FALLERT F./JEBENS H.
STRICKER D./WENGER D.
13:00
 
troppi-errori-a-basilea-ma-per-il-crus-anche-dell-arbitro
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
PALLANUOTO
49 min

Sconfitti al Lido, gli Sharks sono con le spalle al muro

Nei quarti di finale dei playoff, il Lugano è stato battuto in rimonta dal Carouge. Domani a Ginevra gara 2. Obbligo di vincere per prolungare la stagione
CALCIO
1 ora

In Qatar sarà introdotto il fuorigioco semi-automatico

La Fifa ha approvato la nuova tecnologia che consente di stabilire la posizione di palla e giocatore in ogni momento. Non sostituirà il giudizio arbitrale
CICLISMO
7 ore

Comincia il Tour fra sospetti e Covid

Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
14 ore

Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo

A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
BASKET
14 ore

Una brutta Nazionale battuta a Cipro

Nelle pre-qualificazioni per Euro 25, Svizzera superata 71-63. Ciò nonostante, in caso di vittoria domenica in Irlanda passerebbe al secondo turno
CORSA D'ORIENTAMENTO
15 ore

Argento per Aebersold, diploma per Elena Roos

Ai Mondiali sprint in Danimarca, nella prova individuale la ticinese ha mancato la medaglia per un’indecisione tra il 15.mo e 16.mo punto di controllo.
CALCIO
16 ore

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
17 ore

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Hockey
18 ore

Adrien Lauper confermato dai Ticino Rockets

L’attaccante trentaquattrenne militerà un’ulteriore stagione a Biasca
TENNIS
19 ore

Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa

La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
19 ore

Siebatcheu lascia lo Young Boys

Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
19 ore

‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’

Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
TENNIS
23 ore

Il Covid colpisce ancora, Bautista Agut costretto al forfait

Lo spagnolo, semifinalista nell’edizione 2019, aveva superato di slancio il primo turno contro l’ungherese Balazs. ‘Sintomi non gravi, decisione giusta’
Hockey
23 ore

Kevin Fiala firma con i Los Angeles Kings

L’attaccante svizzero, scambiato dai Minnesota Wild, giocherà in California le prossime sette stagioni
Calcio
1 gior

Torna Shaqiri e Chicago ritrova il successo

Buona prova dello svizzero dopo l’infortunio alla coscia
CICLISMO
1 gior

Tour de France, altre perquisizioni alla Bahrain

A Copenaghen gli investigatori passano al setaccio auto e camere d’hotel
calcio
1 gior

‘L’entusiasmo del pubblico può essere la marcia in più’

L’esperienza di Gaetano Berardi al servizio della difesa del Bellinzona. ‘È anche una scelta familiare’.
Tennis
1 gior

Nole in carrozza, Ruud e Kontaveit lasciano Londra

A Wimbledon, il norvegese battuto dal francese Humbert, l’estone (numero 2) rimandata a casa dalla tedesca Niemeier. Domani tocca a Viktorija Golubic
CALCIO FEMMINILE
1 gior

Ultimo test prima dell’Europeo, arriva l’Inghilterra

La Svizzera ospita le britanniche al Letzigrund, nella speranza di far dimenticare la scoppola subita contro la Germania (7-0)
calcio
24.10.2021 - 19:35
Aggiornamento: 21:01

Troppi errori a Basilea, ma per il ‘Crus’ anche dell’arbitro

Generoso ma sfortunato e impreciso sia in fase difensiva, sia offensiva. Così il Lugano è caduto 2-0 nella tana della capolista della Super League

Basilea – Una rete subita quasi subito e troppe occasioni da gol sprecate. Sono lussi che non ti puoi permettere se vuoi vincere (o perlomeno non perdere) una partita, figuriamoci se di fronte hai il leader del campionato, che tra l’altro vanta la miglior difesa della Super League. In sostanza, il Lugano ha sbagliato quello che non avrebbe dovuto a Basilea, dove davanti ai quasi 20mila spettatori (19’990) del St. Jakob e contro una formazione superiore dal punto di vista tecnico, i bianconeri hanno incassato (regalato) due reti immediatamente dopo aver mancato a loro volta la possibilità di andare in gol. E in fondo, la differenza tra un generoso e pure sfortunato (l’infortunio a Osigwe nel riscaldamento, il palo di Sabbatini) Lugano e un Basilea che in sostanza ha ottenuto il massimo con il minimo, è tutta lì.

Come d’altronde sottolineano le statistiche del match, che parlano del 53 per cento di possesso palla e di ben 23 conclusioni in favore degli ospiti, di cui però solo 7 verso la porta difesa da Lindner. Per contro, ne sono bastate 15 (9 nello specchio) alla squadra di Patrick Rahmen per bucare due volte il giovane Saipi, gettato nella mischia a freddo e indeciso in occasione del primo gol, anche se, come detto, la seconda sconfitta (consecutiva) dell’era Croci-Torti non è di certo arrivata solo per colpa sua. Anzi...

Osigwe, Saipi, un palo e Cabral: quante docce fredde

Costretto già a fare a meno dell’assente di lunga data Baumann (dato però sulla via della guarigione), Croci-Torti ha dovuto suo malgrado constatare anche il forfait dell’ultimo minuto di Osigwe, infortunatosi durante il riscaldamento. Spazio quindi tra i pali all’esordiente in Super League (aveva già disputato 90 minuti nel successo 1-0 a Neuchâtel in Coppa) Saipi. Davanti al portiere della U21 rossocrociata, per contrastare la potenza di fuoco dei renani (che oltre ad avere in campo i vari Cabral, Zhegrova e Kasami, in panchina annoveravano gente come Stocker ed Esposito), il tecnico bianconero ha scelto di schierare una difesa a quattro con Ziegler e Lavanchy ai lati di Maric e Daprelà. Capitan Sabbatini si è piazzato davanti a loro e dietro a una linea pure a quattro formata sulle fasce da Custodio e Abubakar e al centro dal rientrante Bottani con Lovric, di supporto all’unica punta Celar.

Le docce fredde non sono finite con il ko del portiere titolare per il Lugano, visto che già allo scoccare del decimo minuto, pochi istanti dopo aver sfiorato la rete con un esterno destro di Bottani fuori di un niente, i sottocenerini hanno incassato il vantaggio dei padroni di casa. Originato proprio da un errore del loro giovane estremo difensore, impacciato nel respingere davanti a sé la conclusione dal limite di Zhegrova, permettendo così all’accorrente Fabian Frei di appoggiare in rete la sfera con un tocco sotto. Gli ospiti hanno provato a reagire con un colpo di testa centrale di Celar e uno ben più pericoloso di Sabbatini stampatosi sul palo alla sinistra di Lindner, ma al 32’ sono stati puniti dal capocannoniere del campionato Cabral, il quale ha approfittato della bella sponda di Kasami (e dell’uscita fuori tempo di Maric) per presentarsi a tu per tu con Saipi e realizzare il suo 12esimo gol in 11 partite. Al 40’ altra grossa occasione per Celar, che da ottima posizione non ha però angolato abbastanza il suo sinistro, permettendo al portiere avversario di intervenire.

Il giovane portiere bianconero si riscatta ma non basta

Anche la ripresa ha rischiato di aprirsi come peggio non avrebbe potuto per il Lugano, ma stavolta Saipi si è riscattato intercettando il rigore calciato da Kasami concesso erroneamente dal direttore di gara Dudic (oltretutto dopo aver rivisto l’azione al Var), in quanto nel contrasto tra Sabbatini e Males è stato quest’ultimo a cercare palesemente il contatto con l’avversario (nel primo tempo una situazione simile ma a parti invertite non è nemmeno stata visionata). La prodezza del portiere 21enne ha permesso ai suoi di rimanere in partita perlomeno sulla carta, ma in realtà Bottani e compagni non sono mai realmente riusciti a mettere con costanza sotto pressione i padroni di casa, limitandosi a un paio di sortite offensive dello stesso numero dieci, sul cui colpo di testa al 71’ Lindner si è superato. Al 79’ altro episodio estemporaneo, con il cross del neoentrato Lungoyi che ha colpito la parte superiore della traversa. Troppo poco per sperare di far davvero tremare la capolista.

Le dichiarazioni

Sabbatini: ‘Dobbiamo essere più concreti, già con l’Yb’

«Abbiamo sbagliato troppo e contro il Basilea non puoi permettertelo». Non poteva che iniziare così l’analisi del match di Jonathan Sabbatini, che ha poi proseguito sottolineando come «il nostro limite maggiore al momento è la fase offensiva e parlo a livello di squadra, perché un po’ tutti abbiamo avuto delle occasioni per segnare. Non siamo però abbastanza freddi e concreti davanti alla porta avversaria, perché al di là del fatto che Lindner è stato bravo, abbiamo creato tanto ma concretizzato davvero troppo poco».

Certo è che anche il gol incassato a freddo dal giovane Saipi non ha aiutato... «Ritrovarsi subito sotto su questo campo non fa decisamente piacere, ma la squadra si è subito ripresa, macinando gioco e, come detto, creandosi delle opportunità per pareggiare. A Saipi non possiamo dire niente, non era facile per lui e ha compiuto anche degli ottimi interventi. Ripeto, sappiamo cosa dobbiamo migliorare, la fase offensiva, ma dobbiamo farlo subito».

Già, perché mercoledì c’è una partita di Coppa che potrebbe essere molto simile... «Credo che anche lo Young Boys ci concederà qualcosa e stavolta dovremo essere bravi a sfruttarlo. In fondo come diceva Zeman, bisogna cercare di segnare un gol in più dell’avversario e penso che in squadra abbiamo la qualità per fare meglio da questo punto di vista».

Croci-Torti: ‘Girano le scatole, anche perché l’arbitro...’

Il tecnico bianconero Mattia Croci-Torti dal canto suo ha confermato le parole del suo capitano, aggiungendo anche una considerazione sugli arbitri... «Abbiamo tirato in porta 26 volte (in realtà 23, di cui 7 nello specchio, ndr) a Basilea e non ricordo negli ultimi anni una partita del genere del Lugano. Purtroppo però il loro portiere è stato molto bravo, mentre noi non siamo stati abbastanza bravi a concretizzare. Mi girano anche un po’ le scatole perché non ci hanno fischiato un rigore su Bottani per fallo di Kasami, mentre a loro ne hanno dato uno simile al Basilea. E sarebbe stato 1-1. Quindi siamo arrabbiati ma non vogliamo nemmeno attaccarci agli errori arbitrali, ci portiamo a casa la buona prestazione e cerchiamo di prepararci al meglio per affrontare lo Young Boys in una partita alla quale teniamo molto tutti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc basilea fc lugano super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved