le-squadre-italiane-si-ritirano-dalla-super-lega-non-dall-idea
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
52 min

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
4 ore

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
5 ore

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
10 ore

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
10 ore

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
11 ore

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
12 ore

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
14 ore

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
CALCIO
21.04.2021 - 15:240
Aggiornamento : 17:14

Le squadre italiane si ritirano dalla Super Lega, non dall'idea

Juventus, Milan e Inter hanno fatto sapere di non ritenere attuabile il progetto presentato domenica, ma di continuare a lavorare per il cambiamento

Dopo i sei club inglesi, anche i tre italiani coinvolti nella Super Lega hanno abbandonato il progetto, malgrado Juventus, Milan e Inter continuino a sostenere la necessità di un cambiamento nel calcio mondiale.

La Juventus, guidata da Andrea Agnelli, uno dei principali istigatori del progetto insieme al boss del Real Madrid Florentino Perez, ha ammesso che la competizione è ora “improbabile” che veda la luce del giorno “nella forma in cui è stato originariamente concepito” dopo che quasi tutti i 12 club coinvolti si sono chiamati fuori.

Tuttavia, la Juve ha detto in un comunicato che rimane “convinta della solidità dei presupposti sportivi, commerciali e legali” del progetto. Ha aggiunto che rimane “impegnata a costruire un valore a lungo termine per il club e per il movimento calcistico nel suo complesso”.

In un'intervista pubblicata mercoledì da La Repubblica, ma rilasciata prima dell'annuncio del ritiro inglese, il presidente della Juventus aveva continuato a sostenere il progetto: “Il calcio non è più un gioco, ma un settore industriale e ha bisogno di stabilità”.

Ma questa mattina ha ammesso che la Super League non esisterebbe più senza i club inglesi, mentre il titolo della Juve è sceso del 12% alla borsa di Milano.

Come la Juve, il Milan non ha annunciato formalmente il suo ritiro, ma ha riconosciuto il rifiuto unanime dei tifosi. “Le voci e le preoccupazioni dei tifosi di tutto il mondo in relazione al progetto Super League sono state forti e chiare e il nostro club deve rimanere sensibile e attento all'opinione di chi ama questo meraviglioso sport”, ha spiegato il club rossonero. Per questo motivo, il Milan, controllato dal 2018 dal fondo d'investimento americano Elliott, crede che “l'evoluzione è necessaria per progredire”. Continueremo ad essere attivamente coinvolti nella definizione di un modello sostenibile per il mondo del calcio”, ha aggiunto.

Anche l'Inter non ha rinunciato alla volontà di riformare il calcio nonostante il ritiro dal progetto: “L'Inter crede che il calcio, come ogni impresa, debba cercare di migliorare costantemente le sue competizioni, per continuare a regalare emozioni ai tifosi di tutto il mondo, in un quadro di sostenibilità finanziaria – ha scritto il club nerazzurro, che è di proprietà del gruppo cinese Suning –. Con questa visione, continueremo a lavorare con le istituzioni e tutte le parti interessate”, ha aggiunto.

Solo Barcellona e Real Madrid rimangono ufficialmente ancorate al progetto annunciato domenica sera e che mira a sostituire la Champions League. Il club catalano ha però subito affermato che a decidere saranno i soci del club.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved