CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
9 min

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
3 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
7 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
8 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
8 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
8 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
8 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
8 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
23 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
23 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
1 gior

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
1 gior

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
1 gior

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
pugilato
1 gior

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
1 gior

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Altri sport
1 gior

Tom Brady annuncia il (nuovo) ritiro

L’uomo dei record, 45 anni, ha detto in un video che lascerà il football, stavolta ‘per davvero’
Hockey
1 gior

Ecco i 25 convocati di Fischer per i Beijer Hockey Games

Si gioca a Zurigo e Malmö, con Fora, Mirco e Marco Müller, Thürkauf, Heim, Eggenberger e Bichsel
29.03.2022 - 20:42
Aggiornamento: 21:10

La Svizzera, il Kosovo e quell’arcobaleno così speciale

La prima sfida della storia tra le due nazionali ha regalato una serata di festa tra due popoli uniti dal destino

la-svizzera-il-kosovo-e-quell-arcobaleno-cosi-speciale

Svizzera-Kosovo ha disegnato un arcobaleno. Un arcobaleno speciale, formato da colori che il destino ha attinto dalla tavolozza della Storia e unito attraverso un processo che ha trasformato, per quanto possibile, la sofferenza in accoglienza, l’esclusione in condivisione, la rassegnazione in speranza, unendo persone, famiglie, storie e culture. Elementi che si sono ritrovati martedì sera a Zurigo nella prima storica sfida tra le due nazionali, decisamente più di una partita di calcio.

Sì, Svizzera-Kosovo si è giocata, ma in primis è stata vissuta. Con emozione, trasporto, orgoglio, sensazioni percepite ben prima del fischio iniziale. Pochi passi nelle strade che portano al vecchio "Letzi" sono infatti bastati per scorgere l’inizio dell’arcobaleno. Dapprima una spruzzata di blu "macchiato" di giallo e ornato da sei stelle bianche, ovvero i colori del Kosovo portati con fierezza sulle spalle da un gruppetto di persone che si esprimevano in un misto di schwyzerdütsch e albanese. Avvicinandosi allo stadio, il rosso ha iniziato a farla da padrone, inevitabilmente visto che è presente tanto nella bandiera albanese quanto in quella rossocrociata. A distinguerle, l’aquila nera (già, la famosa aquila bicipite) da una parte e la croce bianca dall’altra, con la prima nettamente più presente fuori e dentro dal Letzigrund, dove dei 20’800 spettatori presenti la maggioranza era kosovara e albanese (in Svizzera ne vivono circa 250’000, la maggior parte proprio a Zurigo). Non in contrapposizione però, se non per due sparuti gruppetti di tifosi più assidui formatisi nelle due curve dell’impianto zurighese e che per tutto il match si sono sfidati tra "hopp Schwiiz" e "hajde Kosovo" (in fondo, c’era anche una partita).

Per il resto, i colori della speciale serata zurighese si sono mescolati con rispetto, senza sovrapporsi, anzi abbracciandosi tanto a livello visivo quanto sonoro. Molte le persone con addosso l’ormai immancabile sciarpa divisa a metà tra colori e simboli delle sue squadre, o chi di sciarpe ne aveva direttamente due, a rappresentare un cuore diviso ma allo stesso tempo unito. Un po’ come le tante coppie mano nella mano e solo all’apparenza separate dai colori differenti delle magliette indossate, rossocrociata l’una, gialloblù l’altra. Per non parlare di chi ha pensato bene di unire direttamente le sue due anime in un’unica maglia, metà svizzera, metà kosovara.

Anche gli applausi, le urla di incitamento, i cori si sono mischiati nel catino ai bordi della Limmat. Rivolti quasi indistintamente tanto ai giocatori di casa quanto a quelli "ospiti". Va bene, questi ultimi forse ne avrebbero probabilmente ricevuto qualcuno di più, se non fosse stato per la presenza tra le fila elvetiche di due veri e propri idoli del popolo kosovaro, Xherdan Shaqiri e Granit Xhaka. Niente a che vedere con i fischi di disapprovazione ricevuti dai due (e da Valon Behrami) nel 2014 a Lucerna quando di fronte alla Svizzera nelle qualificazioni mondiali c’era l’Albania. No, stavolta per il numero 23 e il numero 10 (quest’ultimo tra l’altro festeggiato anche per le 100 presenze raggiunte con la maglia della Svizzera) sono arrivati solo applausi e ovazioni, prima, durante e dopo il match. Un po’ diverso il discorso per il giovane Andi Zeqiri, il terzo elemento di origine kosovara a disposizione di Murat Yakin, fischiato sia all’annuncio del proprio nome sia al momento di entrare in campo a match in corso. Un trattamento dovuto probabilmente al piuttosto clamoroso dietrofront di cui l’attaccante 22enne si è reso protagonista nel settembre 2020, quando aveva annunciato (tramite il padre) l’intenzione di vestire la maglia kosovara, salvo cambiare idea all’ultimo e votarsi alla causa rossocrociata.

Un po’ peccato certo, ma qualche fischio non ha comunque rovinato la serata di festa del Letzi, dove ha brillato l’arcobaleno che unisce due (e più) mondi.

Shaqiri ci prova ma una Svizzera rivoluzionata fa troppo poco

Quanto alla partita, beh la sua relativa importanza a livello di risultato è apparsa chiara (se mai vi fossero dubbi) con le scelte di Murat Yakin, che rispetto alla sfida persa 2-1 sabato a Wembley con l’Inghilterra ha operato ben nove modifiche al suo undici titolare, confermando i soli Shaqiri e Xhaka. È tornato per contro dal primo minuto uno degli eroi delle trionfali qualificazioni ai prossimi Mondiali, Okafor, che con il numero 23 e Zuber hanno supportato l’unica punta Gavranovic. Sow ha invece affiancato il capitano a metà campo, mentre la linea difensiva completamente rinnovata ha visto Mbabu, Elvedi, Cömert e Lotomba davanti al portiere Kobel.

L’entusiasmo sugli spalti (in particolare dei sostenitori ospiti, presenti in larga maggioranza) non si è purtroppo tramutato in un primo tempo altrettanto spumeggiante in campo, con la Svizzera che ha gestito il gioco ma in maniera troppo approssimativa al momento di puntare l’area avversaria. Dell’attesissimo Shaqiri le due occasioni migliori rossocrociate, con una punizione dai 25 metri finita alta e soprattutto un sinistro smanacciato in angolo da Ujkani poco prima della pausa. È invece di testa che la selezione del tecnico Giresse ha minacciato in un paio di occasioni la porta di Kobel, bravo in particolare a deviare fuori dallo specchio la capocciata di Berisha al 32’.

Ad accendere la partita (e "gasare" ulteriormente il pubblico ospite) ci ha pensato a inizio ripresa Rashica, il quale favorito da un grossolano errore a metà campo di Zuber si è incuneato nell’area elvetica e dopo aver vinto un paio di rimpalli ha depositato in rete l’1-0. Un gol che ha perlomeno avuto il merito di costringere la Svizzera a cercare una reazione, concretizzatasi una decina di minuti più tardi nel pareggio trovato da Lotomba, che di testa ha depositato nella porta abbandonata dal portiere avversario (uscito male) il bel centro di un Mbabu ben imbeccato da Shaqiri. I rossocrociati hanno sfruttato lo slancio e i diversi cambi (tra cui quello tra Freuler e uno Xhaka decisamente contrariato per la sostituzione) per continuare a mettere pressione sulla difesa avversaria, senza tuttavia più riuscire a rendersi davvero pericolosi. Anzi, al 73’ è stato Kobel che ha dovuto sfoderare uno dei suoi miglior voli per tirare fuori dal sette il bel destro di Dresevic. In definitiva, per una serata di festa, il pareggio è stato forse il risultato più giusto, ma per le prossime sfide di Nations League (in giugno contro Repubblica Ceca, Spagna e due volte Portogallo) servirà decisamente un’altra Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved