confermati-i-nove-anni-inflitti-a-robinho
Ai tempi del Milan (Keystone)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Serie A
1 ora

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
8 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
11 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
11 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
11 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
13 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
13 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
13 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
14 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
19.01.2022 - 22:46

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo

È definitiva la condanna a 9 anni di carcere per l’ex attaccante del Milan, Robinho. Il calciatore è accusato di violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazza albanese di 23 anni avvenuta all’interno di un locale del capoluogo lombardo la notte del 22 gennaio del 2013. I giudici della terza sezione penale della Corte di Cassazione hanno dichiarato inammissibile l’istanza avanzata dai difensori del calciatore brasiliano e dell’altro imputato, Ricardo Falco, un suo amico.

«Siamo soddisfatti perché la giustizia ha fatto il suo corso – commenta l’avvocato Jacopo Gnocchi, legale di parte civile –. Il problema adesso diventa anche politico visto che i due condannati si trovano in Brasile da tempo». Robinho, infatti, non sarà consegnato alla Giustizia italiana perché la Costituzione federale brasiliana non consente l’estradizione dei cittadini. Tuttavia, se l’Italia emettesse un mandato d’arresto internazionale contro il giocatore, quest’ultimo non potrà recarsi in nessun luogo che abbia un accordo con l’Italia. Una situazione, di fatto, già in essere nel corso dei due gradi giudizio e indagini tanto che il calciatore non ha potuto mettere piede in quasi 70 Paesi, tra cui Argentina, Australia, Canada, Stati Uniti, Regno Unito e membri dell’Ue.

Secondo le indagini, l’ex stella carioca avrebbe fatto bere la ragazza fino al punto da renderla incosciente e poi l’avrebbero violentata a turno, senza che lei potesse opporsi, in un guardaroba di un locale notturno della movida milanese, dove la giovane si era recata per festeggiare il suo compleanno.

Il sostituto procuratore generale di Milano Cuno Tarfusser, nel corso del processo d’appello, aveva chiesto la conferma delle due condanne, smontando nel suo intervento le quattro consulenze tecniche prodotte dalla difesa di Robinho, tra cui una con foto tratte dai social e che puntava a dimostrare che la ragazza era solita bere alcolici e un’altra sulle condizioni psicofisiche della giovane.

Nelle motivazioni della sentenza i giudici scrivono che l’ex stella rossonera e i suoi ‘complici’ (altri quattro irreperibili) hanno manifestato «particolare disprezzo» nei confronti «della vittima che è stata brutalmente umiliata» e hanno «da subito cercato di sviare le indagini offrendo agli inquirenti una versione dei fatti falsa e previamente concordata». A fronte delle «floride condizioni economiche» di Robinho «decantate dalla difesa e che avrebbero costituito l’obiettivo ultimo della denuncia, egli non ha inteso avanzare neppure una offerta risarcitoria che, anche nella prospettiva difensiva di una mancata percezione del dissenso, avrebbe potuto trovare spazio», scrive la Corte. Agli atti dell’indagine anche una serie di intercettazioni. In un dialogo carpito l’attaccante, parlando con un suo amico, afferma: «Sto ridendo perché non mi interessa, la donna era completamente ubriaca, non sa nemmeno cosa sia successo».

Per questa vicenda il Santos, squadra carioca per la quale il calciatore era tornato a giocare dopo le esperienze, oltre al Milan, con Manchester City e in Turchia, aveva deciso di sospendere il contratto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio robinho stupro

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved