il-lugano-ribalta-il-servette-anche-sul-piano-del-gioco
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
3 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
5 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
5 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
5 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
5 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
5 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
6 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
6 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
6 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
7 ore

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
8 ore

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
TENNIS
8 ore

Finisce subito l’avventura francese di Viktorija Golubic

La 29enne zurighese battuta in tre set (6-2 2-6 6-1) dalla statunitense Katie Volynets, piazzata al di là della centesima posizione nella classifica Wta
CALCIO
8 ore

Breitenreiter lascia lo Zurigo per l’Hoffenheim

Dopo aver vinto il titolo della Super League, il tedesco fa ritorno in Bundesliga con un contratto valido per le prossime due stagioni
Hockey
10 ore

Svizzera, due punti per chiudere. Ai quarti contro gli States

Rossocrociati imbattuti e primi di gruppo dopo la fase preliminare del Mondiale, al termine di una partita contro i tedeschi decisa ai tiri di rigore
Calcio
13 ore

Che regalo di compleanno per Bottani: convocato in Nazionale

Confermando le indiscrezioni della vigilia, Murat Yakin ha selezionato il numero dieci del Lugano, che proprio oggi compie 31 anni, per la Nations League
CALCIO
31.10.2021 - 18:45
Aggiornamento : 01.11.2021 - 16:32

Il Lugano ribalta il Servette, anche sul piano del gioco

I bianconeri superano in rimonta i ginevrini con le reti di Celar (su rigore) e Sabbatini. Croci-Torti: ‘In campo l’entusiasmo e l’energia della Coppa’

E fanno 600. Con il 2-1 di Cornaredo contro il Servette, il Lugano ha conquistato la vittoria numero 600 nella massima divisione svizzera da quando nel 1933 fu istituito il girone unico. Ed è giusto che a timbrare il successo sia stato il capitano della squadra, Jonathan Sabbatini, tra i migliori in campo unitamente al collega di reparto Lovric. Al di là delle ricorrenze storiche, la vittoria contro i ginevrini riveste grande importanza sia a livello di classifica, sia per la consapevolezza di una squadra bianconera che pochi giorni fa aveva festeggiato l’accesso ai quarti di finale di Coppa Svizzera ai danni dello Young Boys e che è sempre più conscia del suo valore sullo scacchiere nazionale. «Prima della partita avevo chiesto ai ragazzi di dimenticare quanto era successo mercoledì e di pensare alle ultime due partite di campionato, con le sconfitte a Zurigo e Basilea – ha esordito Mattia Croci-Torti in conferenza stampa –. Gli unici aspetti che avremmo dovuto ritenere dalla partita di Coppa erano l’entusiasmo e l’energia che la Coppa ci ha lasciato. E sono due aspetti che ho visto in campo, perché tutti hanno giocato con la massima concentrazione dal primo all’ultimo minuto».

È stata una nuova prestazione di sostanza, quella messa in campo da un Lugano che Croci-Torti ha schierato con una difesa a quattro (cambiando comunque modulo con il passare dei minuti). Una prestazione di sostanza che ha consentito di tornare al successo dopo le sconfitte con Zurigo e Basilea. La sfida è stata piacevole e accattivante soltanto nella seconda parte della ripresa, quando le due squadre si sono notevolmente allungate (complici fatica e campo pesante), aprendo spazi importanti alle rispettive partenze. Nel primo tempo, per contro, era stata piuttosto chiusa, con poche occasioni su un fronte e sull’altro, ma con gli ospiti molto bravi nel rendersi pericolosi in velocità, con un trio d’attacco (Schalk, Kyei, Stevanovic) di primissimo ordine. Non a caso sono stati proprio i ginevrini a passare per primi, su una palla banalmente persa dal Lugano su rimessa laterale: la conclusione in diagonale di Kyei è stata respinta da Saipi sui piedi di Imeri, il quale a porta vuota non ha potuto esimersi dall’insaccare il gol del vantaggio. «Il Servette è un’ottima squadra e in passato a Lugano non ci ha mai fatto toccare palla – ha aggiunto Mijat Maric –. Questa volta, invece, si è messo dietro e ha fatto… il Lugano, cercando di speculare sulle ripartenze. Penso si tratti di una constatazione che la dice lunga su quanto rispetto siamo stati capaci di conquistarci nel corso delle ultime stagioni». Croci-Torti non può che confermare… «Di norma il Servette presenta un possesso palla abnorme, mentre oggi alla pausa ci siamo andati con il 65% a nostro favore. Anche nei primi 45’ la squadra ha fatto quel che le avevo chiesto, per quanto in alcune circostanze siamo stati un po’ ingenui e ci siamo fatti infilare per troppa foga: in questo senso, l’azione del gol è emblematica. Nel corso della pausa abbiamo aggiustato alcuni particolari e nella ripresa i ginevrini non ci hanno praticamente più cerato problemi».

In effetti, il Lugano nei primi 45’ ha faticato ad aprirsi spazi in avanti, nonostante il solito gran movimento di Bottani e il lavoro di Abubakar sulla fascia e un assetto molto offensivo, complice un Servette che si è saputo chiudere con ordine. Il pareggio è però giunto alla mezz’ora su calcio di rigore per un fallo di mano di Severin su conclusione da fuori area del solito Bottani. Dopo l’errore di mercoledì di Ziegler, della battuta dagli undici metri si è incaricato Celar che ha piazzato la palla nell’angolino basso alla destra di Frick. «Ha calciato Celar, ma le gerarchie sono stabilite e accettate – ha aggiunto Maric –. Il rigorista sono io, poi il secondo è Ziegler. Ieri dopo allenamento ci siamo fermati a calciare e ho notato che Celar dal dischetto è davvero molto bravo. Dal profilo mentale sta attraversando un buon periodo, soprattutto dopo il gol allo Young Boys. Inoltre, i portieri avversari non lo conoscono e ho pensato che potesse rivelarsi un’importante arma in più».

Nella ripresa i bianconeri hanno mostrato un volto più incisivo e sono andati vicini al gol in due circostanze, dapprima di con colpo di testa mancato di Bottani su uscita a farfalle di Frick, poi con una conclusione a giro di Amoura che ha chiamato il portiere granata alla paratona. Al 78’ l’episodio decisivo, con un cross basso di Lavanchy, deviato in partenza e sul quale è giunto a rimorchio Sabbatini per una conclusione di piatto da centro area che il capitano non ha fallito. «Tengo a sottolineare – ha concluso Croci-Torti – l’importanza del pubblico in queste due partite con ingresso gratuito. Nei momenti difficili la loro presenza è stata importante e spero che gli afflussi di mercoledì e oggi, aggiunti ai risultati ottenuti dalla squadra, invoglino un numero ancora maggiore di persone a venire a vedere una squadra che merita un pubblico caloroso e numeroso come quello che ci ha spinti contro Young Boys e Servette».

Lugano - Servette (1-1) 2-1

Reti: 16’ Imeri 0-1. 30’ Celar (rigore) 1-1. 78’ Sabbatini 2-1

Lugano: Saipi; Lavanchy, Maric, Daprelà, Ziegler; Abubakar (73’ Facchinetti), Lovric, Sabbatini, Lungoyi (56’ Amoura); Celar (90’ Hajrizi), Bottani (56’ Custodio)

Servette: Frick; Rouiller, Sasso, Severin, Clichy (86’ Alves); Imeri (86’ Antunes), Douilin (70’ Nyakossi), Valls (62’ Rodelin); Stevanovic, Kyei, Schalk (86’ Mendes)

Arbitro: Jaccottet

Note: 4’355 spettatori. Lugano senza Osigwe e Guidotti (infortunati); Servette senza Cespedes, Cognat, Diallo, Fofana, Oberlin, Sauthier (infortunati). Ammoniti: 56’ Daprelà. 83’ Sasso. 88’ Maric

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano jonathan sabbatini servette

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved