svizzera-il-successo-c-e-e-i-gol-sono-quattro
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa

Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
10 ore

Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso

Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
10 ore

‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’

Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
11 ore

Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti

In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Calcio
12 ore

Valon Behrami ha detto addio al calcio giocato

A svelarlo un post di un suo compagno al Brescia, eliminato domenica dai playoff di Serie B. Il 37enne ha vestito 83 volte la maglia della Svizzera
Formula 1
12 ore

Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola

Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
tennis
15 ore

Henri Laaksonen saluta il Roland Garros

Nulla da fare per l’elvetico contro il danese Rune nel secondo turno dello Slam di Parigi
CALCIO
1 gior

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
1 gior

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
1 gior

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
2 gior

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Calcio
12.10.2021 - 22:42

Svizzera, il successo c’è, e i gol sono quattro

Doppietta di Embolo e gol di Steffen e Gavranovic per il 4-0 dei rossocrociati contro la Lituania. Tutto nel primo tempo, ripresa soporifera

Il successo era d‘obbligo, ed è puntualmente arrivato, seppur non al termine di un confronto esaltante. L’operazione differenza reti, inoltre, è parzialmente riuscita, per la Svizzera: il 4-0 alla Lituania è più del minimo sindacale che andava profilandosi prima che Gavranovic a tempo scaduto mettesse a segno il quarto gol, il 16esimo in 36 presenze in rossocrociato. Ora gli elvetici accusano un ritardo di due reti nei confronti dell’Italia, con ancora gli Azzurri e la Bulgaria da affrontare. Non disprezzabile, questo scenario, per una squadra che a Vilnius ha fatto tutto nel primo tempo, per poi spegnersi nella ripresa, sul comodo cuscino del vantaggio delle tre reti messe a segno prima del 45’

È a partire dalla mezz’ora che la Svizzera ha espresso il meglio di sé, dopo qualche verticalizzazione vanificata dall’imprecisione degli affondi, affidati soprattutto all’estro di Shaqiri, tradottosi prima in un bel pallonetto ma poi, fortunatamente, in due calci d’angolo dai quali è scaturita la doppietta di Embolo. Laddove non è arrivata la classe del trequartista ex Liverpool oggi al Lione, è salito in cattedra Fabian Schär, difensore centrale dal piede delicato, non sempre concreto in retrovia ma utile in veste di regista arretrato. In grado, per tecnica e visione di gioco, di sostituirsi alla regia di capitan Xhaka, con lanci illuminanti degni del collega, il grande assente in casa elvetica. Uno su tutti, quello che ha messo Steffen davanti al portiere, superato con un pallonetto per quello che è stata la seconda rete della serata.

La sblocca Embolo

Il ct rossocrociato Murat Yakin ha optato per tre novità nell’undici titolare rispetto alla partita di sabato contro l’Irlanda del Nord: Silvan Widmer, Fabian Schär e Djibril Sow hanno infatti rimpiazzato gli infortunati Kevin Mbabu e Manuel Akanji e lo squalificato Denis Zakaria. Confermato, per contro, Renato Steffen, protagonista di un buon primo tempo che lo ha visto andare a segno per la prima volta con la maglia rossocrociata, alla 18esima presenza. Una rete propiziata da un invito di Fabian Schär - il regista arretrato dell’undici elvetico, riferimento iniziale per le trame di gioco, in assenza di capitan Xhaka - sul quale il giocatore del Wolfsburg si è fiondato per farsi beffe della distratta retroguardia di casa e superare il portiere con un pallonetto delicato quanto “comodo”.

Un gol che si è inserito a cavallo delle due reti di Breel Embolo (al 50esimo gettone rossocrociato, salito a quota 8 reti). Con la prima - una bella capocciata prepotente - l’attaccante del Borussia Mönchengladbach ha sbloccato una partita dai ritmi blandi e dalle contenutissime emozioni, complice l’atteggiamento non esattamente corsaro degli elvetici e l’attendismo - nonché la pochezza - della Lituania, schierata a ridosso della propria area e impegnata esclusivamente nell’opera di contenimento.

Così, ci è voluta una palla inattiva, segnatamente un angolo molto ben calciato da Shaqiri, per sbloccare il risultato e consentire alla Nazionale di Yakin di liberarsi dal peso di uno 0-0 un po’ inquietante, trasformato nel breve volgere di pochi minuti in un rotondo 3-0 per effetto del citato pallonetto di Steffen e del secondo sigillo di Embolo (ancora una volta sugli sviluppi di un angolo), opportunista a due passi dalla porta lituana, come si compete a un centravanti di razza, lui che... centravanti autentico non è.

Ritmo basso e... Supermario

La ripresa si è aperta con la novità Garcia al posto di Rodriguez (acciaccato) e con una Svizzera rinfrancata dalle tre reti che l‘hanno posta - una volta assicuratasi la vittoria - nella condizione di poter pensare alla differenza reti, in chiave primo posto di girone. L’ingresso in campo nelle fasi finali di Fassnacht e Vargas prima e di Gavranovic poi ha “rivoluzionato” il terzetto offensivo che ha agito alle spalle di Embolo, il quale dopo l’ingresso del ticinese - lui sì prima punta di ruolo - si è piazzato in una posizione a lui pu consona. Tentativi lodevoli e legittimi di riaccendere il fuoco sacro di una Nazionale accomodatasi un po’ troppo sul bottino messo in cassaforte entro il 45’. La verve di Vargas, uno che quando entra lascia sempre il segno, ha prodotto un palo pieno nell’unica occasione in cui la Svizzera è andata per davvero vicina alla quarta realizzazione, quella trovata nei minuti di recupero da Mario Gavranovic. Un gol ininfluente nell’economia della partita, che potrebbe però rivelarsi pesantissimo in chiave qualificazione diretta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
breel embolo mario gavranovic murat yakin nazionale rossocrociata svizzera

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved