Wawrinka S. (SUI)
MOUTET C. (FRA)
13:00
 
SWIATEK I. (POL)
1
TSURENKO L. (UKR)
0
2 set
(6-2 : 0-0)
PARRY D. (FRA)
KREJCIKOVA B. (CZE)
13:30
 
la-prima-del-crus-porta-in-dote-un-punto
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
58 min

Per il Lugano due amichevoli a Straubing

I bianconeri invitati alla Gäubidenvolksvest.Cup in Germania dal 19 al 21 agosto
Formula 1
14 ore

Verstappen e una serenità figlia (anche) della cura dei dettagli

Con la doppietta in Spagna le Red Bull hanno ripreso il comando del Mondiale ai danni di una Ferrari che ha tradito Leclerc sul più bello
Hockey
14 ore

La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei

Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito
Calcio
14 ore

Acb, un bel successo per festeggiare la promozione

I granata, ormai certi della salita in Challenge League, battono 3-2 l’Étoile Carouge con un gol di Souza nel recupero.
Calcio
16 ore

Il Milan non trema ed è campione d’Italia!

La squadra di Pioli nell’ultima giornata di Serie A si è imposta 3-0 in casa del Sassuolo e ha chiuso il campionato con 2 punti di vantaggio sull’Inter
Calcio
17 ore

Il Manchester City è campione d’Inghilterra per l’ottava volta

Al termine di un’ultima giornata emozionante gli uomini di Guardiola si sono imposti 3-2 in rimonta sull’Aston Villa precedendo il Liverpool di un punto
CALCIO
17 ore

La stagione del Lugano si chiude con una sconfitta a Basilea

Bianconeri battuti di misura al St. Jakob al termine di una buona prestazione con una formazione largamente rimaneggiata
Hockey
18 ore

La Germania vince ancora e lancia la sfida agli elvetici

Gli uomini di Söderholm battono anche i kazaki, centrando il quinto successo di fila e mettendo pressione ai rossocrociati prima del test con la Francia
Ciclismo
18 ore

Giulio Ciccone firma il terzo successo italiano a questo Giro

Il 27enne si è imposto in solitaria nell’arrivo in quota a Cogne. Immutata la classifica generale con Carapaz che precede Hindley e Almeida.
FORMULA 1
19 ore

Verstappen vince in Spagna e scavalca Leclerc

L’olandese si è imposto al termine di un Gran premio che ha visto il monegasco abbandonare prima di metà gara per problemi al motore della sua Ferrari
TENNIS
20 ore

A Parigi buona la prima per Teichmann e Bencic

Al Roland-Garros la biennese supera nel primo turno la statunitense Bernarda Pera, mentre la sangallese non lascia scampo all’ungherese Reka Jani
TENNIS
22 ore

Parigi, primo turno fatale a Dominic Thiem

L’ex numero 3 delle classifiche mondiali, scivolato in 194ª posizione per infortunio, è stato battuto al Roland-Garros dal boliviano Hugo Dellien
CALCIO
12.09.2021 - 18:35
Aggiornamento : 19:04

La prima del ‘Crus’ porta in dote un punto

Buon Lugano per l'esordio di Croci-Torti in panchina. Abubakar risponde a Cabral per un 1-1 che può accontentare entrambe le squadre

Un punto a testa e tutti sono contenti. La prima partita di Croci-Torti sulla panchina del Lugano ha portato in dote un pareggio in rimonta contro il Basilea. Un risultato senza dubbio da sottoscrivere, anche per come è andato il confronto, con i bianconeri subito privi di un uomo importante e andati alla pausa sotto di un gol.

Già nei primi minuti, il Lugano ha perso quella che nelle prime settimane della stagione era stata l’arma offensiva più pericolosa. L’infortunio a Mattia Bottani dopo appena 10’ ha condizionato la manovra e l’inventiva di una squadra che si è di fatto trovata a giostrare con un solo attaccante di ruolo (Abubakar) e con Lovric a sostegno (al posto di Bottani, Croci-Torti ha inserito Guidotti in mezzo al campo). Ai bianconeri è così venuto a mancare quel tocco di imprevedibilità che le qualità del numero 10 nell’uno contro uno erano in grado di garantire. Non è probabilmente un caso che da quel momento in poi l’inerzia della partita sia mutata, passando in mani rossoblù. Anche se poi, va detto, il gol del vantaggio è stato un gollonzo confezionato da Osigwe (in campo per l’infortunato Baumann) il quale si è lasciato sfuggire un pallone non particolarmente impegnativo, in uscita bassa sui piedi di Cabral, pallone che il brasiliano ha poi depositato nella porta sguarnita.

Una volta in ritardo (29’), il Lugano ha provato a riprendere in mano le redini della sfida e in qualche maniera ci è pure riuscito, ma privo della fantasia di Bottani ha palesato grande imbarazzo nel riuscire a rendersi pericoloso dalle parti di Lindner. Manca – e questa non è certo una novità – un terminale offensivo in grado di fare da catalizzatore per tutti quei palloni che vagano nei pressi (o dentro) dell'area di rigore. Abubakar, gran lavoratore, non possiede (ancora) l’istinto del killer, anche se ieri ha concretizzato il 50% delle occasioni avute: al 45’ non è riuscito a battere nella porta sguarnita dopo aver superato anche Lindner, al 59’ ha finalizzato un contropiede da lui stesso innescato, insaccando di testa il punto del pareggio su centro di Sabbatini. Un po’ poco per una prima punta, ma va altresì detto che solo di rado i bianconeri sono riusciti a mettere Abubakar (o qualcuno inseritosi da dietro) nelle condizioni di battere a rete. Custodio e Sabbatini si sono dati un gran da fare per cercare di cucire il gioco tra i reparti, ma se il primo pallone passa giustamente dai loro piedi, non dovrebbero essere loro a incaricarsi di garantire fosforo al fuoco offensivo, per quanto il capitano sia stato all’origine di entrambe le occasioni di Abubakar.

La partita è cambiata, per una quindicina di minuti, dopo l’inserimento di Lungoyi (67’). Il ginevrino ha garantito al Lugano maggiore velocità, in un momento della partita nel quale si è potuto disimpegnare in contropiede, di fronte a un Basilea tornato a essere più offensivo. Non a caso le occasioni migliori sono capitate proprio nella seconda metà del confronto sull’asse Lovric - Lungoyi (con i consueti inserimenti dell'infaticabile Lavanchy). Una fiammata durata una quindicina di minuti, prima che i basilesi capissero come frenarlo e la verve dell'attaccante bianconero andasse velocemente spegnendosi. Così, nel finale il Basilea è tornato a farsi pericoloso e dapprima Ziegler si è dovuto immolare su una conclusione di Cabral, poi all'88’ Osigwe si è fatto trovare pronto sulla battuta dello stesso brasiliano.

Per come è nato, un punto contro il Basilea non lo si butta mai via. Anzi...

Lugano - Basilea (0-1) 1-1

Reti: 29’ Cabral 0-1. 59’ Abubakar 1-1

Lugano: Osigwe; Daprelà, Maric, Ziegler; Lavanchy, Custodio, Sabbatini, Lovric (78’ Celar), Facchinetti (78’ Yuri); Abubakar (67’ Lungoyi), Bottani (11’ Guidotti)

Basilea: Lindner; Lang (63’ Tavares), Frei, Pelmard, Petretta; Kasami (79’ Wouter), Xhaka; Ndoye (63’ Millar), Palacios, Stocker (63’ Males); Cabral

Arbitro: Fähndrich

Note: 3’050 spettatori. Lugano privo di Baumann (infortunato), Amoura e Mahmoud (in attesa di permesso di lavoro). Basilea senza Cömert, Djiga, Padula, Quiltilla, Zhegrova, Esposito, Lopez (infortunati). Ammoniti: 7’ Bottani. 41’ Maric. 57’ Custodio. 61’ Kasami. 86’ Daprelà

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abubakar fc basilea fc lugano mattia croci-torti super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved