Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
spycher-assicura-niente-cali-di-tensione-da-parte-dell-yb
+3
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
26 min

A Langnau (quasi) tutto facile per il Lugano

Dopo il derby i bianconeri vincono anche alla Ilfis in una partita piuttosto pazza, finita 7-4. Per i bernesi è la tredicesima sconfitta di fila
HOCKEY
3 ore

Anche Alina e Sinja spiccano il volo. Con Ammann e Odermatt

Reduci da isolamento, le due ragazze della Nazionale di hockey raggiungono Pechino assieme al saltatore e al leder di Coppa del mondo di sci
CALCIO
4 ore

Quindici anni al vertice e non sentirli

Ancillo Canepa, da tre lustri alla testa dell’Fc Zurigo, è pieno di entusiasmo per la ripresa di una stagione che la sua ‘ceratura’ affronta da leader
Hockey
6 ore

Lugano, sciolto il contratto di Nodari. Finirà a Kloten?

Il trentaquattrenne difensore ticinese non rientrava ormai più nei piani di Chris McSorley, e ora potrebbe raggiungere Zurkirchen alla Stimo Arena
Basket
7 ore

Gubitosa: Per la Coppa ‘intelligenza, gioco e aggressività’

A Montreux si assegna nel weekend il primo trofeo stagionale, la Swiss Basketball Cup. Semifinali Sam-Neuchâtel e Olympic-Ginevra. Finale domenica alle 16
VOLLEY
7 ore

Due sfide fondamentali per il Lugano

Nel tentativo di rincorsa ai playoff, le ticinesi dovranno superare domani il Val de Travers e martedì il Franches-Montanges. Le due partite a Cadempino
CALCIO
7 ore

Dieci anni in bianconero, Sabbatini bandiera del Lugano

Il capitano uruguaiano spera di poter prolungare il contratto in scadenza. E sulla ripresa della stagione afferma: ‘Rosa da completare, ma sono fiducioso’
SCI ALPINO
8 ore

Grave infortunio per Urs Kryenbühl in Coppa Europa

Lo svittese è caduto in SuperG a Saalbach ed è stato elitrasportato a Zurigo dove ha subito un intervento chirurgico al bacino
SCI ALPINO
8 ore

A ottobre appuntamento con la velocità sul Cervino

Due discese maschili e altrettante femminili lungo la Gran Becca disegnata da Didier Défago. Le prime gare già nella prossima stagione
Gallery
Tennis
9 ore

Australian Open, in finale Nadal contro Medvedev

Il maiorchino ha sconfitto Matteo Berrettini in quattro set (6-6 6-2 3-6 6-3), il russo ha fatto lo stesso contro il greco Tsitsipas (7-6 4-6 6-4 6-1)
Freestyle
13 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
22 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
22 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
1 gior

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
1 gior

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
1 gior

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
1 gior

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
1 gior

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
1 gior

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
2 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
2 gior

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
Calcio
 
27.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:17

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’

È la Coppa, e tanto basta a caricare di ulteriori significati la partita odierna di Cornaredo. Giacché trattasi di torneo dal fascino immutato che stuzzica l’appetito di squadre come il Lugano che, oggettivamente, hanno poche possibilità di vincere il campionato. Inoltre, arriva lo Young Boys, senza ombra di dubbio la squadra più forte, l’avversaria più stimolante in assoluto, quella che si vorrebbe battere, proprio perché deputata a primeggiare sempre.

Lugano-Young Boys atto primo, alla luce del rinvio del match dello scorso 21 agosto, deciso proprio per permettere ai gialloneri di meglio preparare l’esordio in Champions League, contro il Manchester United. Un “piacere” che l’Yb chiese e salutò con grande entusiasmo, tanto da tradurlo in una vittoria storica, in Europa e nientemeno che contro i Red Devils.

Non c’è che dire, Lugano-Yb è carico di significati, l’attesa è palpabile. Il Lugano punta forte sulla Coppa, mentre la squadra di Gerardo Seoane, sballottata com’è tra Champions e la realtà nazionale, alla terza competizione in ordine di importanza potrebbe forse prestare un po’ meno di attenzione. Sarebbe legittimo, tuttavia Christoph Spycher, direttore sportivo dei campioni svizzeri, ha un’altra visione: «La Coppa Svizzera è molto importante per noi - spiega l’ex nazionale rossocrociato -. È però chiaro che la partecipazione alla Champions League è qualcosa di speciale. È come un sogno, per i calciatori, i quali hanno l’opportunità di giocare contro squadre di livello assoluto. La nostra realtà, però, è il campionato svizzero, ne siamo coscienti. Ecco perché è fondamentale fare risultato soprattutto in quell’ambito, per confermarci campioni e per onorare la Coppa. In Svizzera è sempre una competizione molto interessante. Prevede il superamento di sei turni, a sua volta offre un’ottima occasione di vincere un titolo».

Abituati ai ritmi serrati

Non teme un calo di tensione da parte di una squadra forte ma impegnata su tre fronti con molti impegni ravvicinati? «Non penso che accadrà, siamo abituati a giocare ogni tre o quattro giorni. Le nostre competizioni ufficiali sono iniziate già prima dell’inizio della Super League, con le qualificazioni alla Champions. La cadenza delle nostre partite è più o meno sempre la stessa, sin dalle prime battute stagionali».

Numeri alla mano, l’Yb è nella posizione attesa o manca qualcosa? In campionato, soprattutto in avvio di stagione, non tutto è filato per il verso giusto. «In avvio di campionato abbiamo avuto bisogno di un po’ di tempo, ma poi gradatamente la squadra ha assimilato bene la filosofia dell’allenatore, traducendola in campo con la positività che il mister è riuscito a inculcare. Il discorso va intavolato su due livelli, la qualità delle prestazioni e la classifica. Non sfugge che abbiamo lasciato per strada l’uno o l’altro punto in maniera a volte evitabile, altre in modo sfortunato e immeritato».

Atalanta superiore

In Champions dopo l’avvio con il botto contro il Manchester United, il ridimensionamento tutto sommato nella logica delle cose, con la sconfitta di misura contro l’Atalanta e quella più netta - ma solo nella sua espressione numerica, contro il Villareal. «Nelle tre partite di Champions abbiamo visto tutto quello che in una competizione così, e più in generale nel calcio, può accadere. Contro il Manchester abbiamo disputato un’ottima partita, favorita dall’espulsione di Wan-Bissaka, il classico episodio a favore. Che nulla toglie, però, alla qualità della nostra prestazione. A Bergamo, pur avendo retto molto bene a livello difensivo offrendo una prova corale solida, la pressione dell’avversario si è rivelata tale che non siamo riusciti a contenerla fino alla fine. Né siamo riusciti a creare occasioni da rete. La spinta dell’Atalanta era troppo forte. Abbiamo perso solo 1-0 ma non abbiamo faticato ad ammettere che loro ci sono stati superiori. Contro il Villareal è stato un incontro che ha proposto un po’ degli elementi del primo confronto, e un po’ della sconfitta di Bergamo: abbiamo fatto tante cose in maniera positiva, ci siamo creati buone occasioni da rete. Gli spagnoli, senza nemmeno poter parlare di una vera e propria opportunità, già avevano segnato due volte. Quando poi siamo riusciti a rifarci sotto tornando in partita con la rete dell’1-2 abbiamo avuto sul piede la palla del pareggio, ma loro hanno nuovamente allungato con due gol realizzati sfruttando al massimo le poche occasioni create. Tra le due aree di rigore c’è stata ben poca differenza, tra le due contendenti. Per contro, se parliamo di efficacia sotto porta, c’è stato un abisso».

Lugano squadra di alta classifica

Ribadire che il Lugano è una bella realtà del campionato svizzero è forse una banalità. Tuttavia, nel processo di crescita dei bianconeri, pensando alla realtà ticinese un po’ periferica, non vi è nulla di scontato. Eppure Il risultato è sotto gli occhi di tutti. «Il Lugano è un’avversaria storicamente difficile da affrontare. Nelle ultime due stagioni ha brillato per la buona organizzazione difensiva. Era difficile segnar loro un gol. Anche perché bisognava prestare molta attenzione alla loro abilità in fase di transizione e di ripartenza. Questa stagione ha portato delle novità, penso soprattutto al passaggio di proprietà. Dopo il quale in squadra è stato inserito anche qualche nuovo acquisto. È un gruppo con una forte identità, in salute, con giocatori che sono a Cornaredo da tanti anni, che sanno bene come funziona il club. A questi, si sono aggiunti elementi nuovi che hanno aggiunto qualcosa. A Basilea il Lugano meritava almeno il pareggio. Questo significa che le prestazioni sono all’altezza delle parti nobili della classifica.

‘Fieri di aver lanciato tecnici di valore’

L’Yb nelle scorse stagioni ha funto da vetrina e trampolino di lancio ideale per tecnici che poi hanno fatto un salto di qualità virando in direzione della Bundesliga. Dapprima fu il caso di Adi Hütter, oggi tecnico del Borussia Mönchengladbach. Poi, è toccato al suo successore, sulla panchina giallonera, Gerardo Seoane, il quale a Berna ha vinto tre titoli prima di passare alla guida tecnica del Bayer Leverkusen con ottimi risultati. Insomma, l’Yb può esser fiero di aver contribuito al successo della carriera di allenatori che ha saputo lanciare in orbita. Il merito va anche a chi li ha individuato dando loro fiducia, accompagnandoli nel suo processo di crescita. «Quando un allenatore o un giocatore parte, siamo sempre un po’ tristi perché se ne va un uomo che ha svolto un ottimo lavoro. D’altro canto, però, siamo fieri del successo di un tecnico o di un calciatore che fa un passo importante nella sua carriera con noi allo Young Boys e che ha l’opportunità di fare un salto di qualità. Seoane rimarrà sempre un amico dell’Yb e della società, ma adesso è a Leverkusen. Ha i mezzi e la capacità per fare molto bene anche lì. Ora però, come già accadde dopo la partenza di Adi Hütter, noi siamo concentrati sulla collaborazione con l’attuale tecnico David Wagner, il quale merita il massimo sostegno possibile da parte della società».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved