CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
4 ore

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
4 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
5 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
5 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
5 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
5 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
7 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
10 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
12 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
13 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
18 ore

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
BOCCE
1 gior

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
ATLETICA
1 gior

Kipchoge batte se stesso A Berlino nuovo record

A trentasette anni il keniano si ripete sulle strade della capitale tedesca, dove aveva già stabilito il primato della maratona nel 2018
CICLISMO
1 gior

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
1 gior

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
1 gior

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
1 gior

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
2 gior

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
CALCIO
27.08.2021 - 16:54
Aggiornamento: 17:59

‘Non vedrete mai una squadra arroccata in difesa, sono brasiliano’

Abel Braga, tecnico del Lugano, promette un atteggiamento coraggioso anche a Sion. E intanto arrivano lo sloveno Celar e il tunisino Mahmoud

non-vedrete-mai-una-squadra-arroccata-in-difesa-sono-brasiliano

Alla chiusura della finestra estiva di mercato mancano appena quattro giorni, ma il Lugano rimane un cantiere a cielo aperto. In casa bianconera le novità si rincorrono di giorno in giorno. Dopo l’uscita di Covilo e Macek e l’arrivo di Carlos Da Silva nel ruolo di coordinatore dell’area sportiva del club, a rinforzare la rosa di mister Braga sono giunti l’attaccante sloveno Zan Celar (22 anni) che ha vestito le maglie di Maribor, Roma (esordio in A nel 2018-19), Cittadella e Cremonese (nazionale sloveno U21) e il centrocampista tunisino Mohamed Belhadj Mahmoud (21 anni), conosciuto come Hadji Mahmoud, in provenienza dall’Etoile Sportive du Sahel (entrambi hanno firmato fino al 2025). Da qui al 31 agosto sono attese altre novità, in attesa delle quali rimane un campionato da portare avanti, con all’orizzonte una trasferta a Sion. E al Tourbillon, i bianconeri arrivano con due settimane di stacco dalla Super League, la prima per l’impegno di Coppa Svizzera a la Chaux-de-Fonds, la seconda per il posticipo della sfida contro lo Young Boys.

«Ci trovavamo in un periodo positivo, con tre vittorie (Servette, San Gallo e Coppa, ndr) e un rinvio – afferma Abel Braga –. Non so se la settimana di “pausa” ci abbia giovato oppure no. So, però, che in squadra non abbiamo grandi stelle, ma basiamo molto su un collettivo davvero forte. Non promettiamo mai nulla, se non di dare il massimo in ogni circostanza. Alla fine potremo vincere, pareggiare o perdere, ma avremo di sicuro disputato una buona prestazione: in casa come in trasferta, contro un avversario forte come contro uno più debole».

Abel Braga sta cercando di cambiare lo stile di gioco del Lugano, ma ha senza dubbio iniziato il suo lavoro con palese ritardo rispetto alle altre squadre. In queste due ultime settimane ha potuto lavorare a fondo per trasmettere il suo credo calcistico. La squadra che scenderà in campo a Sion dovrebbe essere un po’ più simile a quella che il suo mister sogna… «I giocatori hanno sposato senza remore la mia filosofia e di ciò sono davvero contento. Voglio vedere un gruppo che di partita in partita cresce nella convinzione di poter comandare il gioco. Pensate che a Sion vedrete un Lugano arroccato in difesa? Non succederà mai! La nostra è una squadra votata all'attacco, vogliamo vincere e di certo non lo potremmo fare se ci tirassimo tutti indietro. Non sarà mai un Lugano difensivista e se un giocatore mostrasse questo atteggiamento, lo sostituirei immediatamente. Questa è la mia mentalità. Amico mio, io sono brasiliano!».

In attesa dell’inserimento dei nuovi arrivati, il Lugano ha però perso qualcosa, in particolare con la partenza di Covilo… «Mi dispiace quando dei giocatori lasciano il club, proprio come sono contento quando ne arrivano di nuovi, perché la stagione sarà lunga, ci avviciniamo all’inverno e diventerà più dura per tutti quanti. Ma non posso farci nulla, sono entrato nell’ottica di essere al servizio di un’impresa aziendale. È molto diverso da ciò al quale ero abituato in Brasile, ma è altresì vero che negli ultimi anni la struttura del calcio mondiale si è molto evoluta. Sono stato interpellato nelle decisioni riguardanti la rosa, ma ho sempre specificato che non è la società a doversi adattare a me, ma io a dovermi adattare all’azienda. Adesso la strategia viene dettata direttamente da Chicago e io mi adeguo. Mi spiace quando qualcuno parte, ma non posso certo mettermi a piangere… Io lavoro con il materiale umano a mia disposizione, questo è il mio compito».

Tra Braga e la città di Lugano è subito scoppiato l’amore, così come i tifosi bianconeri sembrano aver adottato seduta stante il mister sudamericano… «Come si fa a non apprezzare la qualità di vita di Lugano? Ieri non ho nemmeno chiuso a chiave la macchina e non è successo nulla: altro che Rio… Qui sto bene, sono contento, mia moglie è contenta, in un’ora arrivo a Milano, posso andare a pranzo a Como: non mi rimangono molti anni di carriera, per cui la qualità di vita diventa un fattore importante. Ma non è a me che i tifosi devono voler bene, il loro amore deve essere indirizzato soltanto nei confronti dei giocatori. Sono loro a scendere in campo e a ottenere i risultati».

Per quanto riguarda la formazione, tutti a disposizione, eccezion fatta per Celar e Mahmoud. Il Sion, per contro, dovrà fare a meno degli infortunati Doldour, Iapichino, Itaitinga, Khasa, Martic e Rodrigues.

Il ritorno a Coranredo di Carlos Da Silva

Alla conferenza stampa pre partita era presente anche Carlos Da Silva, nuovo coordinatore del dipartimento sportivo… «Il mio ritorno a Lugano è stato veloce. Un mese fa sono stato contattato da Chicago per una possibile futura collaborazione, ma in quel momento non sapevo ancora di che squadra si trattasse. In seguito, Georg Heitz mi ha chiamato, ci siamo incontrati, mi ha spiegato nei dettagli il progetto e mi ha facilmente convinto».

Il compito dell’ex giocatore del Fc Lugano sarà quello di rimanere in stretto contatto con gli Stati Uniti… «Il mercato sarà portato avanti dai Chicago Fire, io dovrò coordinare, mantenere le relazioni, portare alla luce quelli che possono essere i problemi che si creeranno e, sempre in collaborazione con l’Illinois, cercare di risolverli. Per quanto riguarda i giocatori svizzeri sottoposti alla mia attenzione li valuterò, sempre in collaborazione con Chicago».

L’arrivo di Da Silva comporta una scontata domanda: che ne sarà del d.s. Marco Padalino? «Con lui ci siamo già incontrati, la nostra volontà è che rimanga con noi in quanto ha svolto un buon lavoro e può essere utile per capire quali sono le prime problematiche da affrontare. Ma nel nostro organigramma – come succede in altre società, ad esempio il Basilea – la figura del direttore sportivo non è contemplata, per cui stiamo discutendo per capire quale potrà essere il suo nuovo ruolo».

Il mercato, si diceva, rimarrà aperto ancora qualche giorno… «Abbiamo fatto il punto della situazione e il mister è stato coinvolto per capire cosa manca a questo gruppo. Ci sono due o tre posizioni che stiamo tuttora valutando, di sicuro un attaccante capace di andare in gol. Si tratta di capire cosa può ancora fornire il mercato, ma ovviamente i dettagli non li posso rivelare. I Chicago Fire hanno a disposizione uno scouting molto vasto e al momento stiamo trattando su due o tre nomi, ma nulla di definitivo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved