CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
9 ore

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
9 ore

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
11 ore

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
13 ore

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
13 ore

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
14 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
15 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
18 ore

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
20 ore

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
21 ore

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
l'angolo delle bocce
21 ore

Agli italiani Paone-Andreani il Gp della Vendemmia 2022

Battuti a zero in finale Roberto Antonini e Paolo Brambilla
Tennis
22 ore

Astana, Hüsler fuori al primo turno

Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
1 gior

‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’

Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
1 gior

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
1 gior

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos, vincitore contro l’Ocelari, e lo Zurigo, pur se sconfitto in Svezia, raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
1 gior

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
1 gior

Insulti razzisti, Atalanta multata

12mila euro di ammenda per le ingiurie contro il presidente della Fiorentina
Calcio
1 gior

Possibile ritorno di Messi al Barça

Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
CICLISMO
1 gior

Tre Valli varesine, vince Pogacar

Successo allo sprint per lo sloveno, che sabato nel Lombardia difenderà lo scettro vinto lo scorso anno
VOLLEY
1 gior

Weekend da cinque punti per il Bellinzona

Le ticinesi hanno sconfitto nettamente Val-de-Travers e soltanto al tie-break l’Aadorf
laR
 
12.04.2021 - 19:31

Il Lugano e quella Coppa tra sogno e realtà

Alla vigilia del quarto di finale con il Lucerna Renzetti punta tutto sull'ex trofeo Sandoz, Jacobacci frena per non mettere troppa pressione sui suoi

il-lugano-e-quella-coppa-tra-sogno-e-realta

«Tutta la vita la Coppa». Non ha dubbi Angelo Renzetti e non ne avevamo nemmeno noi su quale sarebbe stata la risposta del presidente alla domanda se preferirebbe, dovendo scegliere, che il suo Lugano chiudesse secondo in Super League o che vincesse la Coppa Svizzera. In fondo, in entrambi i casi (così come se dovessero chiudere terzi in campionato) i bianconeri centrerebbero la qualificazione all’Europa Conference League (più precisamente al secondo dei quattro turni preliminari previsti per accedere alla fase a gruppi della nuova competizione dell’Uefa) e l’amore del numero uno del club luganese per l’ex trofeo Sandoz, solo sfiorato nel 2016 con la sconfitta in finale contro lo Zurigo, è cosa nota.

«La Coppa mi ha sempre affascinato in modo particolare, sono partite complicate, da dentro o fuori, grazie alle quali però in tre o quattro impegni puoi essere protagonista e alzare al cielo un trofeo», ci conferma l’imprenditore locarnese alla vigilia del quarto di finale tra il Lugano e il Lucerna dell’ex Fabio Celestini, in programma domani alle 17 a Cornaredo. Un match che come dichiarato dallo stesso Renzetti dopo il successo 1-0 di sabato in campionato sul Losanna, in caso di vittoria “cambierebbe la vita” ai ticinesi… «Mi riferivo più che altro alle prospettive per questo finale di stagione: il successo sui vodesi ci ha permesso di raggiungere quota 40 punti in campionato e anche se alla luce di come sta andando la stagione non possiamo ancora dirci del tutto tranquilli, battere pure il Lucerna rappresenterebbe un bel passo avanti verso i nostri obiettivi e darebbe anche grande slancio alla squadra per lo sprint finale. Pur senza pubblico, giocarci questo quarto di finale in casa rappresenta un bel vantaggio che dobbiamo sfruttare. Poi ci mancherebbe una sola vittoria per arrivare in finale, che a sua volta sarebbe ancora un altro discorso, se non un altro sport. Ma non dobbiamo guardare troppo avanti, sia per quel che riguarda la Coppa sia per il campionato, rischieremmo di farci male da soli, per cui cominciamo a battere il Lucerna e poi vedremo, partita dopo partita».

Certo è che la prospettiva di chiudere la ferita apertasi nel 2016 e mettere in bacheca il primo trofeo della sua gestione, per Renzetti è parecchio allettante… «E penso anche che me lo meriterei. C’è gente che vive ancora adesso su un gol segnato all’Inter o su una coppa vinta, io in dieci-undici anni di attività non ho ancora conquistato trofei, con la Coppa perlomeno qualche anno ci vivrei. Scherzi a parte, ci tengo molto e i ragazzi lo sanno».

Il tecnico: ‘Sul piano fisico di più non possiamo fare, nel gioco invece sì’

A guidare i “ragazzi”, un Maurizio Jacobacci pure lui conscio dell’importanza che la Coppa riveste per il suo presidente e a sua volta desideroso di vedere la sua squadra approdare in semifinale, ma che allo stesso tempo da buon allenatore cerca di tenere la pressione per la sfida con i lucernesi a livelli gestibili… «Vincere significherebbe passare il turno ed essere in semifinale, ma poi servirebbero ancora una vittoria per accedere all’ultimo atto e un’altra per mettere le mani sul trofeo, per cui siamo ancora lontani dall’obiettivo finale – mette in chiaro il tecnico bianconero, che dal canto suo sulla domanda rivolta anche al presidente Renzetti preferisce non sbilanciarsi –. Tra Coppa e campionato, io scelgo entrambi. Abbiamo ancora le possibilità di ottenere le due cose e dobbiamo crederci fino in fondo. Siamo terzi in classifica e cercheremo di difendere questa posizione che è molto importante, ma allo stesso tempo vogliamo andare avanti il più possibile anche in Coppa. Non dobbiamo però metterci troppa pressione addosso, perché la pressione ti frena, mentre noi dobbiamo scendere in campo sereni, convinti e determinati. Ci teniamo tutti a passare il turno ma siamo anche consci che affrontiamo un impegno difficile in una competizione che non ha niente a che vedere con il campionato, contro un avversario ostico che meriterebbe di stare molto più su in classifica (al momento in Super League il Lucerna è terz’ultimo a pari merito con il Vaduz e a +6 sul fanalino di coda Sion, ndr). Hanno il secondo miglior reparto offensivo del campionato (con 49 gol segnati secondo solo ai 53 dello Young Boys, ndr), quando attaccano lo fanno in cinque o sei con elementi molto validi. A parte Sorgic, che non so se sarà ancora infortunato, vi sono Schürpf, Schaub, Ndiaye, Tasar e altri giovani pronti a entrare dalla panchina. E anche a centrocampo hanno gente come Wehrmann e un Ugrinic che va sempre a bersaglio. Poi è chiaro che magari in fase difensiva concedono qualcosa (in campionato le 49 reti incassate rappresentano il peggior bilancio difensivo, ndr) ed è lì che dovremo essere bravi a colpirli».

La sfida contro Schürpf e compagni potrebbe decidersi anche oltre il novantesimo e a maggior ragione a fare la differenza potrebbero essere le energie rimaste nelle gambe alle due squadre, entrambe reduci da incontri dispendiosi (sabato il Lucerna è stato superato 4-3 in casa dal Basilea, ndr)... «Ieri i giocatori erano ancora stanchi per il match di sabato. Chi ha giocato contro i losannesi ha svolto un allenamento defaticante, mentre gli altri hanno lavorato in una seduta breve. Mi auguro che per domani le batterie possano essere ricaricate completamente. In ogni caso schiereremo la miglior formazione possibile, come detto ci teniamo ad arrivare in semifinale e vogliamo mettere in campo tutte le forze che possano permettercelo, come se fosse un big match di campionato. Spero che basterà, perché più di quanto fatto ad esempio contro il Losanna, sul piano fisico la squadra non può dare. Dal punto di vista del gioco invece qualcosa di meglio si può e si deve sempre fare, ma bisogna veramente apprezzare quello che la squadra ha saputo fare fino a oggi in campionato e mi auguro che questa mentalità possa essere trasferita anche alla Coppa. In fondo, a maggior ragione in questa competizione l’importante è passare il turno, poi se lo faremo anche attraverso il bel gioco ben venga, ma prima di tutto dovremo essere concreti, solidi e robusti».

Osigwe confermato tra i pali

Una solidità che il Lugano ha dimostrato di saper mantenere anche variando formazione e interpreti, con ad esempio Sebastian Osigwe che si è sempre fatto trovare pronto quando chiamato in causa (anche domani il 27enne sostituirà tra i pali l’infortunato Baumann, che dovrebbe rimanere ai box per una decina di giorni circa) e il modulo a due punte con Bottani trequartista che si è rivelato una valida alternativa a quello con un singolo attaccante… «Giocare con due attaccanti può darti maggiori soluzioni in avanti e ulteriori possibilità di passaggio per Bottani e i centrocampisti che vengono dalle retrovie. Il baricentro della squadra può restare più alto anche se bisogna mantenere il giusto equilibrio tra le due fasi. Contro il Losanna non siamo stati abbastanza bravi nel finale quando recuperavamo palla, avremmo dovuto gestirla meglio e farla girare per costringerli a difendere. Questo sarà importante con il Lucerna: verticalizzando quando è possibile e quando non lo è mantenere il possesso per far correre l’avversario. Allo stesso modo però dovremo alzare il baricentro e provare a metterli in difficoltà, perché in Coppa il pareggio non esiste, si deve cercare di vincere per forza di cose».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved