Inter
0
Venezia
0
1. tempo
(0-0)
GCK Lions
0
Olten
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
Inter
0
Venezia
0
1. tempo
(0-0)
GCK Lions
0
Olten
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
denis-zakaria-in-rampa-di-lancio
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
2 ore

Slalom maschile a Kitzbühel: successo storico per Ryding

Per il 35enne britannico è il primo successo in Coppa del Mondo. Fra i rossocrociati il migliore è stato Loic Meillard, che si aggiudica il settimo posto
Sci
5 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
20 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
23 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
23 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
1 gior

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
1 gior

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
1 gior

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
1 gior

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
1 gior

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
1 gior

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
1 gior

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
Sci
1 gior

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
1 gior

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per i Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita da infortuni nella sua carriera sulle gobbe
SCI ALPINO
1 gior

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
1 gior

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Calcio
06.10.2021 - 18:180

Denis Zakaria in rampa di lancio

Tornato a pieni giri a un anno e mezzo da un grave infortunio al ginocchio, il ginevrino è pronto a caricarsi la Nazionale sulle spalle

«Il suo infortunio al ginocchio era veramente molto grave. Ho avuto paura per lui». Parole e preoccupazione di Yann Sommer, il quale si riferisce allo scontro di gioco provocato in modo fortuito dallo stesso portiere rossocrociato lo scorso 7 marzo 2020 in occasione della sconfitta del Borussia Mönchengladbach (2-1) contro il Borussia Dortmund che costò una lunghissima assenza a Denis Zakaria, costretto a una lunga convalescenza. Chiusa qualche mese fa, per fortuna, ma la cui coda è comunque stata piuttosto lunga e laboriosa. A dimostrazione, in effetti, di quanto serio sia stato il problema al ginocchio accusato dal centrocampista del Gladbach e della Nazionale, verosimilmente titolare del centrocampo di Yakin sabato a Ginevra contro l’Irlanda del Nord, a fianco dell’atalantino Remo Freuler, nella posizione occupata solitamente dal grande assente in seno alla Nati, capitan Granit Xhaka.

Dopo gli Europei, la pausa benefica

A ben vedere, il ginevrino ha impiegato quasi un anno e mezzo per tornare a esprimersi sui suoi livelli abituali. «Mi sono trascinato quell’infortunio per mesi - ricorda infatti Zakaria. Agli Europei non sono riuscito a esprimermi in modo sereno, senza condizionamenti. Poi sono stato in vacanza e ho avuto il Covid. Quest’altra pausa forzata mi ha fatto bene. Quando ho ripreso l’attività, non avevo più alcuna preoccupazione».

Dopo un primo “approccio” contro la Grecia lo scorso 1° settembre, Zakaria si è preso la ribalta quattro giorni più tardi contro l’Italia, nella mezz’ora che Murat Yakin gli ha concesso. Con le sue incursioni ha dato impulsi notevoli alla manovra rossocrociata. «Mi ricorda Patrick Vieira (centrocampista di Arsenal e Juventus, perno della Francia campione del mondo nel 1998 e d’Europa nel 2000, ndr) - commenta ancora Sommer -. Con la potenza di cui dispone, è molto difficile fermarlo quando avanza con la palla al piede».

Quanta rabbia

«Sono sceso in campo con rabbia perché ero stato lasciato in panchina, anche se riconosco che Yakin ha fatto bene a non inserirmi tra i titolari, dopo la partita contro la Grecia», ha ammesso Zakaria ricordando quello scorcio di partita nel quale ha giocato con la “garra” che lo contraddistingue e ne fa un giocatore fuori dal comune.

Autore del gol della vittoria per il Gladbach lo scorso 25 settembre nel successo 1-0 contro il Dortmund, decisivo in veste di rifinitore sabato contro il Wolfsburg (successo 3-1 in trasferta), l’ex gioiello di Servette e Young Boys è in rampa di lancio. Contro l’Irlanda del Nord, intende ricambiare la fiducia accordatagli da Yakin, il quale ha speso parole di elogio al suo indirizzo in occasione del raduno della Nazionale a Losanna.

Al posto di Xhaka

Oneri e onori si mischiano: spetta infatti a lui il privilegio di sostituire un perno fondamentale della squadra quale è Granit Xhaka, ma deve anche assumere la responsabilità che deriva dal ruolo di uomo chiave nell’economia del gioco della Svizzera. Non solo sabato, bensì per tutto il resto della campagna di qualificazione ai Mondiali del Qatar che comprende anche la partita di martedì contro la Lituania e gli impegni del mese di novembre contro l’Italia (venerdì 12) e la Bulgaria (lunedì 15). «Disponiamo di una squadra in grado di vincere tutte le restanti partite - spiega Zakaria -. Per qualificarci direttamente, del resto, le dobbiamo vincere tutte. Abbiamo tutto quello che serve per riuscirci. Anche a Roma contro l’Italia, perché no? Non a caso resto dell’idea che avremmo dovuto vincere noi, all’andata a Basilea».

Europeo da amaro in bocca

A 24 anni Denis freme per recuperare il tempo perduto. L’Europeo condizionato dai fantasmi dell’infortunio gli ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Per quanto orgoglioso possa essere stato per il risultato collettivo, la storica qualificazione ai quarti dopo l’altrettanto storica vittoria contro la Francia, Zakaria è stato mandato in campo come titolare in una sola occasione, proprio contro la Spagna, nei quarti. «Non nascondo di averla presa male. Alla fine degli Europei ho preteso di chiarire con Petkovic le ragioni della mia esclusione».

Destinazione Premier League?

Prima del citato infortunio, l’elvetico era finito nel mirino di alcuni tra i principali club europei. Quest’estate, nonostante fosse sulla lista delle possibili operazioni di mercato in uscita del Mönchengladbach, a un anno dalla scadenza del contratto, non ha suscitato il medesimo interesse di qualche mese fa. Oggi, per contro, il suo ritorno sulla ribalta lo pone in una situazione privilegiata. Una volta scaduto il contratto, sarà libero di cercarsi una sistemazione da svincolato, ciò che potrebbe quindi indurre una società a puntare su un calciatore di qualità (e di prospettiva, vista l’età) senza versare alcun indennizzo al suo attuale club. «È così - conferma -, tuttavia so che il Borussia Mönchengladbach vuole intavolare una discussione per il prolungamento del contratto».

A riprova della considerazione della quale gode in seno ai “Fohlen”, ecco le parole del direttore sportivo Max Eberl alla tedesca “Bild”: «Denis è il nostro Haaland». Niente male per un calciatore rimasto ai margini della Bundesliga per quasi un anno. «Le sue prestazioni parlano per lui. Non segnerà 30 gol come Haaland, ma per noi è tanto importante quanto lo è il norvegese a Dortmund», ha aggiunto il dirigente del Gladbach.

La fiducia della proprietà è fondamentale, tuttavia mal si vede come il Borussia possa rivaleggiare con i club della Premier League che si faranno avanti per assicurarsi i servigi di un giocatore le cui caratteristiche ben si coniugano con il calcio inglese.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved