CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
5 ore

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
6 ore

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
11 ore

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
12 ore

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
12 ore

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
18 ore

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
1 gior

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
1 gior

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
1 gior

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
1 gior

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
12.11.2021 - 17:43
Aggiornamento: 20:01

I tifosi svizzeri a Roma: ‘Che il Papa ce la mandi buona!’

Le strade della capitale si sono riempite di fan in attesa della partitissima di stasera tra Italia e Svizzera. Tra loro anche alcuni ticinesi

i-tifosi-svizzeri-a-roma-che-il-papa-ce-la-mandi-buona

Roma – Ci siamo, è il gran giorno di Italia-Svizzera e si vede. Sin dal mattino le strade di Roma hanno iniziato a riempirsi di tifosi in attesa di recarsi poi allo Stadio Olimpico, dove alle 20.45 la selezione di Roberto Mancini e quella di Murat Yakin si giocheranno il primato del gruppo C delle qualificazioni Mondiali, sinonimo di qualificazione diretta a Qatar 2022. Rispetto alla sfida giocata sempre nella capitale romana agli ultimi Europei e chiusasi con un netto 3-0 per i padroni di casa, gli spettatori che potranno entrare all’Olimpico saranno decisamente di più dei circa 15’000 che erano presenti a giugno, ben 51’900, ossia due terzi della capienza massima. Tra loro, sono attesi anche poco meno di 2’000 persone provenienti dalla Svizzera. Come Mathieu, che incontriamo a Piazza del Popolo (cuore della festa, com’era già capitato in occasione dell’Euro) e che arriva da Losanna. «Non potevo mancare, ero già presente a giugno e quel 3-0 non mi è ancora andato giù. Stasera sarà ancora difficile, ci mancano tanti giocatori e non pretendo una vittoria, ma una prestazione migliore dal punto di vista dell’atteggiamento sì. Se poi ci prenderemo pure la rivincita, meglio ancora».

Severin, da Basilea, la vede diversamente… «A me non interessa come giocheremo né quello che è successo in passato, in palio c’è qualcosa di troppo importante, i Mondiali. Sarebbe importante almeno pareggiare per poi provare a mettere a posto la differenza reti (ora favorevole di due gol agli Azzurri, ndr) all’ultima giornata. E se per farlo dovremo giocare chiusi in difesa stasera, va benissimo».

‘A dirla tutta, firmeremmo per un pareggio’

Tra chi ha un conto in sospeso con Roma e con l’Olimpico ma mette davanti l’obiettivo Qatar c’è anche Davide Santini, responsabile dell’agenzia Ps Sport che come quattro mesi fa ha organizzato la trasferta romana per un gruppo nutrito di ticinesi... «Siamo circa una cinquantina di persone, avremmo potuto essere di più se si fosse giocato in un’altra città, ma essendo ancora a Roma non tutti coloro che erano già presenti a giugno hanno deciso di intraprendere nuovamente la trasferta – ci spiega –. Peccato per loro perché l’atmosfera è decisamente bella, c’è già davvero tanta gente per le strade e anche allo stadio ci sarà sicuramente un ambiente da brividi».

Il pronostico del gruppo? «Sarà una partita molto difficile per la Svizzera, abbiamo tanti infortunati, anche l’Italia, ma la loro panchina è decisamente più lunga, per cui firmeremmo tutti per un pareggio per poi giocarci tutto lunedì a Lucerna contro la Bulgaria, con l’Italia che invece andrà su un campo ostico come quello di Belfast. In ogni caso siamo ottimisti sul fatto che peggio del 3-0 dell’ultima volta non dovrebbe andare, vedremo, noi ci crediamo».

Sull’organizzazione della trasferta Santini ammette che «è stato decisamente più facile organizzarla rispetto allo scorso giugno, quando in sostanza si trattava della prima uscita in regime Covid. Inoltre essendo di venerdì sera, chi vuole può anche rimanere a farsi un bel weekend nei giorni successivi. E devo dire che a prescindere dalla partita, l’impressione è che il turismo a Roma sia davvero ripartito, la gente che non c’era a giugno è qui adesso. Ora però ci interessa la partita, per cui forza Svizzera e che il Papa, almeno stavolta, ce la mandi buona».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved