accordo-trovato-il-lugano-passera-in-mani-americane
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
53 min

Il Lugano è a Straubing, ‘un viaggio per conoscerci meglio’

I bianconeri affrontano i Tigers, mentre Oliwer Kaski vuole continuare a migliorarsi: ‘Devo riuscire a centrare gli angolini’
atletica
4 ore

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
5 ore

Débâcle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
5 ore

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
7 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
10 ore

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
17 ore

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
17 ore

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
18 ore

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
ATLETICA
19 ore

La staffetta torna in pista, ma Mujinga non c’è

Come ai Mondiali il tecnico Adrien Rothenbühler decide di correre le eliminatorie senza la sua numero uno. Sarà il gran giorno di Melissa Gutschmidt
MOUNTAIN BIKE
21 ore

Europei di Monaco, Filippo Colombo ambizioso

Venerdì si assegnano le medaglie nel cross-country e il ticinese, reduce da ottime prove in Nordamerica, si sente pronto
Calcio
22 ore

L’addio all’Acb di Sesa: ‘Bentancur scorretto con me’

La società: non accettiamo le sue dimissioni
Calcio
22 ore

Tatjana Hänni lascerà a fine 2022

La direttrice del calcio svizzero femminile andrà negli USA
09.08.2021 - 17:01
Aggiornamento: 23:51

Accordo trovato, il Lugano passerà in mani americane

La società ha comunicato di aver trovato un'intesa con un acquirente americano (il gruppo guidato dal miliardario Joe Mansueto) per la cessione del club

Il Lugano dovrebbe passare presto in mani americane. Il condizionale è d'obbligo visto quanto capitato tra maggio e giugno con la cordata brasiliana, ma la stessa società bianconera ha comunicato che gli azionisti del club Angelo Renzetti (detentore del 60 per cento delle quote societarie) e Leonid Novoselskiy (40 per cento) "hanno raggiunto un’intesa – si legge nello stringato comunicato stampa – con un acquirente americano (il gruppo guidato dal miliardario statunitense Joe Mansueto, già proprietario dei Chicago Fire di Major League, ndr), volta a permettere che l’operazione venga conclusa già in questi prossimi giorni (riservata naturalmente la procedura di licenza della Swiss Football League)».

Renzetti: ‘Sono sollevato ma ora definiamo i dettagli, ci tengo dopo 11 anni in cui ho messo l’anima’

«Sono molto contento e per certi versi anche sollevato». Sono le prime parole di Angelo Renzetti una volta appresa la notizia dell’accordo trovato tra il socio di minoranza dell’Fc Lugano Leonid Novoselskiy e il gruppo americano intenzionato a rilevare la società, che di fatto sblocca la cessione della stessa, ora molto, molto più vicina, seppur non ancora certa.

«In sintesi, io avevo già dato la disponibilità a cedere il mio sessanta per cento delle quote societarie e ora anche Leonid è disposto a lasciare il suo quaranta e di questo lo ringrazio – ci spiega colui che dei bianconeri è presidente dal 2010 e patron dal 2012 –. Adesso dovremo stabilire i dettagli e se tutti i parametri saranno a posto, la cessione si concretizzerà. Spero che riusciremo a trovare l’accordo definitivo già domani e a fornire a ufficializzare il tutto con una conferenza stampa mercoledì».

Come dire che seppur essendoci un accordo (anzi di più) di massima, di nero su bianco ancora non c’è nulla e sia Renzetti e Novoselskiy, sia gli americani potrebbero ancora cambiare idea… «Diciamo di sì, mi sono impegnato a vendere ma posso ancora dire la mia se qualcosa non mi garba. In ogni caso cambiare idea non è certamente la mia intenzione e le premesse per far sì che l’affare vada in porto ci sono tutte, anche perché molti aspetti sono già stati discussi. È normale però che anche i dettagli sono importanti per chi ci ha messo l’anima per undici anni. Non sono per forza aspetti che mi concernono direttamente, ma sui quali voglio comunque essere rassicurato».

Sulla possibilità di rimanere quale presidente, l’imprenditore locarnese ammette che «mi piacerebbe, ma non è facile e non ne abbiamo ancora parlato, aspetto di vedere le intenzioni degli acquirenti».

Novoselskiy: ‘Offerta equilibrata che permette di non buttare via quanto fatto finora’

Anche Leonid Novoselskiy, pur confermando lo sblocco della trattativa, preferisce non sbilanciarsi più di tanto… «In questi ultimi giorni abbiamo lavorato intensamente e abbiamo avuto diverse discussioni costruttive con il signor Heitz – afferma il presidente (dal 2017) del settore giovanile luganese riferendosi a Georg Heitz, braccio destro di Mansueto nonché attuale direttore sportivo dei Chicago Fire ed ex ds del Basilea, incontrato sabato a Lugano dall’imprenditore russo, ndr) –. Abbiamo trovato un accordo dal mio punto di vista soddisfacente e più equilibrato di quello che mi era stato proposto in un primo momento, che ho accettato in quanto permette di non buttare tutto il lavoro fatto negli scorsi anni. La questione però non è ancora conclusa, in quanto bisogna definire tutti gli aspetti legali e i dettagli, per cui c’è ancora tanto lavoro da fare e non voglio esprimermi a livello di tempistiche».

Se per Renzetti il focus dell’accordo con gli investitori americani ruota attorno alla prima squadra e alla società in generale, per colui che negli ultimi quattro anni ha investito svariati milioni per rivoluzionare il settore giovanile bianconero tutto (o quasi) ruota attorno alle giovani leve del club. Settore che la nuova proprietà potrebbe anche aver deciso, per sbloccare la trattativa, di lasciare perlomeno inizialmente nelle mani di Novoselskiy… «Tutti sanno quello che è importante per me ed effettivamente questo accordo è molto soddisfacente per il futuro della società. Abbiamo trovato delle buone basi condivise sulle quali poter proseguire, ma non voglio scendere nei dettagli prima di aver messo tutto nero su bianco».

Leggi anche:

Fc Lugano, Angelo Renzetti liquida Thyago

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano joe mansueto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved