WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
CAL Flames
01:00
 
TOR Leafs
ANA Ducks
01:00
 
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
CAL Flames
01:00
 
TOR Leafs
ANA Ducks
01:00
 
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
bignotti-tanta-amarezza-eravamo-meglio-dello-xamax
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
3 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
4 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
5 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
7 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
7 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
7 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
8 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
8 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
8 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
8 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
9 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
10 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
12 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
CALCIO
21.05.2021 - 19:410
Aggiornamento : 20:08

Bignotti: ‘Tanta amarezza, eravamo meglio dello Xamax’

L'amministratore delegato del Chiasso parla all'indomani della retrocessione in Promotion League: ‘Le critiche di una certa tifoseria sono inqualificabili’

a cura de laRegione

A nemmeno 24 ore dalla retrocessione del Chiasso in Promotion League dopo 11 anni di professionismo, l'a.d. Nicola Bignotti è rammaricato. «Il sentimento che prevale è ovviamente quello, anche per come è maturata la relegazione, per due punti nella differenza reti. Abbiamo dimostrato ancora una volta di essere più forti di uno Xamax che ha un budget doppio rispetto al nostro». Il direttore generale è un fiume in piena: dopo partita, tifosi, budget, futuro. 

Torniamo sul dopo partita, siete stati criticati per il silenzio stampa.

«Chiariamo: ho letto che avrei imposto il silenzio stampa. Il mister era troppo rammaricato e deluso per la retrocessione e per come è arrivata, io anche e non ce la siamo sentita di parlare. Poi sono certo che se l’avessimo fatto ci sarebbe stato detto che abbiamo parlato dopo una sconfitta e che avremmo fatto meglio a tacere. Sappiamo come certi soggetti utilizzano pseudoblog per fare anti comunicazione».

Con la curva c’è stato qualche problema durante la stagione, vero?

«Posso dire che è facile uscire da Kriens in 7-8 o aspettare il mister al bus. Se questo è essere tifosi, è meglio non esserlo. Anche la tribuna ha criticato, ma lo ha fatto in modo educato. Altri (e fa anche nomi, ndr), no. L’educazione a casa mia me l’hanno insegnata, forse a loro no, non li biasimo perché non tutti veniamo dallo stesso contesto sociale. A chi fa cori dietro una ramina o insulta un uomo di 60 anni, dico che è facile fare i leoni in venti contro uno e abbassare lo sguardo quando ti incontrano. Ci sono stati tifosi che ci hanno scritto o chiamato in sede portando critiche e osservazioni e qualche volta abbiamo preso spunto dai loro suggerimenti. Certo, criticare gli altri è una cosa, invece per avere delle idee da portare bisogna possedere delle doti».

Se la sentirebbe di restare con un ambiente dove il rapporto è a questo punto?

«A me quel che interessa è che la proprietà ci sia e abbia degli obiettivi, poi gli uomini vanno e vengono. Per contro, per alcune persone che criticano con maleducazione ce ne sono 200 rammaricate».

Cosa vuol dire loro?

«Siamo dispiaciuti di averli delusi. È un grande rammarico che abbiamo, perché sappiamo quanto tengono al Chiasso e hanno sempre espresso osservazioni in modo passionale e in buona fede».

Se si può parlare di colpe, cosa rimprovera a sé stesso, a Raineri, alla squadra?

«A loro nulla, hanno dato tutto. Ho visto il mister oggi, era rammaricato ma carico, fosse per lui tornerebbe già in campo. Col senno di poi, i risultati delle prime sette giornate ci hanno massacrato. Una seconda parte dove abbiamo fatto bene non è bastata a recuperare la partenza a handicap. Certo, avessimo avuto questa squadra già a partire dall’inizio non ce la saremmo dovuta giocare sino all’ultimo. E anche nei primi mesi avremmo potuto fare qualche punto in più per attenzione dei singoli o per fame. Squadre come Grasshopper, Aarau o lo stesso Xamax possono prendere i giocatori al primo giorno di mercato, noi all’ultimo aspettando certi incastri. Poi ci siamo portati a casa calciatori esperti come Maccoppi, Affolter, Pavlovic».

Tutto si riduce a questioni di budget, dunque? Non è frustrante a quel punto pensare che difficilmente il Chiasso potrebbe fare altro?

«No, perché abbiamo visto che ce la siamo giocata con tutti. Questo significa che il livello era basso, oppure noi non eravamo così scarsi? Certo, e il discorso varrà anche per la Promotion League, non è detto che se spendi vinci ma come dice Galliani, non si è mai visto qualcuno vincere senza spendere. Non solo nel calcio: una McLaren in F1 se vanno male alcuni fattori arriva seconda, non ultima».

A proposito di Promotion League, Nicola Bignotti ci sarà? C’erano voci che parlavano di un addio…

«Adesso facciamo riposare la mente e poi fra una decina di giorni ci siederemo a tavolino con la società. Mi sarebbe piaciuto lasciare con la quinta salvezza, mi dispiacerebbe farlo con una retrocessione. Avrei voglia di andare via col Chiasso in Challenge League».

C’è qualcuno tra i calciatori che l’ha sorpresa in positivo oppure che l’ha delusa?

«In positivo direi quelli che non conoscevo di persona. Mi aspettavo un certo campionato da giocatori come Maccoppi, Affolter o Pavlovic. Le vere sorprese sono stati Silva e Safarikas, che per me è stato non solo il miglior portiere da anni a Chiasso ma anche dell’intera Challenge League. Non scordiamoci che ha solo 21 anni. In negativo nessuno, sono stati tutti encomiabili».

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved