angelo-renzetti-auspico-che-prevalga-il-buon-senso
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
8 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
9 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
11 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
11 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
12 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
12 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
12 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
12 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
12 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
13 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
14 ore

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
14 ore

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
TENNIS
15 ore

Finisce subito l’avventura francese di Viktorija Golubic

La 29enne zurighese battuta in tre set (6-2 2-6 6-1) dalla statunitense Katie Volynets, piazzata al di là della centesima posizione nella classifica Wta
CALCIO
15 ore

Breitenreiter lascia lo Zurigo per l’Hoffenheim

Dopo aver vinto il titolo della Super League, il tedesco fa ritorno in Bundesliga con un contratto valido per le prossime due stagioni
Hockey
16 ore

Svizzera, due punti per chiudere. Ai quarti contro gli States

Rossocrociati imbattuti e primi di gruppo dopo la fase preliminare del Mondiale, al termine di una partita contro i tedeschi decisa ai tiri di rigore
Calcio
20 ore

Che regalo di compleanno per Bottani: convocato in Nazionale

Confermando le indiscrezioni della vigilia, Murat Yakin ha selezionato il numero dieci del Lugano, che proprio oggi compie 31 anni, per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Ellen van Dijk, l’ora al femminile ha un nuovo nome

Sulla pista del velodromo solettese di Grenchen, la trentacinquenne olandese ha battuto il primato della britannica Lowden: 49,254 metri
03.08.2021 - 18:02
Aggiornamento : 19:07

Angelo Renzetti: ‘Auspico che prevalga il buon senso’

Domani un vertice per la cessione dell'Fc Lugano alla Hwh rappresentata da Heusler: ‘Confido che Novoselskiy non si metta di traverso, per il bene del club’

Si sono amati, poi sopportati, infine divisi, fino ad arrivare allo scontro, per effetto di divergenze palesi sulla gestione dell’Fc Lugano. La lotta per il controllo del Team Ticino aveva sancito la definitiva rottura tra le parti: Angelo Renzetti, azionista di maggioranza con il 60 per cento del capitale azionario su un fronte, Leonid Novoselsky con il 40, azionista di minoranza, su quello opposto. In un duello anche dialettico che non è ancora giunto al suo epilogo. Al contrario, le puntate si assommano. Basta tornare alla triste vicenda legata al passaggio di proprietà nelle mani del brasiliano Thyago De Souza - promosso dal dirigente russo responsabile del settore giovanile bianconero - per constatare quanta ruggine ci sia, quanto diverse siano le visioni relativa al futuro dell’Fc Lugano.

Renzetti, forte di undici anni al timone della società, cerca acquirenti per uscire di scena e cedere l’intero pacchetto. Lo fa con un interlocutore privilegiato, quel Bernhard Heusler che rappresenta la società di consulenza Hwh, interessata a rilevare l’intero pacchetto azionario del club, come del resto auspicato dall’attuale numero uno bianconero, ansioso di disimpegnarsi in modo definitivo dalla creatura che in questi anni ha saputo plasmare, con risultati eccellenti. Sul fronte opposto, come detto, c’è Novoselskiy, che detiene il 40% delle quote e che è determinato a mantenerle, per avviare con eventuali nuovi investitori una trattativa che gli consenta di restare alla guida del settore giovanile e portare avanti la filosofia e il concetto di formazione a lui cari che a suo tempo non è riuscito a fare adottare al Team Ticino, al termine di un duro scontro deciso, a favore dello stato quo (o quasi) del partenariato Asf grazie all’intervento risoluto e risolutore proprio di Renzetti. Uno sgarbo evidentemente mal digerito da Leonid, il quale non ha mai mollato del tutto la presa. Ora, per effetto di un contratto parasociale sottoscritto con il presidente, Novoselskiy può esercitare un diritto di prelazione entro 30 giorni dalla presentazione di una formale offerta da parte di terzi.

Questa offerta, come anticipato dal Cdt e confermato dallo stesso Renzetti, è sul tavolo, e verrà discussa oggi in un incontro tra le parti che si preannuncia molto teso.

‘Con De Souza sappiamo come è andata a finire’

«Da undici anni - ricorda con decisione Angelo Renzetti - sono io a guidare il Lugano e a pagare gli stipendi a fine mese, non Novoselskiy. In merito alla cessione della società alla quale sto lavorando ormai da molto tempo, gli ho dato fiducia e carta bianca affinché concludesse con De Souza, e sappiamo come è andata a finire. Faccio un passo indietro per chiarire meglio i parametri della questione: l’offerta di Heusler che discuteremo oggi era arrivata già prima di quella dei brasiliani, ed è fatta da investitori di un certo peso. Ho però dato la precedenza a quella di De Souza, perché accontentava Leonid che si sarebbe tenuto il 40 per cento. Avevo quindi deciso di accettarla, perché faceva l’interesse di tutte le parti. Poi la cosa è naufragata malamente, come sappiamo (in sintesi, i soldi della garanzia bancaria necessaria per la licenza di Lega nazionale non si sono mai visti, ndr). Al momento in cui ho ripreso in mano la soluzione, ho aperto un altro fronte avviando una trattativa parallela con una nuova offerta. Inoltre, ho ricontattato Heusler per capire se la loro proposta fosse ancora valida. La risposta è stata affermativa: offerta valida da subito, per l’acquisizione del 100 per cento del pacchetto, senza aspettare i 30 giorni di prelazione del patto parasociale sui quali può fare leva Novoselskiy. Sono ambiziosi, vorrebbero fare mercato ancora in questo mese. Si è così aperto lo scontro con Leonid, il quale mi aveva anche invitato a tenere la porta aperta per De Souza, che tra l’altro la Swiss Football League non voleva come interlocutore, dopo aver svolto delle indagini sul suo conto. Con il brasiliano, Novoselskiy era convinto di poter portare avanti il suo progetto con il Team Ticino che però non ha sbocchi, visto che il Team Ticino opera con modalità diverse. Nemmeno qualora diventasse lui l’azionista di riferimento. Ammetto di averlo provocato dicendo se mette il bastone tra la ruote a una trattativa così, che prevede l’ingresso di un investitore economicamente forte che può costruire un grande Lugano, arreca un danno al club».

‘Un’alternativa c’è, un fondo già attivo nel calcio’

Dietro all’intera operazione ci sarebbe Joe Mansueto, come indicato dal Cdt: patrimonio stimato in 5,8 miliardi di dollari, attuale proprietario dei Chicago Fire, compagine che milita nella Major League Soccer, imprenditore e filantropo americano attivo nel mondo della finanza (ricerca e analisi sui fondi comuni d’investimento), degli immobili e dell’editoria e dell’editoria. La squadra di Chicago è allenata dall’ex tecnico del Basilea Rapahël Wicky, il direttore sportivo è Georg Heitz, ai vertici del club renano tra il 2009 e il 2017, sotto la presidenza Heusler. Col quale, poi, ha fondato la Hwh che da mesi cerca di acquisire l’Fc Lugano con la benedizione di Renzetti. «Nomi io non ne faccio, è giusto che siano loro a farsi avanti. Oggi c’è l’incontro, vediamo se prevale il buon senso di Novoselskiy oppure no. Auspico che rinunci alla prelazione prevista dal patto parasociale. È due anni che ce l’ha. Prima doveva arrivare un amico suo russo che ho conosciuto anch’io, poi un arabo, poi i cinesi. Ma non è mai arrivato nessuno».

Non dovesse andare a buon fine questa trattativa, Angelo Renzetti un’alternativa ce l’ha, «un fondo importante già attivo nel mondo del calcio». Margine perché si chiuda oggi?« O Leo si redime, o gli investitori dovranno fare appello a una maggiore flessibilità».

Leggi anche:

Fc Lugano, Angelo Renzetti liquida Thyago

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angelo renzetti bernhard heusler fc lugano leonid novoselskiy

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved