CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
8 ore

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
10 ore

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
10 ore

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
12 ore

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
13 ore

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
14 ore

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
14 ore

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
CALCIO
14 ore

Parcheggi limitati a Cornaredo, meglio i mezzi pubblici

L’Fc Lugano comunica che verranno creati parcheggi a lisca di pesce su una corsia di via Ciani (imbocco da via Brentani). Chiuso lo sterrato della Gerra
19.01.2022 - 22:46

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo

confermati-i-nove-anni-inflitti-a-robinho
Ai tempi del Milan (Keystone)

È definitiva la condanna a 9 anni di carcere per l’ex attaccante del Milan, Robinho. Il calciatore è accusato di violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazza albanese di 23 anni avvenuta all’interno di un locale del capoluogo lombardo la notte del 22 gennaio del 2013. I giudici della terza sezione penale della Corte di Cassazione hanno dichiarato inammissibile l’istanza avanzata dai difensori del calciatore brasiliano e dell’altro imputato, Ricardo Falco, un suo amico.

«Siamo soddisfatti perché la giustizia ha fatto il suo corso – commenta l’avvocato Jacopo Gnocchi, legale di parte civile –. Il problema adesso diventa anche politico visto che i due condannati si trovano in Brasile da tempo». Robinho, infatti, non sarà consegnato alla Giustizia italiana perché la Costituzione federale brasiliana non consente l’estradizione dei cittadini. Tuttavia, se l’Italia emettesse un mandato d’arresto internazionale contro il giocatore, quest’ultimo non potrà recarsi in nessun luogo che abbia un accordo con l’Italia. Una situazione, di fatto, già in essere nel corso dei due gradi giudizio e indagini tanto che il calciatore non ha potuto mettere piede in quasi 70 Paesi, tra cui Argentina, Australia, Canada, Stati Uniti, Regno Unito e membri dell’Ue.

Secondo le indagini, l’ex stella carioca avrebbe fatto bere la ragazza fino al punto da renderla incosciente e poi l’avrebbero violentata a turno, senza che lei potesse opporsi, in un guardaroba di un locale notturno della movida milanese, dove la giovane si era recata per festeggiare il suo compleanno.

Il sostituto procuratore generale di Milano Cuno Tarfusser, nel corso del processo d’appello, aveva chiesto la conferma delle due condanne, smontando nel suo intervento le quattro consulenze tecniche prodotte dalla difesa di Robinho, tra cui una con foto tratte dai social e che puntava a dimostrare che la ragazza era solita bere alcolici e un’altra sulle condizioni psicofisiche della giovane.

Nelle motivazioni della sentenza i giudici scrivono che l’ex stella rossonera e i suoi ‘complici’ (altri quattro irreperibili) hanno manifestato «particolare disprezzo» nei confronti «della vittima che è stata brutalmente umiliata» e hanno «da subito cercato di sviare le indagini offrendo agli inquirenti una versione dei fatti falsa e previamente concordata». A fronte delle «floride condizioni economiche» di Robinho «decantate dalla difesa e che avrebbero costituito l’obiettivo ultimo della denuncia, egli non ha inteso avanzare neppure una offerta risarcitoria che, anche nella prospettiva difensiva di una mancata percezione del dissenso, avrebbe potuto trovare spazio», scrive la Corte. Agli atti dell’indagine anche una serie di intercettazioni. In un dialogo carpito l’attaccante, parlando con un suo amico, afferma: «Sto ridendo perché non mi interessa, la donna era completamente ubriaca, non sa nemmeno cosa sia successo».

Per questa vicenda il Santos, squadra carioca per la quale il calciatore era tornato a giocare dopo le esperienze, oltre al Milan, con Manchester City e in Turchia, aveva deciso di sospendere il contratto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved