Red Bull Salzburg
1
Dinamo Zagreb
0
2. tempo
(0-0)
Chelsea
Milan
21:00
 
Rb Leipzig
3
Celtic
1
2. tempo
(1-0)
Real Madrid
Shakhtar Donetsk
21:00
 
Manchester City
FC Copenhagen
21:00
 
Sevilla
Borussia Dortmund
21:00
 
Juventus
Maccabi Haifa
21:00
 
Benfica
Paris Saint Germain
21:00
 
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
1 ora

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
2 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
3 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del Co Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
5 ore

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
8 ore

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
8 ore

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
l'angolo delle bocce
9 ore

Agli italiani Paone-Andreani il Gp della Vendemmia 2022

Battuti a zero in finale Roberto Antonini e Paolo Brambilla
Tennis
9 ore

Astana, Hüsler fuori al primo turno

Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
15 ore

‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’

Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
19 ore

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
19 ore

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos, vincitore contro l’Ocelari, e lo Zurigo, pur se sconfitto in Svezia, raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
19 ore

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
23 ore

Insulti razzisti, Atalanta multata

12mila euro di ammenda per le ingiurie contro il presidente della Fiorentina
Calcio
1 gior

Possibile ritorno di Messi al Barça

Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
CICLISMO
1 gior

Tre Valli varesine, vince Pogacar

Successo allo sprint per lo sloveno, che sabato nel Lombardia difenderà lo scettro vinto lo scorso anno
VOLLEY
1 gior

Weekend da cinque punti per il Bellinzona

Le ticinesi hanno sconfitto nettamente Val-de-Travers e soltanto al tie-break l’Aadorf
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior

Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500

Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
FORMULA E
1 gior

Contratto pluriennale per Buemi

Il pilota elvetico ha firmato per il team inglese Envision Racing
Calcio
1 gior

L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho

L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
ATLETICA LEGGERA
1 gior

Ai ‘ticinesi’ doppietta di Sepulveda, Borin, Küng e Cerutti

Oltre 150 atleti si sono dati appuntamento al Comunale di Bellinzona per giocarsi i 31 titoli in palio
CORSA D’ORIENTAMENTO
1 gior

La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri

A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
SCI ALPINO
1 gior

Ernia del disco per Justin Murisier

Il 30enne vallesano è stato sottoposto a intervento chirurgico. Swiss Ski non precisa la durata della sua assenza
TIRI LIBERI
1 gior

Lugano in costruzione, Sam già rodata

Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
Storie mondiali
1 gior

Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore

Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
HOCKEY
1 gior

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
1 gior

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
Calcio
05.11.2021 - 15:25
Aggiornamento: 30.11.2021 - 20:47

Yakin: ‘Okafor ha fatto un’ottima pubblicità a se stesso’

Il ct della Nazionale spiega la convocazione dell’attaccante del Salisburgo: ‘Gli avevo chiesto prestazioni all’altezza, me le ha fornite eccome’

yakin-okafor-ha-fatto-un-ottima-pubblicita-a-se-stesso
Ti-Press/Golay
+1

Dopo la Svizzera romanda (fu Losanna a ospitare la “Nati” in occasione delle partite di ottobre contro Irlanda del Nord e Lituania), il Ticino. Più precisamente il Centro nazionale di Tenero, è la sede scelta dallo staff della Nazionale rossocrociata per svelare la lista dei convocati in vista delle due partite decisive per la qualificazione ai Mondiali del 2022, venerdì prossimo a Roma contro l’Italia, poi lunedì 15 a Lucerna contro la Bulgaria. Di fronte a una delegazione di talenti del Team Ticino, curiosi quanto interessati, Murat Yakin ha spiegato cosa sta alla base delle sue scelte – in primis quella di puntare su Noah Okafor, il volto nuovo in casa rossocrociata – e quali sensazioni ha, a due giorni dal terzo raduno di sua competenza, a una settimana dalla supersfida dell’Olimpico.

Dopo l’assenza (per infortunio) nel raduno di ottobre, è tornano a far parte della Nazionale il portiere del Borussia Dortmund Gregor Kobel, come anche Fabian Frei e Andi Zeqiri. Sulla lista dei convocati figurano anche i nomi di Manuel Akanji (Borussia Dortmund), Kevin Mbabu (Wolfsburg) e Denis Zakaria (Borussia Mönchengladbach). Questo terzetto aveva saltato la partita in Lituania a causa di un infortunio, rispettivamente a causa di una squalifica per somma di ammonizioni. Mancheranno contro l’Italia e la Bulgaria gli infortunati Granit Xhaka e Haris Seferovic. Albian Ajeti e Cedric Itten, entrambi presenti nel mese di ottobre, non sono stati convocati.

Protagonisti e trascinatori

«Nelle ultime partite – esordisce il ct elvetico – la squadra ha avuto un’evoluzione positiva. Per questi due ultimi incontri, la motivazione la troviamo nel fatto che abbiamo il destino nelle nostre mani: con due vittorie ci qualifichiamo direttamente. Detto questo, però, la partita più importante è sempre la prossima, ragion per la quale tutta la nostra concentrazione va al match di Roma contro gli Azzurri. Solo dopo averli affrontati si apriranno nuovi scenari che sarà poi nostra premura valutare. Abbiamo davanti a noi una bella sfida, siamo pronti ad affrontarla con i giocatori che ho convocato. Mi auguro che tutti si presentino al raduno in ottime condizioni, affinché possano contribuire all’ottenimento dell’obiettivo che ci siamo prefissati».

Okafor attaccante emergente

Noah Okafor – il cui esordio in rossocrociato risale al 2019 in occasione delle Final Four della Nations League – è il volto nuovo, per l’attacco. «Ho discusso a lungo e in modo costruttivo con il mio assistente Vincent Cavin e con Mauro Lustrinelli (tecnico della U21 della quale l’attaccante del Salisburgo è un punto di forza, ndr). Con Noah mi ero intrattenuto prima dell’ultimo raduno, in ottobre. Gli avevo esposto il modo grazie al quale avrebbe potuto fare il grande salto nella Nazionale maggiore: buone prestazioni sia con il Salisburgo, sia con la Nazionale U21. Ebbene, le ha fornite, su ambo i fronti. Ai miei occhi, la qualità delle prestazioni in campo conta tantissimo, e questo vale per ciascun giocatore in orbita Nazionale. Lui ne ha fornite di eccellenti, con continuità. Ha fatto un’ottima pubblicità a se stesso, ultimamente. Ecco il motivo per il quale ho chiamato lui a scapito di Albian Ajeti e Cédric Itten».

Due giocatori in più

La selezione conta 25 giocatori, due in più del solito. Una misura più che altro precauzionale, come conferma Yakin. Il quale è solito chiamare calciatori che, oltre che a fornire delle prestazioni di rilievo, sappiano distinguersi in quanto trascinatori delle rispettive squadre. «Ci sono quattro giocatori diffidati che occupano ruoli cruciali al centro della difesa e nel cuore del centrocampo. Per la gestione degli allenamenti, un paio di alternative in più in quei settori del campo fanno comodo. Inoltre, Zakaria è leggermente acciaccato e Sow giovedì è stato precauzionalmente sostituito per un piccolo fastidio muscolare. Sono entrambi a disposizione, ma è meglio cautelarsi con un paio di alternative già inserite in organico».

Svizzera-Italia va in scena per la terza volta in quattro mesi. «Della sconfitta di Roma ci ricordiamo – interviene Vincent Cavin – ma nel calcio la partita più importante è sempre la prossima. Conosciamo bene l’Italia, loro del resto conoscono molto bene noi. È importante imparare dalle cose che agli Europei non abbiamo fatto bene per farle meglio tra una settimana. Abbiamo perso la prima, abbiamo pareggiato la seconda. Se crediamo alla legge dei numeri, la terza potrebbe essere la volta buona».

A Roma una ‘finalina’

«Non ho visto lo 0-3, bensì ho analizzato la partita – interviene con una sfumatura ironica Murat Yakin –. Sin dal primo raduno con la Nazionale ho spiegato ai giocatori quali errori sono stati commessi nelle differenti fasi di gioco, quali mancanze ho notato in fase di prevenzione, a livello difensivo, dove avevo visto una certa mancanza di intensità in determinate situazioni. Nel frattempo abbiamo fatto grandi progressi. Con Mancini l’Italia ha avuto modo di perfezionare il proprio sistema di gioco. Dal canto nostro, in due raduni e quattro partite nelle quali non abbiamo incassato reti ci siamo guadagnati grande rispetto proprio per i passi avanti che si sono notati anche nel secondo confronto ravvicinato, quello di Basilea. Quella partita ha detto che ci possiamo praticamente ritenere allo stesso livello dell’Italia. Ciò che conta è tradurre in campo nella maniera giusta quanto abbiamo imparato a fare nelle ultime uscite. Il risultato conta certo, ma c’è sempre una seconda partita da affrontare, dopo quella di Roma. Considero comunque quella contro gli Azzurri una piccola finale, anche se una seconda possibilità ci viene comunque concessa, dovesse mettersi male. Il risultato di Roma non è un cruccio che ci deve togliere il sonno, anche se vincere resta naturalmente l’opzione più gradita. Del resto sono uno che ama prendere la via diretta, quella più rapida. Non alludo a una scorciatoia, non vorrei essere frainteso». “Se posso già assicurarmi la qualificazione espugnando Roma – chiudiamo noi parafrasando il ct – di certo non mi faccio pregare”. È questo il succo del suo discorso.

La forza della positività

Nelle scorse settimane, nei rispettivi club alcuni giocatori si sono distinti, altri meno. «L’ultima volta che ci siamo ritrovati – ricorda il ct – ho accolto ragazzi entusiasti e molto sereni. C’era grande positività. Tutti erano reduci da momenti felici, alcuni addirittura erano stati decisivi, hanno segnato gol. Tutto questo ha avuto ripercussioni favorevoli sull’esito delle partite che abbiamo disputato, sul modo offensivo di interpretarle e sulle reti che abbiamo realizzato. Non sempre accade, questo. Lunedì li ritrovo tutti con piacere. Embolo al momento palesa una condizione eccezionale Shaqiri a Lione ha finalmente giocato nella posizione a lui più congeniale. Due esempi di nazionali al massimo della forma, spero sia lo stesso per tutti gli altri».

Embolo insostituibile?

In assenza di un leader quale è capitan Xhaka (infortunato), pur con Shaqiri tornato su ottimi livelli, è forse Breel Embolo il giocatore del quale, al momento, la Nazionale non può fare a meno? «Ogni grande squadra dispone di un attaccante di classe mondiale. Breel l’ho visto giocare per la prima volta proprio qui a Tenero, otto anni fa, sul sintetico del Centro sportivo, contro il Team Ticino. Aveva 15 anni e ricopriva un ruolo diverso da quello attuale, più orientato sulla fascia. Nulla lasciava presagire che si potesse affermare come un vero e proprio attaccante. Anche a Basilea ha fatto più che altro l’esterno, o la mezzala. I suoi progressi come punta sono incredibili. Oggi in veste di attaccante la Svizzera dispone di un 23enne forte fisicamente, sicuro di sé, rapido e forte di testa. Un giocatore completo. Se insiste con questa progressione può davvero diventare un elemento imprescindibile».

Zakaria è da grande squadra

Zakaria è un altro dei giocatori chiave. Il suo percorso è stato un po’ tortuoso, ma da qualche tempo sembra essere in rampa di lancio. «È stato a lungo infortunato e in discussione con alcuni dei club più importanti, anche perché il suo contratto è in scadenza. Ha vissuto mesi convulsi e difficili. Contro la Grecia (1° settembre, vittoria 2-1, ndr) l’ho schierato, anche se non era del tutto ristabilito. È incredibile quello che è riuscito a restituirmi, in termini di prestazione, nonostante non fosse al meglio. Ha dinamismo, velocità, sul piano atletico è incontenibile, ha energia da vendere. Con Xhaka e con Freuler si completa bene. Remo si attiene a compiti strategici e tattici, Denis spazia molto lungo il centrocampo. Difende molto bene, ma grazie al suo dinamismo sa rendersi pericoloso anche dalle parti del portiere avversario e sa segnare. Ha un futuro molto interessante davanti, a patto che continuino a dargli fiducia e lui riesca a giocare con continuità. La sua attitudine molto positiva, il sorriso che sfoggia continuamente, sono di aiuto. Gli si legge la gioia negli occhi, quando gioca. È esuberante, rapido, sveglio. Ha corsa, fisicità. Ha tutto quello che serve per strappare un contratto in una grande squadra».

Allenamenti a porte aperte a Lugano

Le sessioni d’allenamento a Cornaredo di lunedì (alle 17) e martedì (11.30) saranno aperte al pubblico. I tifosi con un’età superiore ai 16 anni dovranno mostrare il certificato Covid e la carta d’identità all’ingresso dello stadio (tribuna Monte Brè).

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved