CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
3 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
4 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
7 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
8 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
8 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
9 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
9 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
10 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
12 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
12 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
1 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
2 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
2 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
calcio
laR
 
12.04.2022 - 09:05
Aggiornamento: 17:22

L’Italia sulla strada per i Mondiali, anche per quelli femminili

La nazionale svizzera vuole sfruttare il buon lavoro svolto, pure in Ticino. Marco Maggi: ‘Contiamo molto su questa qualificazione’

l-italia-sulla-strada-per-i-mondiali-anche-per-quelli-femminili
Wälti e compagne dovranno sfruttare meglio le occasioni

Stasera a Thun la nazionale femminile ospita l’Italia per difendere il primo posto nel girone di qualificazione ai prossimi Campionati del mondo (in Australia e Nuova Zelanda nel 2023). A tre giornate dal termine delle qualificazioni la Svizzera vanta un punto di vantaggio sulle azzurre, grazie in particolare alla vittoria ottenuta all’andata a Palermo. Un successo dunque permetterebbe alle ragazze di Nils Nielsen di mettere una seria ipoteca sulla qualificazione, visto anche che le ultime due partite contro Croazia e Moldavia dovrebbero rappresentare degli ostacoli facilmente sormontabili. Rispetto al recente pareggio con la Romania, la Svizzera recupera Ramona Bachmann, al rientro dopo aver contratto il Covid. I risultati della nazionale negli ultimi anni sono positivi e lo si vede anche in Ticino, dove la sezione femminile dell’Ftc è gestita dai responsabili Rosanna Michelotti e Marco Maggi.

«Purtroppo la nostra nazionale si è complicata la vita, non vincendo venerdì in Romania – spiega Maggi –. Anche un pareggio potrebbe bastare per chiudere secondo me la questione. Altrimenti ci saranno gli spareggi, sempre insidiosi, anche se agli Europei che si svolgeranno in luglio in Inghilterra ci siamo qualificati così, a spese della Repubblica Ceca. Contiamo molto su questi Campionati europei, speriamo che possano favorire un ulteriore sviluppo a livello nazionale e cantonale. Purtroppo agli ultimi Mondiali in Francia non eravamo presenti, eppure abbiamo beneficiato moltissimo della copertura televisiva e mediatica dell’evento, che ci ha portato numerose nuove adesioni e un forte interesse. Per noi questi avvenimenti hanno un’importante ricaduta».

Tralasciando queste qualificazioni, dall’Italia si può anche trarre esempio: «Al di là di questa partita bisogna però sottolineare come in Italia si stia spingendo per un campionato professionistico a partire dalla prossima stagione, cosa che in Svizzera non è ancora prevista. Da tempo io e Rosanna Michelotti, agli incontri dell’Asf con le federazioni regionali abbiamo proposto d’invogliare le principali società a fare qualcosa per il calcio femminile, perché l’amore non è mai sbocciato definitivamente. L’Italia ha imposto una sua linea, da noi si tende a fare più fatica a prendere decisioni forti. Intanto però le tesserate italiane sono passate da essere la metà di quelle svizzere, a superarle».

Il campionato nazionale (così come fra gli uomini) è l’anello debole del nostro calcio: «La nazionale maggiore è formata attualmente prevalentemente da giocatrici impegnate all’estero fra cui le due star Ana-Maria Crnogorcevic e Ramona Bachmann, infatti non possiamo contare su un campionato così competitivo come altri. A livello giovanile invece la formazione è migliorata tantissimo, le nostre nazionali sono competitive e il centro di Bienne è la prova tangibile dell’impegno della Federazione Svizzera per il calcio femminile. E anche le ticinesi partecipano sempre più a queste attività, al contrario di qualche anno fa».

‘Vogliamo portare la Nazionale da noi’

Anche in Ticino il lavoro svolto con le più giovani è encomiabile: «In Ticino si è creato, tramite il Team Ticino e da un’idea dell’Associazione calcio femminile ticinese, un sistema di calcio d’élite nel settore femminile, poi diventato Team Ticino femminile, che ci permette di chiudere il gap fra la base e il vertice di questo sport. Noi stiamo anche lavorando tanto sulla base. Per esempio, proprio in questo momento io e Rosanna siamo al campo di Taverne dove si stanno allenando le più di venti bambine iscritte alla scuola calcio cantonale. È una cosa bellissima da vedere, anche perché ogni movimento ha bisogno di una solida base per crescere. Il calcio femminile è spesso definito un’isola felice, lontana da un tipo di calcio a volte un po’ troppo violento e aggressivo, sebbene le nostre ragazze giochino fino a una certa età contro o assieme ai maschi. Grazie al fatto che siamo un progetto relativamente piccolo e abbiamo la fortuna di poter scegliere degli allenatori che siano anche degli educatori o docenti di formazione. Ciò ha anche invogliato allenatori di qualità a lasciare il settore maschile per quello femminile. Infatti anche oggi (ieri per chi legge, ndr) siamo qui al campo in due responsabili e altrettanti allenatori, segno di un’organizzazione, soprattutto per la base, che in molti ci invidiano. Inoltre le ragazze hanno tutte passione, mentre i ragazzi non sempre scelgono il calcio soltanto per la passione».

La ciliegina sulla torta sarebbe allora una partita di Bachmann e compagne a Cornaredo: «Abbiamo già fatto richiesta perché ciò accada e sarebbe bello portare la nazionale da noi, perché il Ticino sta facendo miracoli, se pensiamo che siamo la penultima tra le tredici federazioni regionali svizzere per grandezza, ma ai tornei con le selezioni cantonali siamo sempre fra i primi, così come per la presenza sempre più massiccia di ragazze ticinesi al centro federale di Bienne. Il passo avanti sarà portare una delle nostre ragazze nella nazionale A. Inoltre due settimane fa abbiamo ospitato a Giubiasco il torneo scolastico, con la partecipazione di oltre trecentocinquanta ragazze e più di un migliaio di persone in tutto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved