MOUTET C. (FRA)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(1-4)
la-coppa-del-mondo-prende-il-via-a-porte-chiuse
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
3 ore

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
6 ore

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
7 ore

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
9 ore

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
9 ore

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
23 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
1 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
1 gior

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
1 gior

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
1 gior

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
1 gior

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
1 gior

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
CALCIO
22.03.2021 - 14:27
Aggiornamento : 14:50

La Coppa del mondo prende il via a porte chiuse

In settimana iniziano alle eliminatorie per i Mondiali 2022 in Qatar. Nelle città che a giugno ospiteranno l'Europeo si giocherà davanti a spalti vuoti

Con rare eccezioni nell'ex Unione Sovietica, la campagna di qualificazione europea per la Coppa del Mondo 2022 inizia questa settimana di fronte a tribune vuote. Diamo uno sguardo alla situazione nel Vecchio continente, a tre mesi dall'Euro.

Il Kazakistan simboleggia bene questo periodo di incertezza. Mentre per parecchio tempo si è pensato di aumentare la capacità dello stadio Nur-Sultan al 30% per ospitare domenica la Francia, secondo fonti concordanti la federazione locale non ha ancora ufficializzato i dettagli dell'organizzazione della partita, che potrebbe finire per essere disputata a porte chiuse.

L’assenza di pubblico sarà generalizzata in quasi tutta l’Europa. Anche nelle dodici città che in estate dovrebbero accogliere le partite dell’Europeo itinerante. L’Uefa ha deciso che ogni città ospitante avrà tempo fino al 7 aprile per confermare se sarà in grado o meno di ospitare pubblico, a quali condizioni e in quali proporzioni.

Di conseguenza, l'Ungheria continuerà a giocare a porte chiuse e a ospitare le partite di altre squadre, come le tre sfide del Qatar originariamente previste in Austria. Il portavoce della federazione ungherese, Jeno Sipos, ha detto che «indicherà all’Uefa quanti spettatori è realistico ospitare a Budapest entro il tempo limite», cioè prima del 7 aprile.

Porte chiuse anche in Azerbaijan. Nessuna prova generale, dunque, per Baku, sede nella quale la Svizzera affronterà Galles e Turchia: situazione che non è necessariamente un buon segno prima di Euro 2020.

Bucarest, d'altra parte, sta pianificando un’affluenza del 25% della capacità per le sue quattro partite dell'Euro, ma i tifosi sono scontenti del fatto che nei prossimi giorni la Romania ospiterà la Macedonia del Nord e la Germania a porte chiuse.

Il Parken di Copenaghen ospiterà quattro partite di Euro 2020. La federazione danese ha lanciato una campagna per "far rivivere il calcio", chiedendo il ritorno dei tifosi sugli spalti per il campionato europeo e le partite della massima serie. Nel frattempo, domenica la sfida tra Danimarca e Moldavia sarà giocata a porte chiuse.

Un po' più a nord, le condizioni di ingresso in Norvegia sono molto severe con, tra l'altro, una quarantena obbligatoria che ha portato alla cancellazione di diversi eventi sportivi. Di conseguenza, la partita contro la Turchia prevista per il 27 marzo a Oslo sarà giocata a Malaga, senza pubblico. La squadra di Erling Haaland sarà già in zona in quanto il 24 marzo a Marbella affronterà Gibilterra.

In Inghilterra e nel Galles, il piano del governo per il graduale allentamento delle misure anti-Covidi prevede un ritorno degli spettatori negli stadi, ma al massimo entro metà maggio, e per una capacità di 10.000 spettatori o un quarto dello stadio.

Non ci saranno spettatori nemmeno per le due partite della Roja in Spagna alla fine di marzo. Il paese in cui la decisione di aprire le porte degli stadi è stata oggetto di dibattito è l'Ucraina: le partite avrebbero dovuto essere giocate a Lviv, ma sono state spostate a Kiev a causa del "peggioramento della situazione epidemica a Lviv". Una mossa che ha fatto infuriare il sindaco di Kiev, Vitali Klitchko, che ha finito per emettere un decreto comunale che vieta al pubblico di entrare negli stadi della capitale, mentre a livello nazionale si può vendere il 30% dei biglietti.

Tra le uniche eccezioni, la partita Russia-Slovenia (il 27) sarà giocata davanti a un massimo di 12.000 persone a Sochi, cioè il 30% dello stadio. Il primo club di serie ad avere la sua capacità ripristinata al 100% (5’200 persone) è stato l'Ufa per la sua partita contro la Lokomotiv del 18 marzo. In Armenia, Bielorussia e Georgia, sarà venduto il 30% dei biglietti.

Altrimenti, se si vogliono vedere spettatori sugli spalti, bisogna dirigersi verso l'Asia centrale: fino a 10’000 spettatori potranno assistere alla partita Tagikistan-Mongolia del 25 marzo, cioè il 50% della capacità dello stadio. Il Tagikistan sostiene di essersi liberato del coronavirus e non ha registrato nuovi casi da gennaio. E in Uzbekistan, le partite di campionato vengono giocate, come se non fosse successo niente, negli stadi pieni. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
euro porte chiuse qatar 2022 spettatori

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved