HADDAD MAIA B. (BRA)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(2-6 : 6-3 : 6-3)
a-basilea-perse-alcune-certezze-ma-l-italia-resta-superiore
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
3 ore

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
4 ore

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
4 ore

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
4 ore

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
5 ore

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
6 ore

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
nuoto
8 ore

Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso

Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
CALCIO
9 ore

Archiviata l’Europa, il Lugano riparte da Basilea

Dopo l’eliminazione in Israele dalla Conference League, i bianconeri pronti a raddrizzare una stagione iniziata con il piede sbagliato
pugilato
9 ore

Tyson Fury si ritira, di nuovo

Il pugile britannico annuncia l’addio al ring nel giorno del suo 34esimo compleanno
canottaggio
10 ore

Jeannine Gmelin messa ko dal Covid

La 32enne deve rinunciare alle semifinali europee nel canottaggio, a causa di un test positivo
Altri sport
10 ore

Ducarroz soltanto quinta

Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ciclismo su pista
11 ore

Il quartetto del ciclismo su pista si ferma al quinto posto

Imhof, Vitzthum, Vogel e Thiébaud non ripetono l’argento dell’anno scorso nell’inseguimento a squadre
ATLETICA
14 ore

Svizzera alla caccia di almeno cinque medaglie europee

Scatta lunedì la rassegna continentale di Monaco. Senza Ajla Del Ponte nei 100, ma con Kambundji ed Ehammer tra i favoriti. Obiettivo, migliorare Berlino
ATLETICA
15 ore

Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli

Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
HOCKEY
16 ore

Seconda sconfitta per la Svizzera U20

Ai Mondiali di Edmonton i giovani rossocrociati sono stati battuti 7-1 dagli Stati Uniti. Quarti di finale appesi alle sfide con Germania e Austria
NUOTO
16 ore

Mityukov, Ugolkova e Mamié in semifinale agli Europei

La ticinese ha ottenuto il 13º tempo nei 50 rana. Non ce l’hanno fatta, invece, Julia Ullmann (50 rana) e la staffetta 4x100 quattro stili mista
CHALLENGE LEAGUE
17 ore

L’Acb in cerca di conferme riceve l’Aarau

Impegno da non sottovalutare per i granata, in silenzio stampa fin dopo il match di stasera
CALCIO
1 gior

Il Lugano saluta l’Europa, ma lo fa a testa alta

Buona prestazione dei bianconeri che a Netanya contro il Beer Sheva dominano il primo tempo, sbagliano un rigore e nella ripresa vanno sotto
ginnastica artistica
1 gior

Ginnastica artistica, Svizzera senza argomenti

Una giovane rappresentativa elvetica fuori dalla finale femminile nel concorso completo, concluso al
nuoto
1 gior

Svizzera ai piedi del podio nella staffetta a crawl

Noè Ponti e compagni
bmx
1 gior

Nikita Ducarroz qualificata con il secondo tempo alla finale

Nella Bmx Freestyle soltanto l’inglese Charlotte Worthington fa meglio della ginevrina
Calcio
1 gior

‘Al City giocavo sempre meno, sprecando gli anni migliori’

Raheem Sterling spiega in questo modo la sua partenza verso il Chelsea
CALCIO
laR
 
12.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:09

‘A Basilea perse alcune certezze, ma l’Italia resta superiore’

Fabio Licari, Gazzetta dello Sport: ‘Nel 2018 non avrei mai pensato a una Nazionale campione d’Europa, ma il ct ha bruciato le tappe della ricostruzione’

La sfida contro l’Italia rappresenta da sempre, per tutta la Svizzera e non soltanto per noi ticinesi, una sorta di derby. Unilaterale, ovviamente, perché a guardarla con… occhi azzurri si tratta di una sfida come tante altre. Anzi, storicamente assai più facile, alla luce di un bilancio complessivo che parla di appena 8 vittorie rossocrociate. E di sfide ne sono state giocate, eccome. Ben 60, sette in più rispetto a tutte le altre Nazionali. L’ultimo successo elvetico, lo sappiamo bene in un 2021 nel quale quello di stasera sarà il terzo scontro diretto, risale al 1993 e al gol di Marc Hottiger. A Roma, la Svizzera ha vinto soltanto una volta, nell’autunno 1982 (gol di Elsener), in quella che doveva essere la festa azzurra per il titolo mondiale. Insomma, statistiche alla mano, se la Nazionale di Yakin vuole centrare la qualifica diretta a Qatar 2022, dovrà compiere il classico miracolo.

Nonostante i numeri siano tutti dalla parte di Mancini e compagni, Fabio Licari, prima firma della Gazzetta dello Sport, non si fida… «La Svizzera l’ho sempre considerata un avversario rognoso e difficile. Per questa ragione ero rimasto molto sorpreso dal 3-0 con il quale l’Italia si era imposta nella fase a gironi di Euro 2020. Una differenza in campo, al di là del risultato finale, che non pensavo vi fosse, almeno nei termini espressi dalla partita. È altresì vero che quell’Italia si trovava in un momento di grazia e avrebbe probabilmente rifilato tre reti a qualsiasi avversario».

A quattro anni da quel 13 novembre 2017

Poi, però, è arrivato lo 0-0 di Basilea, nell’andata delle qualificazioni mondiali… «Ma quella partita, a ben vedere, la Nazionale di Mancini avrebbe meritato di vincerla. Pur senza incantare, l’Italia aveva giocato meglio rispetto alla Svizzera. Se avesse avuto quella facilità di gol che l’aveva contraddistinta fino all’Europeo, avrebbe chiuso la contesa già nel primo tempo. E lo stesso discorso vale per l’impegno di tre giorni prima contro la Bulgaria, pure quello finito in parità. Se dovesse ritrovare quella fluidità di gioco che l’aveva caratterizzata fino all’estate, ritengo l’Italia più forte. Senza dimenticare che a Roma la Nazionale è imbattuta dal 1953».

Sabato saranno trascorsi esattamente quattro anni da quel 13 novembre 2017 che rimane uno dei giorni più bui del calcio italiano: lo 0-0 di San Siro contro la Svezia nel ritorno dello spareggio aveva precluso agli azzurri la presenza alla fase finale di Russia 2018… «Non mi sarei mai immaginato di ritrovarmi qui, a quattro anni di distanza, a commentare le gesta di una Nazionale campione d’Europa. Pensavo che per l’Italia fosse iniziato un periodo se non di crisi – per fortuna nel calcio i risultati hanno sempre un andamento altalenante –, almeno di grande difficoltà, dal quale si sarebbe dovuti riemergere sulla base di un lavoro a lunga scadenza. Invece, questi tempi Mancini li ha velocizzati in un modo invero non prevedibile. Detto ciò, ho sempre fatto fatica a pensare che l’Italia potesse rimanere fuori da ben due Mondiali consecutivi, per quanto al momento attuale una percentuale di rischio continua a sussistere».

‘Mancini ha cambiato la mentalità dell’Italia’

I successi dell’Italia sono in gran parte ascrivibili alle scelte del suo c.t.: «Senza dubbio la mentalità della Nazionale è cambiata. Mancini è stato visionario, coraggioso, coerente fin dal primo giorno, esprimendo sempre le stesse idee e le stesse visioni. Ha dovuto far fronte a qualche comprensibile difficoltà iniziale, ma una volta lanciato non si è più fermato. La sua squadra, adesso, gioca con obiettivi ben chiari: proporre spettacolo e bel gioco, attaccare e vincere. È senza dubbio tra le più divertenti sul palcoscenico internazionale. Le idee di Mancini stanno pian piano facendo breccia anche nel campionato italiano. Negli ultimi due anni non vi sono più squadre che… giocano per non giocare. Le piccole adesso rendono visita alle grandi partendo da un piano, per lo meno a livello psicologico, di parità. Non esistono più il catenaccio, la difesa a oltranza, l’anticalcio e questo è certamente merito dell’impronta che Mancini ha voluto dare alla Nazionale».

Si diceva che sono trascorsi quattro anni da quello 0-0 di San Siro. Il ricordo di quello smacco potrà avere un’influenza nella sfida di stasera? «È un ricordo che può pesare fino a un certo punto. Dopo i forfait di Immobile e Chiellini, di quell’undici di partenza non rimangono che Bonucci e Jorginho (Donnarumma era in panchina, ndr). Ma quella di Mancini è un’Italia organizzata. Mentre Ventura quel giorno aveva dimostrato di non sapere cosa fare, il Mancio ha le idee molto chiare e sa come trasmetterle ai suoi ragazzi. Tra l’altro, quella con la Svizzera non è nemmeno una partita decisiva: si dovrà disputare l’ultimo turno, poi eventualmente ci saranno gli spareggi. Quattro anni fa a Milano ci si era giocato tutto in 90’: o dentro o fuori».

Rispetto all’Europeo, però, la squadra sembra meno brillante… «Nelle ultime partite qualche passo indietro è stato compiuto, in particolare nella fluidità del gioco e nella facilità di andare in gol. E per questo motivo ritengo che lo 0-0 di Basilea possa lasciare qualche strascico: nonostante avesse giocato meglio e avesse meritato di vincere, la squadra non era riuscita a risolvere una situazione difficile, come invece aveva sempre fatto. Inoltre, Jorginho si era fatto parare un rigore da Sommer, uno dei pochissimi ad esserci riuscito. La partita con la Svizzera e quella con la Bulgaria che l’aveva preceduta, credo abbiano fatto perdere qualche certezza al gruppo».

Non è inusuale che dopo la conquista di un titolo intervenga un certo calo di tensione… «Capita spesso. All’Italia, ad esempio, era successo con Bearzot, con Lippi, con Sacchi dopo il secondo posto a Usa 94, e con Prandelli che ai Mondiali del 2014 non era stato capace di replicare gli Europei del 2012. L’Italia, comunque, rimane quella di Euro 2020, un gruppo giovane con principi ben definiti. Ha mantenuto una struttura solida e deve solo riallacciare qualche filo, in particolare la fluidità di gioco e l’efficacia sotto porta».

Per Murat Yakin, l’ultima settimana è stata uno stillicidio di defezioni (Xhaka, Seferovic, Embolo, Zuber, Elvedi, Fassnacht, forse Gavranovic) che hanno indubbiamente indebolito il potenziale rossocrociato, ma a Mancini non è andata molto meglio. L’ultimo forfait, quello di Giorgio Chiellini, pesa come un macigno… «La sua assenza rappresenta certamente un problema. Lui e Bonucci non possono più giocare con la continuità di due ventenni e questo per il commissario tecnico è senza dubbio un grattacapo. Purtroppo, Chiellini continua a essere uno dei migliori, se non il migliore, marcatore europeo, per cui oggi se ne sentirà la mancanza. Ma lui ha 37 anni e Bonucci ne ha 34 e alle loro spalle, al di là di Bastoni e Acerbi, il calcio italiano propone poco, per cui è inevitabile che a breve-medio termine il ricambio generazionale rappresenterà un problema non da poco. All’Olimpico, Mancini dovrebbe dare spazio ad Acerbi, il quale agli Europei, nella partita contro l’Austria, non aveva fatto rimpiangere Chiellini. Ma, ora come ora, nemmeno Acerbi sta attraversando un periodo di grande forma. A differenza di Chiellini, il quale quando può scendere in campo sa sempre essere decisivo. La sua assenza peserà, almeno in una certa misura, sulla sicurezza collettiva del reparto».

Resta da capire se Yakin riuscirà a trovare un attaccante arruolabile in grado di approfittarne...

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basilea fabio licari italia nazionale roberto mancini svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved