svizzera-1-gol-3-punti-poco-ma-e-quello-che-serviva
Ti-Press/Golay
+2
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

Vinicius segna, Courtois mura: Champions League al Real Madrid

Il goal del brasiliano e la strepitosa prestazione del portiere belga contro il Liverpool valgono ai Blancos la 14ema Coppa dalle grandi orecchie
CICLISMO
13 ore

Giro d’Italia: Jai Hindley nuova maglia rosa

L‘australiano ha sottratto la maglia di leader a Carapaz, ora attardato di 1’25’’.
Calcio
13 ore

L’Acb si prende il derby

Le reti nel primo tempo di Mozzone ed Edgar consentono agli uomini di Schällibaum di battere 2-0 il Chiasso
calcio
22 ore

‘Abbiamo il destino in mano e vogliamo salvarci senza aiuti’

Il Team Ticino U21 di Moresi e dell’assistente Rota all’ultima, decisiva, fatica. Il vice: ‘Stagione che forgia il carattere dei giovani’
Calcio
1 gior

La vendetta di Salah contro il potere Real

Quattro anni dopo Kiev, il Liverpool del gioco spettacolare affronta il Madrid, la squadra dell’ordine costituito che vince prima di entrare in campo
atletica
1 gior

Grande record per Oberti, limite anche per Maëva Tahou

Il talento del Gab firma il nuovo record cantonale U20 sui 110 ostacoli. La sua compagna di club centra il limite per i Mondiali U20 sui 100 ostacoli
formula 1
1 gior

Montecarlo, il sogno di Charles Leclerc

Il ferrarista, padrone di casa, è stato il più veloce nelle prove libere. Ci sono però le incognite della meteo e della tenuta del motore
Tennis
1 gior

Jil Teichmann fa fuori Azarenka e vola agli ottavi a Parigi

La 24enne di Bienne ha vinto al tie-break del terzo set la battaglia contro l’ex numero uno al mondo e ora se la vedrà con l’americana Stephens
Ciclismo
1 gior

Lo zurighese Schmid battuto solo da Bouwman a Castelmonte

L’olandese fa sua la 19esima tappa del Giro d’Italia precedendo il corridore elvetico e altri compagni di fuga. Tutto immutato nella generale
hockey
1 gior

L’Ambrì pesca il giovane Marchand dai Gck Lions

L’attaccante 20enne ha sottoscritto con i biancoblù un contratto valido per le due prossime stagioni
Hockey
1 gior

L’Hc Lugano tra la gente studiando i prossimi colpi di mercato

Il club bianconero presente a Lugano Marittima. Domenichelli: ‘Sì, l’idea è avere a disposizione un portiere straniero, ma bisogna avere pazienza’
Tennis
1 gior

Belinda Bencic cede a Leylah Fernandez e saluta Parigi

La sangallese si è inchinata in tre set alla talentuosa canadese nel terzo turno del Roland Garros
Calcio
1 gior

Domenica al Lido lo scontro al vertice tra Locarno e Ravecchia

Alle 16.30 il big-match del gruppo 2 di Terza Lega che potrebbe decidere il primo posto del girone e la conseguente promozione in Seconda Lega
Calcio
28.03.2021 - 23:00
Aggiornamento : 23:54

Svizzera, 1 gol, 3 punti. Poco, ma è quello che serviva

Shaqiri la sblocca al 2' ma poi i rossocrociati smettono di spingere e si accontentano di portare a casa il secondo successo della loro campagna mondiale

Vladimir Petkovic debuttò sulla panchina rossocrociata l’8 settembre 2014 a Basilea, contro l’Inghilterra (0-2) nell’ambito delle qualificazioni agli Europei di Francia. Seguirono poi la sconfitta di misura in Slovenia (0-1) e il successo - il primo della sua gestione - ai danni di San Marino (4-0). Il ct rossocrociato la prima vittoria casalinga alla guida della Svizzera la conseguì il 15 novembre 2014 proprio a San Gallo, contro la Lituania battuta allora 4-0. Un incontro al quale ebbero un ruolo da protagonista in campo Sommer, Shaqiri e Seferovic, titolari anche ieri al Kybunpark in occasione della 70esima panchina del ct rossocrociato che la ricorrenza l’ha festeggiata con uno striminzito 1-0 lanciato dal gol del citato folletto del Liverpool, a bersaglio ancor prima di capirci qualcosa in una sfida monocorde ma non brillante, sulla falsariga di quanto accaduto giovedì a Sofia contro la Bulgaria.

Oltre ad aver indirizzato la partita sui binari lungo i quali sfrecciava ieri il treno dei desideri (elvetici), il gol dell’1-0 realizzato al 2’ da Shaqiri ha avuto un altro doppio merito: ha reso onore alla memoria di Roger Vonlanthen, indimenticato nazionale rossocrociato e ct della Svizzera ricordato prima del fischio d'inizio, e contributo a cancellare la pessima figura fatta a ridosso dell’incontro con il teatrino della sostituzione della porta difesa nel primo tempo da Sommer. Risultata troppo alta (lo ha segnalato uno degli allenatori dei portieri durante la fase di riscaldamento), i responsabili del Kybunpark ne hanno “piantata” una recuperata nel magazzino dello stadio con i colori biancoverdi del San Gallo, contravvenendo al regolamento internazionale che impone il bianco vietando riferimenti cromatici relativi ai singoli club).

Ritmi bassi, tanti errori

Nata sotto auspici non esattamente promettenti, la partita di San Gallo si è allineata ai contenuti non esaltanti (e un po' avvilenti) delle fasi che ne hanno preceduto lo svolgimento. Ritmi bassi, poche occasioni, tanti errori (desolante la qualità dei calci d'angolo) con un successo che fa il pari con quello di giovedì e che lancia il duello a distanza con l'Italia, a sua volta a punteggio pieno (Bulgaria sconfitta 2-0).

Proprio come giovedì, la Svizzera ha aperto le marcature alla prima occasione. Contrariamente a quanto successo contro la Bulgaria, però, non ha saputo fare la differenza sullo slancio del prematuro vantaggio, chiudendo i primi 45’ con il minimo sindacale, tanto possesso palla, una chiara supremazia territoriale ma una sola rete di vantaggio. A un divario più rassicurante avrebbero potuto contribuire Akanji (palo), Seferovic (diagonale a lato) e Vargas (colpo di testa non esattamente da manuale), ma non se n’è fatto niente. Ci avrebbe magari potuto provare Rodriguez dal dischetto, ma l’arbitro non ha sanzionato un’irregolarità evidente ai danni di Embolo negando ai padroni di casa un rigore che è parso netto. Quattro occasioni, quindi, a fronte però di una sola realizzazione e di qualche difficoltà di troppo nel gestire le trame offensive. Segnatamente con Vargas, preferito a Zuber, un po’ ai margini del confronto, Shaqiri, a bersaglio ma piuttosto impreciso, e Seferovic, ben poco chiamato in causa.

Zuber ci prova

Che la prima occasione di raddoppio sia arrivata solo al 72' con un piattone prevedibile di Zakaria la dice lunga sulle difficoltà avute da Xhaka e compagni in una ripresa affrontata un po' al rallentatore. Petkovic ha inserito forze fresche (il citato Zakaria, Fernandes e Mario Gavranovic prima, Mehmedi e Zuber poi) per imprimere un'accelerazione a un duello dai ritmi troppo bassi. Ne è conseguita la lettura del gioco non troppo complicata per i pur modesti lituani, arroccati a difesa di un risultato che con un episodio estemporaneo o casuale avrebbe anche potuto essere rimesso in discussione. Il montante colto da Zuber a 6' dal termine di una ripresa soporifera è catalogabile tra questi: estemporaneo, nonché sfortunato. Discorso simile per il clamoroso gol che Zakaria si è divorato a un metro dalla porta. Poco, fermo restando il secondo successo di un girone lanciato nel modo giusto, benché solo sul piano dei risultati.

Svizzera - Lituania (1-0) 1-0

Rete: 2’ Shaqiri 1-0

Svizzera: Sommer; Elvedi, Akanji, Rodriguez; Vargas (79' Zuber), Freuler (65’ Zakaria), Xhaka, Widmer (65’ Fernandes); Shaqiri (79' Mehmedi); Seferovic, Embolo (65’ Gavranovic)

Lituania: Svedkauskas; Mikoliunas, Gaspultis, Beneta, Valtkunas; Simkus; Novikovas, Dapkus, Slivka (75' Eliosius), Lasickas (58’ Laukzemis); Cernych (80' Petravicius)

Arbitro: Gestranius (Fin)

Note: a porte chiuse. Ammoniti: 42’ Cyrnech

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lituania svizzera xherdan shaqiri

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved