Inter
1
Venezia
1
1. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-0)
Visp
1
Ticino Rockets
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
Inter
1
Venezia
1
1. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-0)
Visp
1
Ticino Rockets
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
yakin-okafor-ha-fatto-un-ottima-pubblicita-a-se-stesso
Ti-Press/Golay
+1
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
3 ore

Slalom maschile a Kitzbühel: successo storico per Ryding

Per il 35enne britannico è il primo successo in Coppa del Mondo. Fra i rossocrociati il migliore è stato Loic Meillard, che si aggiudica il settimo posto
Sci
6 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
20 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
1 gior

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
1 gior

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
1 gior

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
1 gior

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
1 gior

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
1 gior

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
1 gior

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
1 gior

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
1 gior

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
Sci
1 gior

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
1 gior

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per i Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita da infortuni nella sua carriera sulle gobbe
SCI ALPINO
1 gior

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
1 gior

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
2 gior

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
2 gior

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
2 gior

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
2 gior

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
2 gior

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
2 gior

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
2 gior

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
2 gior

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
2 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
2 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
2 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
05.11.2021 - 15:250
Aggiornamento : 30.11.2021 - 20:47

Yakin: ‘Okafor ha fatto un’ottima pubblicità a se stesso’

Il ct della Nazionale spiega la convocazione dell’attaccante del Salisburgo: ‘Gli avevo chiesto prestazioni all’altezza, me le ha fornite eccome’

Dopo la Svizzera romanda (fu Losanna a ospitare la “Nati” in occasione delle partite di ottobre contro Irlanda del Nord e Lituania), il Ticino. Più precisamente il Centro nazionale di Tenero, è la sede scelta dallo staff della Nazionale rossocrociata per svelare la lista dei convocati in vista delle due partite decisive per la qualificazione ai Mondiali del 2022, venerdì prossimo a Roma contro l’Italia, poi lunedì 15 a Lucerna contro la Bulgaria. Di fronte a una delegazione di talenti del Team Ticino, curiosi quanto interessati, Murat Yakin ha spiegato cosa sta alla base delle sue scelte – in primis quella di puntare su Noah Okafor, il volto nuovo in casa rossocrociata – e quali sensazioni ha, a due giorni dal terzo raduno di sua competenza, a una settimana dalla supersfida dell’Olimpico.

Dopo l’assenza (per infortunio) nel raduno di ottobre, è tornano a far parte della Nazionale il portiere del Borussia Dortmund Gregor Kobel, come anche Fabian Frei e Andi Zeqiri. Sulla lista dei convocati figurano anche i nomi di Manuel Akanji (Borussia Dortmund), Kevin Mbabu (Wolfsburg) e Denis Zakaria (Borussia Mönchengladbach). Questo terzetto aveva saltato la partita in Lituania a causa di un infortunio, rispettivamente a causa di una squalifica per somma di ammonizioni. Mancheranno contro l’Italia e la Bulgaria gli infortunati Granit Xhaka e Haris Seferovic. Albian Ajeti e Cedric Itten, entrambi presenti nel mese di ottobre, non sono stati convocati.

Protagonisti e trascinatori

«Nelle ultime partite – esordisce il ct elvetico – la squadra ha avuto un’evoluzione positiva. Per questi due ultimi incontri, la motivazione la troviamo nel fatto che abbiamo il destino nelle nostre mani: con due vittorie ci qualifichiamo direttamente. Detto questo, però, la partita più importante è sempre la prossima, ragion per la quale tutta la nostra concentrazione va al match di Roma contro gli Azzurri. Solo dopo averli affrontati si apriranno nuovi scenari che sarà poi nostra premura valutare. Abbiamo davanti a noi una bella sfida, siamo pronti ad affrontarla con i giocatori che ho convocato. Mi auguro che tutti si presentino al raduno in ottime condizioni, affinché possano contribuire all’ottenimento dell’obiettivo che ci siamo prefissati».

Okafor attaccante emergente

Noah Okafor – il cui esordio in rossocrociato risale al 2019 in occasione delle Final Four della Nations League – è il volto nuovo, per l’attacco. «Ho discusso a lungo e in modo costruttivo con il mio assistente Vincent Cavin e con Mauro Lustrinelli (tecnico della U21 della quale l’attaccante del Salisburgo è un punto di forza, ndr). Con Noah mi ero intrattenuto prima dell’ultimo raduno, in ottobre. Gli avevo esposto il modo grazie al quale avrebbe potuto fare il grande salto nella Nazionale maggiore: buone prestazioni sia con il Salisburgo, sia con la Nazionale U21. Ebbene, le ha fornite, su ambo i fronti. Ai miei occhi, la qualità delle prestazioni in campo conta tantissimo, e questo vale per ciascun giocatore in orbita Nazionale. Lui ne ha fornite di eccellenti, con continuità. Ha fatto un’ottima pubblicità a se stesso, ultimamente. Ecco il motivo per il quale ho chiamato lui a scapito di Albian Ajeti e Cédric Itten».

Due giocatori in più

La selezione conta 25 giocatori, due in più del solito. Una misura più che altro precauzionale, come conferma Yakin. Il quale è solito chiamare calciatori che, oltre che a fornire delle prestazioni di rilievo, sappiano distinguersi in quanto trascinatori delle rispettive squadre. «Ci sono quattro giocatori diffidati che occupano ruoli cruciali al centro della difesa e nel cuore del centrocampo. Per la gestione degli allenamenti, un paio di alternative in più in quei settori del campo fanno comodo. Inoltre, Zakaria è leggermente acciaccato e Sow giovedì è stato precauzionalmente sostituito per un piccolo fastidio muscolare. Sono entrambi a disposizione, ma è meglio cautelarsi con un paio di alternative già inserite in organico».

Svizzera-Italia va in scena per la terza volta in quattro mesi. «Della sconfitta di Roma ci ricordiamo – interviene Vincent Cavin – ma nel calcio la partita più importante è sempre la prossima. Conosciamo bene l’Italia, loro del resto conoscono molto bene noi. È importante imparare dalle cose che agli Europei non abbiamo fatto bene per farle meglio tra una settimana. Abbiamo perso la prima, abbiamo pareggiato la seconda. Se crediamo alla legge dei numeri, la terza potrebbe essere la volta buona».

A Roma una ‘finalina’

«Non ho visto lo 0-3, bensì ho analizzato la partita – interviene con una sfumatura ironica Murat Yakin –. Sin dal primo raduno con la Nazionale ho spiegato ai giocatori quali errori sono stati commessi nelle differenti fasi di gioco, quali mancanze ho notato in fase di prevenzione, a livello difensivo, dove avevo visto una certa mancanza di intensità in determinate situazioni. Nel frattempo abbiamo fatto grandi progressi. Con Mancini l’Italia ha avuto modo di perfezionare il proprio sistema di gioco. Dal canto nostro, in due raduni e quattro partite nelle quali non abbiamo incassato reti ci siamo guadagnati grande rispetto proprio per i passi avanti che si sono notati anche nel secondo confronto ravvicinato, quello di Basilea. Quella partita ha detto che ci possiamo praticamente ritenere allo stesso livello dell’Italia. Ciò che conta è tradurre in campo nella maniera giusta quanto abbiamo imparato a fare nelle ultime uscite. Il risultato conta certo, ma c’è sempre una seconda partita da affrontare, dopo quella di Roma. Considero comunque quella contro gli Azzurri una piccola finale, anche se una seconda possibilità ci viene comunque concessa, dovesse mettersi male. Il risultato di Roma non è un cruccio che ci deve togliere il sonno, anche se vincere resta naturalmente l’opzione più gradita. Del resto sono uno che ama prendere la via diretta, quella più rapida. Non alludo a una scorciatoia, non vorrei essere frainteso». “Se posso già assicurarmi la qualificazione espugnando Roma – chiudiamo noi parafrasando il ct – di certo non mi faccio pregare”. È questo il succo del suo discorso.

La forza della positività

Nelle scorse settimane, nei rispettivi club alcuni giocatori si sono distinti, altri meno. «L’ultima volta che ci siamo ritrovati – ricorda il ct – ho accolto ragazzi entusiasti e molto sereni. C’era grande positività. Tutti erano reduci da momenti felici, alcuni addirittura erano stati decisivi, hanno segnato gol. Tutto questo ha avuto ripercussioni favorevoli sull’esito delle partite che abbiamo disputato, sul modo offensivo di interpretarle e sulle reti che abbiamo realizzato. Non sempre accade, questo. Lunedì li ritrovo tutti con piacere. Embolo al momento palesa una condizione eccezionale Shaqiri a Lione ha finalmente giocato nella posizione a lui più congeniale. Due esempi di nazionali al massimo della forma, spero sia lo stesso per tutti gli altri».

Embolo insostituibile?

In assenza di un leader quale è capitan Xhaka (infortunato), pur con Shaqiri tornato su ottimi livelli, è forse Breel Embolo il giocatore del quale, al momento, la Nazionale non può fare a meno? «Ogni grande squadra dispone di un attaccante di classe mondiale. Breel l’ho visto giocare per la prima volta proprio qui a Tenero, otto anni fa, sul sintetico del Centro sportivo, contro il Team Ticino. Aveva 15 anni e ricopriva un ruolo diverso da quello attuale, più orientato sulla fascia. Nulla lasciava presagire che si potesse affermare come un vero e proprio attaccante. Anche a Basilea ha fatto più che altro l’esterno, o la mezzala. I suoi progressi come punta sono incredibili. Oggi in veste di attaccante la Svizzera dispone di un 23enne forte fisicamente, sicuro di sé, rapido e forte di testa. Un giocatore completo. Se insiste con questa progressione può davvero diventare un elemento imprescindibile».

Zakaria è da grande squadra

Zakaria è un altro dei giocatori chiave. Il suo percorso è stato un po’ tortuoso, ma da qualche tempo sembra essere in rampa di lancio. «È stato a lungo infortunato e in discussione con alcuni dei club più importanti, anche perché il suo contratto è in scadenza. Ha vissuto mesi convulsi e difficili. Contro la Grecia (1° settembre, vittoria 2-1, ndr) l’ho schierato, anche se non era del tutto ristabilito. È incredibile quello che è riuscito a restituirmi, in termini di prestazione, nonostante non fosse al meglio. Ha dinamismo, velocità, sul piano atletico è incontenibile, ha energia da vendere. Con Xhaka e con Freuler si completa bene. Remo si attiene a compiti strategici e tattici, Denis spazia molto lungo il centrocampo. Difende molto bene, ma grazie al suo dinamismo sa rendersi pericoloso anche dalle parti del portiere avversario e sa segnare. Ha un futuro molto interessante davanti, a patto che continuino a dargli fiducia e lui riesca a giocare con continuità. La sua attitudine molto positiva, il sorriso che sfoggia continuamente, sono di aiuto. Gli si legge la gioia negli occhi, quando gioca. È esuberante, rapido, sveglio. Ha corsa, fisicità. Ha tutto quello che serve per strappare un contratto in una grande squadra».

Allenamenti a porte aperte a Lugano

Le sessioni d’allenamento a Cornaredo di lunedì (alle 17) e martedì (11.30) saranno aperte al pubblico. I tifosi con un’età superiore ai 16 anni dovranno mostrare il certificato Covid e la carta d’identità all’ingresso dello stadio (tribuna Monte Brè).

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved