vietti in testa al Mondiale
MotoGP
4 ore

Alex Marquez guiderà una Ducati dal 2023

Il 26enne spagnolo lascia la Honda, ha firmato per il Team Gresini
MOTOMONDIALE
5 ore

Ad Assen in Moto3 vince Ayumu Sasaki

Primo successo in carriera per il nipponico, caduta per Foggia
ATLETICA
5 ore

Nuovo record mondiale per McLaughlin

51”41 nei 400 ostacoli per l’americana
MOUNTAIN BIKE
5 ore

Argento europeo per Camille Balanche

In Slovenia, podio nel downhill per la neocastellana
Calcio
6 ore

Gareth Bale a Los Angeles

Il gallese vola in California a parametro zero
BOXE
1 gior

Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield

25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
calcio
1 gior

La nazionale femminile demolita dalla Germania

Nella penultima amichevole prima degli Europei le ragazze di Nils Nielsen vengono sconfitte addirittura per 7-0
calcio
1 gior

Il Basilea si aggiudica Zeki Amdouni

Il pezzo pregiato del calciomercato elvetico si accasa ai rossoblù con un prestito biennale con successiva possibilità d’acquisto definitivo
tennis
1 gior

Tennis, la favola di Bellier si conclude contro Bautista Agut

Lo spagnolo elimina l’elvetico nella semifinale del torneo di Maiorca
atletica
1 gior

Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri

Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
1 gior

Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino

Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
ATLETICA
1 gior

Athletissima, si prepara un 200 di grande livello

Presentati i primi nomi della 47esima edizione in programma il 26 agosto. Ma il cartellone definitivo verrà stilato solo dopo Mondiali ed Europei
CALCIO
1 gior

Parte la campagna abbonamenti dell’Fc Lugano

I detentori di una tessera stagionale potranno entrare gratuitamente alla prima partita casalinga di Conference League
CALCIO
2 gior

‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’

Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
2 gior

A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner

Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
laR
 
25.04.2022 - 18:14
Aggiornamento : 18:37

Per l’Acb i playoff anche alla scrivania

I granata (come il Chiasso) presenteranno ricorso per ottenere la licenza per la Challenge in seconda istanza. Gilardi: ‘Problemi formali, li risolveremo’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«I giocatori affronteranno i playoff sul campo, io alla scrivania, ma resto fiducioso su entrambi i fronti».

Non si scompone Gabriele Gilardi dopo il mancato ottenimento in prima istanza della licenza di gioco per la prossima Challenge League da parte dell’Ac Bellinzona. Dopotutto l’avvocato muraltese, nominato lo scorso febbraio amministratore unico dell’Acb 1904 Sa (che gestirà la prima squadra granata in caso di promozione), lo aveva detto che il percorso per ricevere il via libera da Berna sarebbe stato «laborioso», in quanto una prima «per questo corso granata».

«E i problemi infatti stanno tutti lì, a livello di forma e non certo di contenuti – spiega Gilardi –. Dovendo passare dall’Associazione alla Società anonima entrano in gioco diversi aspetti tecnici piuttosto complessi come ad esempio il travaso di dati e il consolidamento di conti, esercizi resi complicati dal fatto che la Sa in pratica non ha mai avuto attività e quindi un istoriato, essendo la prima volta che la squadra arriva a questo punto della stagione a giocarsi davvero la promozione. Ed è proprio in ambito finanziario che ci sono le ultime cose da sistemare, ma non a livello di fondi, quelli ci sono, mancano solo un paio di documenti di revisioni intermedie e via dicendo, necessari appunto per passare dall’entità "vecchia" a quella nuova. Un processo importante visto che riguarda tutti i dipendenti (giocatori e staff in primis) del club e per questo vincolato a tutta una serie di parametri di controllo da parte della lega, che dal canto suo non ha i dati del passato della Sa su cui basarsi, ma solo quelli dell’Associazione (che tra l’altro gestisce anche il settore giovanile, ndr)».

Un processo di certo non facilitato dalla recente partenza dal Comunale di personaggi da sempre legati all’Acb (interni ed esterni al comitato) e che forse anche per questo sta richiedendo più tempo del previsto, ma che secondo l’ex dirigente del Locarno non mette a repentaglio le chance di promozione bellinzonesi… «Nella mia carriera ho visto altre situazioni nelle quali davvero c’erano problematiche importanti, a cominciare dalla mancanza di soldi. Non è questo il caso, così come non è nemmeno un problema di infrastrutture visto che in questo senso la Città ha lavorato alla grande (il Municipio di Bellinzona è pronto a investire su illuminazione, entrata est e postazione per le riprese televisive, interventi ritenuti necessari dalla Sfl, ndr). Come detto è una questione più formale che materiale e questo nonostante sia ormai tutto l’anno che lavoriamo per preparare tutto il necessario. E abbiamo continuato a farlo anche una volta inoltrato l’incarto alla Sfl, perché eravamo consapevoli che potevano mancare dei documenti».

Come l’Acb, anche i suoi avversari nella corsa verso la lega cadetta sono stati per ora "respinti", visto che tra i club impegnati in Promotion League che hanno inoltrato la richiesta per ottenere la licenza III (necessaria appunto per giocare in Challenge), nessuno è stato ritenuto idoneo. Questo vale quindi per l’attuale leader Breitenrain così come appunto per i granata (secondi a 2 lunghezze), il Chiasso (terzo a 10 punti dalla vetta) e lo Stade Nyonnais (quarto a -13). Società che dopo l’ultimo turno della stagione regolare previsto nel weekend, si giocheranno tutto sul campo (assieme alle altre due compagini che finiranno nelle prime sei posizioni) affrontandosi nuovamente per definire la classifica finale. Fuori dal rettangolo verde, le società hanno invece tempo fino a giovedì per completare i rispettivi dossier e inoltrare ricorso per tentare di ottenere la licenza in seconda istanza, il cui esito definitivo verrà comunicato il 20 maggio… «Ce la faremo – conclude Gilardi –. Anche perché poi, una volta ricevuti e analizzati i documenti, la Commissione potrebbe se necessario concedere ancora dei giorni per ottemperare eventuali nuove richieste o recuperare documenti mancanti. In ogni caso ero fiducioso e ottimista prima e lo sono anche adesso».

Chiasso pronto a lottare ma ‘dipende dagli azionisti’

Staccato di otto lunghezze dal Bellinzona, anche il Chiasso intende tenere aperta la possibilità di effettuare il salto di categoria inoltrando ricorso, anche se nel caso del club momò a mancare (per ora) non sono solo documenti… «Ci sono alcuni parametri finanziari, di cui evidentemente eravamo a conoscenza, che non ci hanno per ora permesso di ottenere la licenza – spiega il direttore generale rossoblù Nicola Bignotti –. Sicuramente inoltreremo ricorso, poi cercheremo di capire con i nostri azionisti se, come auspichiamo, sarà possibile intervenire per sistemare tali parametri nei termini richiesti dalla Swiss Football League. Se non avessimo voluto almeno provare a tornare in Challenge League, non avremmo inoltrato la richiesta per la licenza, ma dalla volontà a effettivamente riuscire a ottemperare alle richieste della lega ne passa. È un discorso come detto che richiederebbe determinati sforzi da parte degli azionisti, vedremo se saranno disposti a farli».

Quel che è certo è che sul campo il Chiasso vuole ancora dire la sua in questo finale di stagione… «Innanzitutto dobbiamo pensare alla partita di sabato (sul campo del Bavois, ndr) e ad assicurarci il terzo posto in classifica, che ci permetterebbe di giocare tre delle cinque partite del girone promozione in casa. E visto il girone di ritorno che abbiamo disputato (i momò sono ancora imbattuti in un 2022 che li ha visti ottenere 7 vittorie e 4 pareggi, ndr) ce lo meritiamo. Non era scontato essere dove siamo con un gruppo così giovane, ma i giocatori più esperti si sono dimostrati persone di spessore che si sono fatti carico di essere un punto di riferimento per gli altri, che a loro volta hanno dimostrato di poter stare in questa categoria e perché no ambire anche a qualcosa in più. E nei playoff ci giocheremo tutte le nostre carte».

Lugano, per il settimo anno licenza (anche per l’Europa) al primo colpo

Chi invece può dormire sonni tranquilli è l’Fc Lugano, che ha ottenuto al primo colpo (per il settimo anno consecutivo) il via libera per la stagione 2022/2023, come d’altronde tutte le altre 19 società attualmente impegnate nelle due principali categorie del calcio rossocrociato. Fondamentale per i bianconeri il sì al Polo sportivo e al nuovo stadio votato lo scorso 28 novembre dalla popolazione luganese, che ha permesso al club ora in mano al miliardario statunitense Joe Mansueto di ottenere la licenza I. Un passo quest’ultimo anche per l’Europa, con i bianconeri che potrebbero accedere ai preliminari di Conference League attraverso il campionato (il terzo posto occupato dallo Young Boys è distante 4 punti) o la vittoria in Coppa Svizzera (la finale con il San Gallo è in programma il 15 maggio). Va da sé che fino al completamento del nuovo impianto, i bianconeri dovranno disputare le eventuali partite casalinghe dei gironi delle competizioni Uefa in "esilio", come capitato per l’Europa League 2017/2018 (a Lucerna) e 2019/2020 (a San Gallo). E proprio la Swissporarena e il Kybunpark sono i due stadi indicati, in maniera non vincolante, dall’Fcl quale sua possibile "casa" europea. Diverso il discorso per i turni preliminari (playoff compresi), che grazie a un’autorizzazione eccezionale richiesta dal club bianconero all’Uefa (e concessa negli ultimi due anni) dovrebbero poter venir disputati a Cornaredo.

Nella sua comunicazione la Sfl ha sottolineato come dopo due stagioni caratterizzate dalla pandemia e per le quali ai club erano stati richiesti dossier "alleggeriti" e con parametri meno stringenti (in particolare a livello finanziario), per l’annata 2022/2023 la Commissione è tornata a esaminare gli incarti quasi nella loro totalità. Unica eccezione, in considerazione delle limitate possibilità di investimento delle società e delle autorità comunali, il settore delle infrastrutture, valutato ancora con paletti un po’ più larghi rispetto al passato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ac bellinzona fc chiasso fc lugano swiss football league

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved