Yverdon-sport Fc
1
Sciaffusa
0
1. tempo
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Winterthur
0
1. tempo
(0-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
0
CACIC N./DJOKOVIC N.
0
fine
MEKTIC N./PAVIC M.
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
20:55
 
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
Zurigo
2
Bienne
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Friborgo
2
Berna
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Ginevra
1
Lakers
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Losanna
2
Davos
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
Olten
2
Langenthal
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Sierre
0
Visp
2
1. tempo
(0-2)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
Winterthur
0
Zugo Academy
0
1. tempo
(0-0)
Yverdon-sport Fc
1
Sciaffusa
0
1. tempo
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Winterthur
0
1. tempo
(0-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
0
CACIC N./DJOKOVIC N.
0
fine
MEKTIC N./PAVIC M.
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
20:55
 
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
Zurigo
2
Bienne
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Friborgo
2
Berna
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Ginevra
1
Lakers
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Losanna
2
Davos
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
Olten
2
Langenthal
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Sierre
0
Visp
2
1. tempo
(0-2)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
Winterthur
0
Zugo Academy
0
1. tempo
(0-0)
quella-volta-che-le-speranze-granata-alzarono-la-coppa
servizio Ti-Press/D. Agosta
+4
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
55 min

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
2 ore

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
3 ore

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
4 ore

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
4 ore

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
4 ore

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
6 ore

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
6 ore

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
7 ore

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Freestyle
15 ore

I moschiettieri rossoblù delle gobbe

Marco Tadé e Nicole Gasparini, ma anche i giovani Martino Conedera ed Enea Buzzi: saranno ben quattro i ticinesi al via domani a Ruka in Coppa del mondo!
Sci
23 ore

In Colorado il padrone di casa è sempre Marco Odermatt

Il ventiquattrenne nidvaldese domina il primo superG della stagione, sulle nevi su cui aveva già trionfato due anni fa. Sul podio con lui Mayer e Thompson
Judo
1 gior

Ticinesi con onore agli assoluti di Bienne

A impreziosire il bilancio rossoblù sono state le medaglie di Loris Perosa, Christian Edouard e Martin Motta
Sci
1 gior

Prima il vento, ora il caldo. Mentre Lara incrocia le dita

Di nuovo niente allenamenti in vista del debutto della stagione femminile della velocità, domani in Canada. Dove la ticinese farà i conti con la ‘grippe’
Calcio
 
26.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 19:41

Quella volta che le ‘Speranze’ granata alzarono la Coppa

Il ricordo di Riccardo Di Benedetto, capitano dei giovani granata che nel 1995 furono l'ultima squadra ticinese giovanile a vincere il trofeo

In attesa di conoscere l'esito del duello odierno di Bienne tra il Team Ticino Under 18 e il Servette che mette in palio la Coppa Svizzera di categoria, gli scaramantici sono autorizzati ad agire di conseguenza. I romantici di un calcio che non c’è più possono invece sorridere, rievocando un felice precedente, l’ultima volta che una squadra giovanile ticinese vinse una finale di Coppa Svizzera, due anni dopo il 3-1 con cui il Lugano di Romeo Pelosi (autore di una fantastica tripletta) ed Edo Carrasco liquidò il blasonato Grasshopper di Massimo “Mussi” Lombardo, pure lui un vecchio cuore granata.

Di Benedetto, da capitano in capitano

Quel Bellinzona “Speranze” edizione 1994/95 che conquistò la Coppa battendo 1-0 il Sion, era allenato da Flavio Tagli, il quale da calciatore granata perse una finale, nel 1969, contro il San Gallo (0-2). Oltre a rievocare un felice precedente, quell’Acb vanta anche un paio di interessanti agganci con l’Under 18 di Andrea Lanza che stasera a Bienne cercherà di mettere le mani sul trofeo 26 anni dopo l’ultima volta. Il primo è Riccardo Di Benedetto, oggi preparatore dei portieri del Team Ticino, in passato validissimo estremo difensore di Lega nazionale A e B, che di quelle “Speranze” granata fu addirittura il capitano, ossia colui che ebbe l’onore di ricevere la Coppa e di alzarla al cielo per primo, davanti ai compagni di squadra festanti. Il destino regala a “Dibe” un motivo d’orgoglio non da poco: il figlio Nicolò, già nel giro della Nazionale U18, è a sua volta il capitano della squadra di Lanza, per un singolare scherzo del destino che potrebbe chiudere un cerchio, nelle rispettive carriere di padre e figlio. Ma già così, che bella storia…

Acb sostenuto... dal Grasshopper

Erano gli anni del campionato “Speranze”, una sorta di “seconde squadre” più o meno paragonabili alle attuali U21 nelle quali c’erano i giovani più promettenti in odor di prima squadra e potevano trovare posto cinque fuori quota. «Giocammo quella partita al Wankdorf di Berna - ricorda proprio Riccardo Di Benedetto - in anteprima alla finale principale tra il Sion e il Grasshopper. I nostri avversari potevano beneficiare del tifo dei tantissimi vallesani accorsi per sostenere la prima squadra del Sion (dei vari ex rossocrociati Lehmann, Wicky, Herr, Quentin e Bonvin, ndr). Noi, dalla nostra, oltre alla quarantina di bellinzonesi che avevano fatto la trasferta per sostenerci, avevamo la curva del Grasshopper, che ci ha incitato per tutta la partita, sotto la quale siamo andati a festeggiare con la Coppa alla fine della partita. La finale la griffò Ruggero, all’87’, in campo da 3’. Raccolse un invito dalla sinistra di Manuel Rivera (altra bandiera granata, ndr), controllò e fece centro, sotto la traversa. In quel gruppo c’erano il citato Rivera, Mauro Lustrinelli (che subentrò al 68’, ndr), ancora molto giovane, Pinchetti, Salmina, Sümer, De Lorenzi, ragazzi che hanno fatto delle apparizioni in prima squadra».

Acb retrocesso a tavolino in Prima Lega

Il ritorno a casa con la Coppa fu trionfale, anche se la situazione dell’allora prima squadra non era delle migliori. La compagine allora diretta dal belga Henry Dépireux - ricorda “Dibe” - rischiava di retrocedere non per effetto della classifica, bensì per difficoltà di ordine economiche che mettevano in pericolo la concessione della licenza di Lega nazionale. A lungo sperammo che disporre di un settore giovanile organizzato e vincente potesse contribuire a sistemare le cose, ma non andò così: in quell’estate l’Acb venne retrocesso a tavolino in Prima Lega. Nel primo anno si tentò immediatamente la risalita con più o meno gli stessi effettivi della stagione precedente (tra questi anche Vladimir Petkovic, ndr). Perdemmo però le finali di promozione. L’anno successivo, tanti dei ragazzi che vinsero quella Coppa si ritrovarono in prima squadra, in Prima Lega».

Torniamo al presente, alla U18 di Lanza che contende la finale al Servette. «La finale è già di per sé un grande risultato. Ma a questo punto siamo pronti per cercare di vincerla. Lo Young Boys battuto in semifinale è la capolista del campionato ed era il rivale più tosto che potessimo affrontare. Lo abbiamo sconfitto con merito. Adesso c’è il Servette, altra ottima squadra, con molti giocatori che già giocano anche nella U21, alcuni dei quali con all’attivo anche qualche apparizione in prima squadra».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved