caos-euro-a-rischio-le-sedi-di-dublino-e-bilbao
CALCIO
08.04.2021 - 16:550
Aggiornamento : 17:13

Caos Euro, a rischio le sedi di Dublino e Bilbao

Al momento attuale Irlanda e Spagna non sono propense ad aprire le partite al pubblico. L'Uefa dovrebbe decidere a inizio settimana prossima

Due giorni dopo che le dodici sedi per la fase finale dell’Europe (dall'11 giugno all'11 luglio) hanno presentato all’Uefa i loro concetti per l’organizzazione delle partite in presenza di pubblico, i dettagli iniziano a trapelare. Dublino e Bilbao, ad esempio, rischiano di essere candidati zoppi. L’Uefa si aspetta che le partite del campionato europeo siano giocate davanti al pubblico. Le 21 città organizzatrici dovevano presentare i loro piani entro martedì scorso. Non tutti i concetti possono soddisfare la confederazione europea. L'associazione calcistica irlandese, per esempio, non ha voluto dare alcuna garanzia per la presenza di spettatori nello stadio di Dublino. 

Per Bilbao, l'associazione calcistica spagnola ha detto che giocare di fronte a una folla sarebbe “impensabile”. Il governo regionale basco vuole permettere l’accesso degli spettatori alle partite dell’Euro solo a certe condizioni. Tra le altre cose, almeno il 60% della popolazione dei Paesi Baschi, così come tutta la Spagna, vaccinata contro il coronavirus entro il 14 giugno. Tuttavia, secondo il programma di vaccinazione del governo centrale, questa condizione non potrebbe essere soddisfatta.

Questo rende le due sedi di Dublino e Bilbao candidate zoppe se l’Uefa continua a insistere sul concetto di disputare partite soltanto davanti a un certo numero di spettatori. Dublino e Bilbao sono gli stadi accoppiati nel gruppo E, quello che vedrà in campo Spagna, Svezia, Polonia e Slovacchia.

Per quanto concerne i concetti elaborati da Russia e Inghilterra, a San Pietroburgo le autorità intendono riempire metà dello stadio, mentre a Londra sono attesi circa 20.000 spettatori per la prima partita, un numero che sarà gradualmente aumentato in vista delle finali. L’Uefa deciderà molto probabilmente all'inizio della prossima settimana in quale forma e in quali città si svolgeranno gli Europei.

Incertezza permane anche su Roma e Baku, le due città in cui la Svizzera disputerà le sue tre partite della fase preliminare. Ci si aspetta che gli stadi siano riempiti al 25% della loro capacità. Ma nel frattempo, in Italia il governo è già intervenuto... «In questa fase, non è ancora possibile dare un via libera definitivo per le partite con spettatori», ha fatto sapere il ministero della salute. A Baku, rimangono punti interrogativi perché nella capitale azera le autorità hanno vietato il Gran Premio di Formula 1 in programma il 6 giugno, sei giorni prima del primo confronto che metterà di fronte Svizzera e Galles.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved