BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
fine
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
fine
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
marchesano-inventa-per-ceesay-e-lo-zurigo-affonda-il-lugano
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
4 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
6 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
6 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
9 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
9 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
9 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
10 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
11 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
13 ore

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
19 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
1 gior

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
1 gior

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
1 gior

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
1 gior

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Calcio
16.10.2021 - 22:370
Aggiornamento : 17.10.2021 - 13:27

Marchesano inventa per Ceesay e lo Zurigo affonda il Lugano

Al Letzigrund nel match d’alta classifica un Lugano privo di Bottani non riesce a tirare in porta una sola volta e viene punito dal suo ex attaccante

Questo Zurigo, il Lugano proprio non lo digerisce. Al Letzigrund nel match d’alta classifica della decima giornata di Super League i bianconeri si sono infatti inchinati 1-0 alla nuova (provvisoria) capolista, incassando così il quinto ko consecutivo (senza oltretutto segnare) contro i tigurini. A decidere una sfida in cui ai ticinesi, che non hanno mai tirato nello specchio della porta avversaria, è mancata maledettamente la vèrve in fase offensiva dell’infortunato Mattia Bottani, non lo spauracchio dei sottocenerini Antonio Marchesano (5 reti nelle 5 precedenti occasioni in cui era sceso in campo contro il Lugano) bensì l’ex Assan Ceesay, che al 77’ ha raccolto l’assist del centrocampista ticinese per realizzare il gol-partita e infliggere a Mattia Croci-Torti il primo dispiacere da quando siede sulla panchina luganese (dopo cinque risultati utili, Coppa compresa).

Primo tempo: poche occasioni, Osigwe dice no a Marchesano

Privo degli infortunati Bottani, Maric, Baumann e Guidotti, Croci-Torti ha continuato a dare fiducia tra i pali a Osigwe (sempre preferito al portiere dell’U21 rossocrociata Saipi), davanti al quale ha schierato una difesa a quattro composta da Hajrizi a destra (come due settimane prima nella vittoria sul Losanna), Facchinetti a sinistra e la coppia Daprelà-Ziegler al centro. A metà campo rispolverato il trio formato da Sabbatini, Custodio e Lovric, con Lavanchy e Abubakar larghi sulle fasce a supporto dell’unica punta Celar.

In casa della terza forza di Super League (in precedenza battuta solo da Basilea e Young Boys) i bianconeri hanno mostrato una buona personalità provando subito a prendere in mano le operazioni, ma i tigurini non sono rimasti a guardare e le due squadre si sono praticamente annullate. L’unica mezza opportunità l’ha sprecata al 13’ Celar, che dopo aver ereditato il pallone sulla trequarti in seguito a un errore avversario in impostazione, ha perso il tempo sia per tirare in porta, sia per servire un compagno. Sull’altro fronte, ci ha provato in un paio di occasioni l’ex Ceesay, senza tuttavia riuscire a impensierire Osigwe. In un contesto del genere, piuttosto logico che il principale brivido del primo tempo sia arrivato su palla ferma, con l’estremo difensore di origine nigeriana che al 36’ ha tolto dal sette la punizione calciata dai 20 metri di Marchesano, pochi istanti dopo nuovamente insidioso deviando sopra la traversa una conclusione di Doumbia.

Secondo tempo: il Lugano cala subito e Ceesay concretizza la superiorità zurighese

Partenza decisamente più movimentata nella seconda frazione, con Abubakar che dapprima ha calciato alto dopo una bella ripartenza e pochi minuti dopo ha servito un buon pallone al limite dell‘area per Sabbatini, il cui esterno destro non è andato lontano dall’angolino alto alla destra di Brecher. Ancor più velocemente di quanto capitato nel primo tempo, la spinta degli ospiti si è però esaurita e seppur senza impensierire più di tanto Osigwe, Guerrero (altro ex dei sottocenerini) e compagni hanno preso in mano il gioco e costretto la squadra di Croci-Torti a indietreggiare pericolosamente. Un nuovo (dis)equilibrio che ha iniziato a tradursi in occasioni da rete nella metà conclusiva della frazione, quando dapprima Ceesay (al 67’) ha messo fuori di poco di testa e poi il neoentrato Coric con un destro da ottima posizione ha chiamato il portiere bianconero alla grande parata.

Nulla ha invece potuto Osigwe al 77’ quando la premiata ditta Marchesano-Ceesay si è messa in moto per l’ennesima volta: il lancio in verticale da metà campo del numero dieci ha sorpreso la difesa bianconera, con in particolare Hajrizi e Daprelà che si sono lasciati sfuggire l’attaccante gambiano, bravo poi a incrociare di sinistro appena dentro l’area trovando il suo ottavo gol di questo campionato (in 10 presenze, reti che diventano 10 aggiungendo anche le due partite di Coppa Svizzera). Lo stesso 27enne ha in seguito sprecato l’occasione per il raddoppio ma è comunque risultato il match-winner, in quanto nonostante le forze fresche inserite da Croci-Torti (tra cui l’algerino Amoura, decisivo da subentrante nell’ultima vittoria sul Losanna) il Lugano non è più riuscito a reagire, chiudendo con un eloquente zero nella casella tiri in porta.

Custodio: ‘Abbiamo creato poco, ma anche concesso poco, perdere così fa male’

«Perdere così fa male – la reazione a caldo del centrocampista bianconero Olivier Costodio –. È stata una partita chiusa, con poche occasioni e purtroppo su una di queste abbiamo preso un gol evitabile. Sapevamo che sarebbe stato difficile sviluppare trame offensive e spingerci in avanti e così è stato, ma anche noi dietro non abbiamo concesso più di tanto, per cui a maggior ragione come detto è un peccato aver perso».

Zurigo - Lugano 1-0

Rete: 77’ Ceesay 1-0.

Zurigo: Brecher; Omeragic (90’ Kamberi), Kryeziu, Aliti; Boranijasevic, Doumbia, Krasniqi (64’ Gnonto), Guerrero; Dzemaili (64’ Coric); Marchesano (83’ Hornschuh), Ceesay.

Lugano: Osigwe; Hajrizi (81’ Mahmoud), Daprelà, Ziegler, Facchinetti (81’ Yuri); Custodio (81’ Phelipe); Lavanchy, Sabbatini, Lovric; Celar (64’ Amoura), Abubakar (76’ Lungoyi).

Arbitro: San.

Note: 7325 spettatori. Zurigo privo di Tosin, Kramer, Leitner e Khelifi. Lugano privo di Bottani, Baumann, Maric, Guidotti e Alexander Muci (infortunati). Ammoniti: 51’ Ceesay. 69’ Hajrizi. 91’ Gnonto.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved