CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
6 ore

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
6 ore

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
12 ore

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
13 ore

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
13 ore

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
19 ore

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
1 gior

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
1 gior

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
1 gior

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
1 gior

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
1 gior

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
1 gior

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
01.04.2022 - 19:21
Aggiornamento: 22:50

Ai Mondiali la Svizzera con Brasile, Serbia (ancora) e Camerun

Il sorteggio di Doha in vista della Coppa del mondo ha inserito gli elvetici in un girone (il G) decisamente complicato e uguale per due terzi al 2018.

ai-mondiali-la-svizzera-con-brasile-serbia-ancora-e-camerun

Brasile, Serbia e Camerun. Sono queste le avversarie che la Svizzera si troverà di fronte il prossimo inverno in Qatar nella fase finale della prima Coppa del mondo "natalizia", in programma dal 21 novembre al 18 dicembre e che sarà tra l’altro l’ultima a 32 squadre, visto che con l’edizione prevista nel 2026 negli Stati Uniti, Messico e Canada si passerà a 48 partecipanti. La Nati, il cui nome era inserito nella seconda delle quattro fasce del sorteggio (stabilite in base al ranking Fifa), è finita nel girone G assieme appunto ai "pentacampeao" (testa di serie), ai serbi (estratti dalla terza urna) e agli africani (dall’ultima fascia, sulla carta quella con le squadre più deboli).

L’urna di Doha ha quindi replicato in maniera quasi perfetta il girone E dei Mondiali 2018 in Russia, quando gli elvetici dopo il pareggio iniziale con i verdeoro (1-1) avevano sconfitto 2-1 la Serbia nella famosa partita delle "aquile" (gesto politico mimato dai giocatori di origine kosovara Shaqiri e Xhaka, entrambi in rete) e si erano presi il secondo posto del girone e la qualificazione agli ottavi (dov’era poi arrivata la sconfitta 1-0 con la Svezia) pareggiando 2-2 con la Costa Rica. A differenza di quattro anni or sono, l’avventura dei rossocrociati non si aprirà con la sfida a Neymar e compagni (che i ragazzi di Murat Yakin affronteranno nel secondo impegno, lunedì 28 novembre) bensì contro il Camerun giovedì 24. Venerdì 2 dicembre invece la delicata (e probabilmente anche decisiva per il passaggio del turno) sfida con la Serbia.

La Svizzera lo ricordiamo ha ottenuto il biglietto diretto per la rassegna iridata grazie a uno splendido percorso nel gruppo C delle qualificazioni europee, iniziato con alla guida Vladimir Petkovic, proseguito (dopo il passaggio di quest’ultimo la Bordeaux) con in panchina Yakin e chiuso al comando del girone da imbattuta. Come l’Italia, ma rispetto agli Azzurri (0-0 e 1-1 nei due scontri diretti) gli elvetici hanno ottenuto una vittoria in più, cinque (e 3 pareggi), contro i quattro successi della selezione di Roberto Mancini, fermata in particolare nell’ultima giornata dall’Irlanda del Nord (0-0). Uno stop che ha permesso a Shaqiri e compagni – vittoriosi 4-0 contro la Bulgaria nella magica notte di Lucerna – di chiudere con due punti di vantaggio (18 a 16) in classifica e non avere bisogno nemmeno della differenza reti (comunque favorevole) per evitare i pericolosi spareggi poi risultati fatali ai campioni d’Europa, eliminati già in semifinale dalla Macedonia del Nord. L’obiettivo dichiarato degli elvetici in Qatar è chiaro e non si limita all’accesso alla fase a eliminazione diretta: si punta ai quarti di finale, stadio della competizione che la Svizzera non raggiunge dal 1954 (in tre delle ultime quattro edizioni, comprese le ultime due, si è sempre fermata agli ottavi).

Non sarà una passeggiata per Ronaldo e compagni, per l’Olanda forse sì

Posto che quello della Svizzera appare forse il girone più tosto di tutti, particolarmente impegnativo appare anche il girone H, con il Portogallo di Cristiano Ronaldo chiamato ad affrontare l’Uruguay, il Ghana e la Corea del Sud della star del Tottenham Heung-min Son. A proposito di asiatici, interessante anche il gruppo E in cui il Giappone dovrà vedersela con Germania e Spagna, mentre la vincente tra Costa Rica e Nuova Zelanda appare come vittima sacrificale. Stati Uniti e Iran si ritrovano (nel gruppo B con Inghilterra e la vincente dello spareggio europeo, una tra Galles, Scozia e Ucraina) dopo la famosa "partita della pace" alla fase finale del Mondiale francese del 1998, mentre il girone sulla carta più facile (perlomeno per l’Olanda) è il primo, in cui oltre ai Paesi Bassi sono inseriti i padroni di casa del Qatar, l’Ecuador e il Senegal.

I gironi dei Mondiali in Qatar

Gruppo A: Qatar; Ecuador; Senegal; Olanda

Gruppo B: Inghilterra; Iran; Stati Uniti; Galles/Scozia/Ucraina

Gruppo C: Argentina; Arabia Saudita; Messico; Polonia

Gruppo D: Francia; Emirati Arabi/Australia/Perù; Danimarca; Tunisia

Gruppo E: Spagna; Costa Rica/Nuova Zelanda; Germania; Giappone

Gruppo F: Belgio; Canada; Marocco; Croazia

Gruppo G: Brasile; Serbia; Svizzera; Camerun

Gruppo H: Portogallo; Ghana; Uruguay; Corea del Sud

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved