quella-volta-che-le-speranze-granata-alzarono-la-coppa
servizio Ti-Press/D. Agosta
+4
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
27 min

Mujinga supersonica: titolo europeo in 22’’32

La bernese si mette al collo la medaglia d’oro nei 200 agli Europei di Monaco di Baviera. È il terzo podio stagionale per la trentenne dell’St Berna
BEACH VOLLEY
1 ora

Nina e Tanja torneranno in campo per giocarsi l’oro

La svittese e la zugana sono in finale nel torneo fermminile, dove affronteranno le lettoni Kravcenoka e Graudina che non hanno ancora perso un set
gallery
calcio
2 ore

Il Gambarogno ‘è abbastanza maturo per tentare il colpaccio’

Il Mister Gabriele Censi è convinto della possibilità della sua squadra di eliminare il Kriens dalla Coppa: ‘per loro non sarà una passeggiata’
TUFFI
3 ore

Roma, dai tre metri Michelle Heimberg si colora d’argento

Altra medaglia dagli Europei al Foro Italico, dove la ventiduenne argoviese è stata battuta soltanto dall’italiana Chiara Pellacani
mountain bike
4 ore

Vince Pidcock, Colombo è di nuovo terzo

Il britannico precede il danese Fini Carstensen e il ticinese, sul podio come l’anno scorso a Novi Sad, autore di una gara sempre nelle prime posizioni
CICLISMO
4 ore

Grenchen incorona Bigham nuovo re dell’ora: 55,548 km

Il britannico della Ineos, team per il quale lavora anche come ingegnere, sul velodromo solettese supera nettamente il primato del belga Campenaerts
hockey
7 ore

Il Lugano è a Straubing, ‘un viaggio per conoscerci meglio’

I bianconeri affrontano i Tigers, mentre Oliwer Kaski vuole continuare a migliorarsi: ‘Devo riuscire a centrare gli angolini’
atletica
10 ore

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
11 ore

Débâcle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
12 ore

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
13 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
17 ore

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
1 gior

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
Calcio
laR
 
26.05.2021 - 05:30
Aggiornamento: 19:41

Quella volta che le ‘Speranze’ granata alzarono la Coppa

Il ricordo di Riccardo Di Benedetto, capitano dei giovani granata che nel 1995 furono l'ultima squadra ticinese giovanile a vincere il trofeo

In attesa di conoscere l'esito del duello odierno di Bienne tra il Team Ticino Under 18 e il Servette che mette in palio la Coppa Svizzera di categoria, gli scaramantici sono autorizzati ad agire di conseguenza. I romantici di un calcio che non c’è più possono invece sorridere, rievocando un felice precedente, l’ultima volta che una squadra giovanile ticinese vinse una finale di Coppa Svizzera, due anni dopo il 3-1 con cui il Lugano di Romeo Pelosi (autore di una fantastica tripletta) ed Edo Carrasco liquidò il blasonato Grasshopper di Massimo “Mussi” Lombardo, pure lui un vecchio cuore granata.

Di Benedetto, da capitano in capitano

Quel Bellinzona “Speranze” edizione 1994/95 che conquistò la Coppa battendo 1-0 il Sion, era allenato da Flavio Tagli, il quale da calciatore granata perse una finale, nel 1969, contro il San Gallo (0-2). Oltre a rievocare un felice precedente, quell’Acb vanta anche un paio di interessanti agganci con l’Under 18 di Andrea Lanza che stasera a Bienne cercherà di mettere le mani sul trofeo 26 anni dopo l’ultima volta. Il primo è Riccardo Di Benedetto, oggi preparatore dei portieri del Team Ticino, in passato validissimo estremo difensore di Lega nazionale A e B, che di quelle “Speranze” granata fu addirittura il capitano, ossia colui che ebbe l’onore di ricevere la Coppa e di alzarla al cielo per primo, davanti ai compagni di squadra festanti. Il destino regala a “Dibe” un motivo d’orgoglio non da poco: il figlio Nicolò, già nel giro della Nazionale U18, è a sua volta il capitano della squadra di Lanza, per un singolare scherzo del destino che potrebbe chiudere un cerchio, nelle rispettive carriere di padre e figlio. Ma già così, che bella storia…

Acb sostenuto... dal Grasshopper

Erano gli anni del campionato “Speranze”, una sorta di “seconde squadre” più o meno paragonabili alle attuali U21 nelle quali c’erano i giovani più promettenti in odor di prima squadra e potevano trovare posto cinque fuori quota. «Giocammo quella partita al Wankdorf di Berna - ricorda proprio Riccardo Di Benedetto - in anteprima alla finale principale tra il Sion e il Grasshopper. I nostri avversari potevano beneficiare del tifo dei tantissimi vallesani accorsi per sostenere la prima squadra del Sion (dei vari ex rossocrociati Lehmann, Wicky, Herr, Quentin e Bonvin, ndr). Noi, dalla nostra, oltre alla quarantina di bellinzonesi che avevano fatto la trasferta per sostenerci, avevamo la curva del Grasshopper, che ci ha incitato per tutta la partita, sotto la quale siamo andati a festeggiare con la Coppa alla fine della partita. La finale la griffò Ruggero, all’87’, in campo da 3’. Raccolse un invito dalla sinistra di Manuel Rivera (altra bandiera granata, ndr), controllò e fece centro, sotto la traversa. In quel gruppo c’erano il citato Rivera, Mauro Lustrinelli (che subentrò al 68’, ndr), ancora molto giovane, Pinchetti, Salmina, Sümer, De Lorenzi, ragazzi che hanno fatto delle apparizioni in prima squadra».

Acb retrocesso a tavolino in Prima Lega

Il ritorno a casa con la Coppa fu trionfale, anche se la situazione dell’allora prima squadra non era delle migliori. La compagine allora diretta dal belga Henry Dépireux - ricorda “Dibe” - rischiava di retrocedere non per effetto della classifica, bensì per difficoltà di ordine economiche che mettevano in pericolo la concessione della licenza di Lega nazionale. A lungo sperammo che disporre di un settore giovanile organizzato e vincente potesse contribuire a sistemare le cose, ma non andò così: in quell’estate l’Acb venne retrocesso a tavolino in Prima Lega. Nel primo anno si tentò immediatamente la risalita con più o meno gli stessi effettivi della stagione precedente (tra questi anche Vladimir Petkovic, ndr). Perdemmo però le finali di promozione. L’anno successivo, tanti dei ragazzi che vinsero quella Coppa si ritrovarono in prima squadra, in Prima Lega».

Torniamo al presente, alla U18 di Lanza che contende la finale al Servette. «La finale è già di per sé un grande risultato. Ma a questo punto siamo pronti per cercare di vincerla. Lo Young Boys battuto in semifinale è la capolista del campionato ed era il rivale più tosto che potessimo affrontare. Lo abbiamo sconfitto con merito. Adesso c’è il Servette, altra ottima squadra, con molti giocatori che già giocano anche nella U21, alcuni dei quali con all’attivo anche qualche apparizione in prima squadra».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ac bellinzona acb coppa svizzera granata grasshopper
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved