morte-di-maradona-per-la-procura-fu-omicidio-volontario
Era morto il 25 novembre (Keystone)
20.05.2021 - 10:22
Aggiornamento: 17:43

Morte di Maradona: per la procura fu omicidio volontario

Cambiano i capi d'imputazione per le sette persone indagate. Il Pibe de oro ‘è stato abbandonato al suo destino’

Le sette persone accusate della morte di Diego Armando Maradona in novembre, precedentemente accusate di omicidio colposo, sono ora perseguite per omicidio volontario. Rischiano tra gli otto e i 25 anni di prigione. Con questo cambiamento nelle accuse, la procura sta considerando che la morte di Maradona non sia stata il risultato di negligenza o imperizia da parte dell'equipe medica del Pibe de oro, ma che i medici e gli infermieri non abbiano fatto nulla per prevenire la sua morte quando è avvenuta.

«Dopo tante ingiustizie, abbiamo chiuso il cerchio; la cosa più importante è che l'accusa è stata cambiata in omicidio premeditato», sottolinea un membro dell'ufficio del procuratore di San Isidro incaricato delle indagini. L'inasprimento delle accuse è legato alla pubblicazione all'inizio di maggio di una perizia, che ha concluso che Maradona è stato «abbandonato al suo destino» dal suo team medico, il cui trattamento «inadeguato, carente e imprudente» ha portato a una lenta agonia.

«I venti esperti, tra cui i medici legali che hanno eseguito l'autopsia e specialisti di varie discipline mediche, hanno detto che i segni di pericolo di vita sono stati ignorati e che l'assistenza infermieristica fornita era 'imperfetta e irregolare'». Maradona, che soffriva di problemi ai reni, al fegato e al cuore, è morto per un attacco di cuore il 25 novembre, poche settimane dopo aver subìto un intervento chirurgico al cervello per un coagulo di sangue. Sette persone erano state incriminate dal pubblico ministero di San Isidro: il neurochirurgo Leopoldo Luque, il principale imputato, la psichiatra Agustina Cosachov, uno psicologo, due infermieri (un uomo e una donna) che erano al capezzale di Diego Maradona, così come il supervisore di questi infermieri e un medico che coordinava il ricovero a domicilio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio diego armando maradona
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved