CALCIO
21.04.2021 - 15:24
Aggiornamento: 17:14

Le squadre italiane si ritirano dalla Super Lega, non dall'idea

Juventus, Milan e Inter hanno fatto sapere di non ritenere attuabile il progetto presentato domenica, ma di continuare a lavorare per il cambiamento

le-squadre-italiane-si-ritirano-dalla-super-lega-non-dall-idea

Dopo i sei club inglesi, anche i tre italiani coinvolti nella Super Lega hanno abbandonato il progetto, malgrado Juventus, Milan e Inter continuino a sostenere la necessità di un cambiamento nel calcio mondiale.

La Juventus, guidata da Andrea Agnelli, uno dei principali istigatori del progetto insieme al boss del Real Madrid Florentino Perez, ha ammesso che la competizione è ora “improbabile” che veda la luce del giorno “nella forma in cui è stato originariamente concepito” dopo che quasi tutti i 12 club coinvolti si sono chiamati fuori.

Tuttavia, la Juve ha detto in un comunicato che rimane “convinta della solidità dei presupposti sportivi, commerciali e legali” del progetto. Ha aggiunto che rimane “impegnata a costruire un valore a lungo termine per il club e per il movimento calcistico nel suo complesso”.

In un'intervista pubblicata mercoledì da La Repubblica, ma rilasciata prima dell'annuncio del ritiro inglese, il presidente della Juventus aveva continuato a sostenere il progetto: “Il calcio non è più un gioco, ma un settore industriale e ha bisogno di stabilità”.

Ma questa mattina ha ammesso che la Super League non esisterebbe più senza i club inglesi, mentre il titolo della Juve è sceso del 12% alla borsa di Milano.

Come la Juve, il Milan non ha annunciato formalmente il suo ritiro, ma ha riconosciuto il rifiuto unanime dei tifosi. “Le voci e le preoccupazioni dei tifosi di tutto il mondo in relazione al progetto Super League sono state forti e chiare e il nostro club deve rimanere sensibile e attento all'opinione di chi ama questo meraviglioso sport”, ha spiegato il club rossonero. Per questo motivo, il Milan, controllato dal 2018 dal fondo d'investimento americano Elliott, crede che “l'evoluzione è necessaria per progredire”. Continueremo ad essere attivamente coinvolti nella definizione di un modello sostenibile per il mondo del calcio”, ha aggiunto.

Anche l'Inter non ha rinunciato alla volontà di riformare il calcio nonostante il ritiro dal progetto: “L'Inter crede che il calcio, come ogni impresa, debba cercare di migliorare costantemente le sue competizioni, per continuare a regalare emozioni ai tifosi di tutto il mondo, in un quadro di sostenibilità finanziaria – ha scritto il club nerazzurro, che è di proprietà del gruppo cinese Suning –. Con questa visione, continueremo a lavorare con le istituzioni e tutte le parti interessate”, ha aggiunto.

Solo Barcellona e Real Madrid rimangono ufficialmente ancorate al progetto annunciato domenica sera e che mira a sostituire la Champions League. Il club catalano ha però subito affermato che a decidere saranno i soci del club.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved