a-chiasso-e-venerdi-di-festa-xamax-a-un-punto
Sebastian Malinowski festeggia così dopo il gol del 2-1 (Ti-Press/Crinari)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
calcio
55 min

‘Abbiamo il destino in mano e vogliamo salvarci senza aiuti’

Il Team Ticino U21 di Moresi e dell’assistente Rota all’ultima, decisiva, fatica. Il vice: ‘Stagione che forgia il carattere dei giovani’
Calcio
4 ore

La vendetta di Salah contro il potere Real

Quattro anni dopo Kiev, il Liverpool del gioco spettacolare affronta il Madrid, la squadra dell’ordine costituito che vince prima di entrare in campo
atletica
12 ore

Grande record per Oberti, limite anche per Maëva Tahou

Il talento del Gab firma il nuovo record cantonale U20 sui 110 ostacoli. La sua compagna di club centra il limite per i Mondiali U20 sui 100 ostacoli
formula 1
13 ore

Montecarlo, il sogno di Charles Leclerc

Il ferrarista, padrone di casa, è stato il più veloce nelle prove libere. Ci sono però le incognite della meteo e della tenuta del motore
Tennis
14 ore

Jil Teichmann fa fuori Azarenka e vola agli ottavi a Parigi

La 24enne di Bienne ha vinto al tie-break del terzo set la battaglia contro l’ex numero uno al mondo e ora se la vedrà con l’americana Stephens
Ciclismo
16 ore

Lo zurighese Schmid battuto solo da Bouwman a Castelmonte

L’olandese fa sua la 19esima tappa del Giro d’Italia precedendo il corridore elvetico e altri compagni di fuga. Tutto immutato nella generale
hockey
16 ore

L’Ambrì pesca il giovane Marchand dai Gck Lions

L’attaccante 20enne ha sottoscritto con i biancoblù un contratto valido per le due prossime stagioni
Hockey
17 ore

L’Hc Lugano tra la gente studiando i prossimi colpi di mercato

Il club bianconero presente a Lugano Marittima. Domenichelli: ‘Sì, l’idea è avere a disposizione un portiere straniero, ma bisogna avere pazienza’
23.04.2021 - 22:38

A Chiasso è venerdì di festa: Xamax a un punto

I rossoblù mettono sotto lo Stade Losanna e tornano sul treno salvezza. Raineri: 'Ma la classifica bisogna guardarla a maggio, lo ripeto sempre'

di Emiliano Rossi

A meno uno dallo Xamax, sconfitto nettamente dallo Sciaffusa, e dal Kriens che gioca domani. La serata del Chiasso è sicuramente una boccata di ossigeno. La squadra di Raineri si prende tre punti fondamentali contro lo Stade Lausanne, risale di forza sul treno della salvezza recuperando lo svantaggio subito anche con un uomo in più, ribaltando il risultato ancora nel corso del primo tempo e festeggiando una vittoria liberatoria, che dà morale e accorcia la classifica.

Dopo il pareggio incassato all’ultimo secondo col Grasshopper, a seguito di una prestazione comunque ottima, moralmente poteva non essere semplice scendere in campo stasera. Ma che nessuno in casa Chiasso si desse per spacciato è realtà e non retorica.

Certo che il gol di Ajidini, qualche minuto dopo l’espulsione diretta di Albizua (un episodio, dopo nemmeno 20’, capace di cambiare sicuramente le sorti di una sfida, con più di 70’ da giocare con l’uomo in più), è sembrato l’ennesima beffa. Il giocatore dello Stade Lausanne ha sfruttato una indecisione di Safarikas. «Non ci siamo persi, abbiamo continuare a lavorare», commenta Baldo Raineri. E infatti i suoi hanno trovato il pari con un pregevole colpo di tacco di Marzouk, defilato, su corner di Pavlovic, dopo che lo stesso numero 10 aveva già colpito un palo. Dei due giocatori parla Raineri: «Younes quando sta bene è importante per noi. Aveva problemi fisici, dopo 10 mesi di infortunio ai legamenti e si era anche un po’ smarrito, ora si è ripreso. Pavlovic è un giocatore vero, non lo dice solo la carriera ma anche le sue prestazioni, è una vergogna che non giochi a livelli più alti».

Prima della pausa, i rossoblù hanno trovato anche il 2-1 con Malinowksi, bravo a capitalizzare con un bel gol lo spazio lasciatogli dalla difesa avversaria. Ribaltone e partita incanalata come il Chiasso voleva. Nella ripresa, le occasioni sono state ancora tutte dei padroni di casa, con Bahloul Sifneos, Strechie, Pasquarelli, Hadzi, anche se nel finale lo Stade Lausanne ha provato a spingere. «Sicuramente in testa ci sono tornati i fantasmi del Grasshopper», ammette il tecnico. «Ora con la vittoria abbiamo accorciato la classifica, anche se per me bisogna guardarla a maggio, lo ripeto sempre, e mettiamo pressione anche ad altri. La mia squadra ha dei concetti, c’è voluto tempo per farli diventare automatismi. Non parlerei di un’andata sprecata, avevo messo in conto che poteva essere così. Mi auguravo solo che non ci distanziassimo troppo e siamo rimasti aggrappati». Oggi la salvezza non pare un miraggio,  ma venerdì si gioca col Thun. «Non mi fanno paura quegli avversari bensì le squadre di mezzo, che non hanno più niente da chiedere», la lancia così Raineri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
challenge league fc chiasso

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved