laRegione
fulvio-sulmoni-apre-il-libro
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
6 ore

Lo Young Boys conquista un punto in Romania

Una conclusione di Fassnacht permette ai gialloneri di rimediare al vantaggio del Cluj firmato da Rondon. Primo punto dei bernesi in questa Europa League
Hockey
8 ore

Kostner positivo, Ambrì Piotta in quarantena

L'attaccante biancoblù ieri aveva accusato sintomi influenzali. Annullata la partita di domenica a Zugo
Calcio
10 ore

Fc Lugano, dopo Bottani positivo anche Osigwe

Sono in totale otto i bianconeri in quarantena. Il club ha chiesto il rinvio della partita di domenica contro lo Young Boys
Hockey
14 ore

'Andare avanti era la miglior opzione. O la meno peggio'

Nicola Mona: 'Fermare il campionato per un paio di mesi sperando che poi la situazione sarebbe migliorata era un'idea, ma non la più plausibile'
Altri sport
17 ore

Anche senza spettatori il campionato di Lna di pallavolo continua

Lo ha deciso oggi Swiss Volley, che entro la fine della settimana emanerà nuovi concetti di protezione da adottare durante allenamenti e partite
tennis
20 ore

Argento e bronzo per il Ticino, ma l'oro è aver potuto giocare

Due medaglie alle finali nazionali dell'Interclub junior. Riccardo Margaroli (Tennis Ticino): tante le squadre iscritte, movimento cantonale in salute
Hockey
22 ore

Si pattina almeno fino al 1° dicembre

Direzione della Lega e i club della National League hanno preso la decisione di continuare il campionato, poi valuteranno come procedere
Hockey
1 gior

'Un aiuto finanziario federale ora diventa imprescindibile'

Lo dice il direttore generale dell'Ambrì Piotta Nicola Mona. Lombardi: 'Quanto deciso oggi da Berna ci impone di rifare i calcoli ripartendo da zero'
Hockey
1 gior

Rappi in quarantena, salta la partita di venerdì a Lugano

Tre giocatori sangallesi e due membri dello staff positivi al coronavirus. In Swiss League fermato anche il Langenthal
Calcio
1 gior

Campana: 'Abbiamo bisogno aiuti, ma anche coerenza'

Il direttore generale dell'Fc Lugano si aspetta un sostegno economico da parte della Confederazione ma punta anche il dito contro le quarantene "selvagge"
Hockey
1 gior

Rockets, gestione 2019/20 con un leggero utile

L'assemblea degli azionisti conferma in blocco il Cda uscente. Nel quale siederà anche il vicesindaco di Lugano Michele Bertini
Hockey
1 gior

'Una sconfitta non solo per lo sport, ma per l'intera società'

Per il presidente del Lugano Vicky Mantegazza quanto deciso da Consiglio federale mette seriamente a repentaglio la sopravvivenza del club
Hockey
1 gior

‘Un colpo durissimo’ per l'hockey su ghiaccio

National e Swiss League lanciano un appello: restituiteci il pubblico al più presto
Calcio
1 gior

Swiss Football League: ‘Società a rischio’

La lega sulle misure del Consiglio federale: ‘I club dipendono dai prestiti senza interessi, ma ridateci presto il pubblico’
Hockey
1 gior

L'Ambrì Piotta perde anche Marco Müller per 4-6 settimane

Nella sfida di ieri con lo Zurigo, l'attaccante leventinese si è procurato uno strappo legamentare del ginocchio destro
Hockey
1 gior

La nona scelta del draft Nhl rinforza lo Zurigo

Il 19enne attaccante austriaco Marco Rossi (120 gol in 56 partite nella scorsa Junior League e fresco di firma con Minnesota) potrebbe debuttare già venerdì
Formula 1
1 gior

Niente Reb Bull per Gasly, resta all'AlphaTauri

La scuderia italiana ha confermato che il pilota francese correrà anche nel Mondiale 2021 con il "farm team" della corazzata austriaca
CALCIO
1 gior

Anche Alain Geiger positivo al Covid-19

Poche ore dopo l'annuncio del Lugano in merito a Mattia Bottani, il Servette ha reso noto che il suo allenatore è attualmente in quarantena
CICLISMO
1 gior

La pandemia non ha fermato Ticino Cycling

La federazione cantonale tira le somme di una stagione difficile, ma dall'esito soddisfacente. E presenta la nuova rivista 'In Bicicletta'
CICLISMO
1 gior

Tom Dumoulin abbandona la Vuelta

Il 29.enne olandese, vincitore del Giro d'Italia 2017 e settimo all'ultimo Tour de France, accusava sintomi di affaticamento
BASEBALL
1 gior

I Dodgers campioni della Mlb dopo 32 anni

Due settimane dopo il trionfo dei Lakers nella Nba, Los Angeles ha festeggiato un altro anello grazie al successo contro Tampa Bay (4-2 nella serie)
Calcio
1 gior

Lugano, Mattia Bottani positivo al Covid-19

Dopo l'incontro di sabato, l'attaccante dei bianconeri non ha più avuto contatti con la squadra ed è in isolamento a casa sua
Calcio
1 gior

‘Il calcio andrà avanti, ma serve più consapevolezza e impegno’

Matteo Vanetta, assistente allenatore dello Young Boys, a ruota libera sulla delicata situazione del calcio, sull'inizio di stagione dei bernesi e sul Lugano
Hockey
2 gior

'Possiamo essere fieri di questo successo'

Noele Trisconi si gode la vittoria dell'Ambrì Piotta sui Lions: 'Stasera abbiamo sudato e lavorato duro'
Hockey
2 gior

Questa volta l’overtime castiga il Lugano

Tanti tiri, pochi gol, ma una prestazione convincente quella che ha permesso ai bianconeri di conquistare un punto (sconfitta 2-1) a Losanna
Gallery
Hockey
2 gior

Nättinen prende per mano l'Ambrì e lo porta al successo

Lo scatenato topscorer finlandese segna 4 reti e i biancoblù stendono lo Zurigo (ma perdono Müller): alla Valascia finisce 5-2
Calcio
2 gior

Il presidente del Barcellona Bartomeu si dimette

Con lui la Giunta in blocco. Decisione presa dopo il via libera al referendum per la mozione di sfiducia alla dirigenza blaugrana.
CALCIO
22.09.2020 - 20:580

Fulvio Sulmoni apre il libro

In 'Piacere di averti conosciuto' l'ex difensore smonta il mito di un mondo del pallone fatto solo di lustrini e paillette. 'I ragazzi devono conoscere le insidie che si celano'

Non ho la presunzione di trovarvi tutti d'accordo. La speranza è tuttavia che la mia testimonianza di vita e di esperienze nel mondo del pallone generi delle riflessioni che possano aiutare anche solo una persona a prendere le giuste decisioni in merito al proprio futuro sportivo e non.

Sono le ultime parole dell'introduzione di Piacere di averti conosciuto, libro nel quale Fulvio Sulmoni, uno dei più importanti calciatori ticinesi degli ultimi vent'anni, mette a nudo 27 anni trascorsi a rincorrere un pallone, 15 dei quali da professionista. È una testimonianza dura, cruda, quella offerta dal 34.enne ex difensore, ritiratosi a inizio anno durante il lockdown. Un pugno nello stomaco soprattutto per chi il baraccone mondiale del calcio lo vive soltanto attraverso la visione distorta dei social media, tutto lustrini e paillette, belle donne, macchine costose e feste nelle ville in riva al mare. Il calcio non è questo, o meglio questa è soltanto la punta dell'iceberg, sotto la quale si sviluppa un sottobosco di sofferenza (fisica e psicologica), disagio, soprusi e affari poco edificanti. Un mondo che Sulmoni descrive in un racconto toccante, all'interno del quale si mescolano episodi di una lunga carriera sportiva e momenti personali: «L'obiettivo è di sensibilizzare ragazzi e genitori su un mondo non facile. Ciò non significa che non si debba inseguire una carriera da professionista, ma occorre farlo con le spalle coperte da un piano B, fatto di studio o di un mestiere per il futuro, perché come dico nel libro, il calcio ti può masticare e sputare da un momento all'altro e quando accade ti ritrovi sul marciapiede della vita, abbandonato a te stesso, senza più l'aiuto di chi un giorno ti riempiva di pacche sulle spalle, pacche che rimangono un lontano ricordo».

'Quasi un'esigenza terapeutica'

Il libro è nato su suggerimento della moglie Paola... «Vedendo in me un ragazzo che tendeva a somatizzare le emozioni, mi ha consigliato di iniziare a scrivere per buttar fuori tutto quanto mi rodeva dentro e mi creava disagio. Nel giro di un paio d'anni ho raccolto parecchio materiale e tutto sarebbe potuto finire in un cassetto del mio comodino. Trovo però sia importante condividere questi miei pensieri, perché il malessere che io ho provato per così tanti anni lo hanno vissuto e lo stanno vivendo molti miei colleghi».

Fulvio Sulmoni è una persona sensibile e lo conferma un episodio emblematico, raccontato nel libro, relativo alla prima convocazione per la selezione svizzera U15. Ma il mondo del calcio professionistico non è adatto a ragazzi troppo sensibili... «Non è adatto o è comunque molto duro. Penso lo sia anche per chi crede di avere una corazza protettiva, perché quello del calciatore è un mestiere che coinvolge l'aspetto emotivo e perciò colpisce chiunque. Alcuni di noi hanno trovato il modo di bypassare il problema, altri, al contrario, lo subiscono in tutta la sua forza».

Dietro la patina dorata, un mondo spietato

Nel libro, Sulmoni tocca tutti gli aspetti della sua lunga carriera: i giorni in cui il calcio era un semplice divertimento, i momenti di crisi, gli attori principali, dagli allenatori ai procuratori, dai direttori sportivi ai presidenti. Di nomi non ne fa, o meglio si limita a citare le persone che hanno incrociato la sua strada e dei quali nutre un ricordo positivo: Raimondo Ponte (nonostante questo aspetto un po' "militaresco", Raimondo nasconde un cuore d'oro), Urs Fischer (molto sensibile e intelligente), Andreas Gerber (nella mia carriera sportiva ho conosciuto un solo direttore sportivo che ha tutt'ora la mia stima), Carlo "Cao" Ortelli (sono stato fortunato ad avere un formatore come lui), Maurizio Ponti e Roberto Maragliano (un medico e un fisioterapista di fiducia eccezionali)... «Il mio scopo non è quello di fare del pettegolezzo. Certo, alcuni aneddoti li ho inseriti e chi è addentro alle cose di calcio magari può riconoscere quell'allenatore o quel dirigente, ma il mio obiettivo non è questo. Voglio far passare il mio messaggio, far capire che basta grattare con il mignolo e dietro alla patina dorata che tutti ammirano vi è un mondo spietato nel quale regna l'egoismo (ognuno pensa per sè. Non esiste il gruppo. Non esistono i compagni. Non esiste la squadra o la maglia che si indossa) e la ricerca del profitto economico del calciatore, dell'allenatore, del procuratore, del presidente».

Fatta certa l'assoluta buona fede di Sulmoni, il quale nel libro si sofferma anche su aspetti personali molto dolorosi, come il tumore che lo ha colpito nel 2018, viene da chiedersi come sia riuscito a resistere a 15 anni di tormento professionistico... «Capisco che questa domanda possa nascere spontanea. E per me è difficile dare una risposta. Nel calcio convivono momenti brutti, ma anche grandi soddisfazioni e queste ultime mi hanno probabilmente portato ad andare avanti. Non so perché non sia riuscito a smettere prima, confrontato con un mondo nel quale, sostanzialmente, non mi trovavo a mio agio. Ma il calcio è lo sport che ho amato immensamente da ragazzino e da adolescente, quando con gli amici mi sfinivo sui campetti a furia di rincorrere un pallone. La presa di coscienza è iniziata con il passaggio al professionismo, quando sono venuti a galla interessi, obiettivi, soldi, budget, scelte di procuratori, manager e allenatori... Al di là di tutto, forse c'era anche la paura di abbandonare un gioco che mi piaceva e affrontare il salto nel buio di un post carriera senza certezze, nel quale mi sarei dovuto costruire una nuova vita».

Molti ex calciatori desiderano rimanere nell'ambiente anche a carriera conclusa. Non è il caso di Fulvio Sulmoni... «È troppo presto, adesso non riesco nemmeno a guardare una partita di pallone. Mi ci vorranno anni di disintossicazione. In futuro non scarto l'idea di lavorare con i ragazzini, ma deciderò dopo aver valutato le esigenze della mia famiglia. Che adesso mi voglio godere e che ha tutta la mia priorità».

Piacere di averti conosciuto è un viaggio duro e impegnativo e forse non tutti lo appezzeranno... «Mi auguro che la reazione sia positiva. Non ho voluto togliermi sassolini dalle scarpe, ma portare alla luce la mia esperienza di vita. So di colleghi che vivono le stesse ansie, ma che preferiscono non uscire allo scoperto. Anche in questo campo fare outing può rivelarsi pericoloso per la carriera, ma trovo un peccato che coloro i quali hanno chiuso la carriera non siano disposti a fornire le loro testimonianze, vuoi perché non desiderano mettersi in gioco, vuoi perché preferiscono mantenere lo status di uomini invincibili, perfetti e sicuri di loro stessi».

Leggendo il libro sorge spontanea una domanda: esiste l'amicizia nel calcio? «Direi proprio di no. Ho ex colleghi con i quali sono rimasto in buoni rapporti, ma non si può parlare di amicizia. Ci sono troppe maschere dietro le quali ci nascondiamo. Del mio disagio nello spogliatoio credo non si sia accorto nessuno, così come io non mi sono accorto del probabile malessere di alcuni mei compagni.

Stefano Ferrando: 'Un punto di riferimento'

La prefazione del libro è stata curata da Stefano Ferrando, giornalista della Rsi... «Fulvio non l'ho visto crescere, l'ho conosciuto a carriera già iniziata. In tutti questi anni è stato una persona alla quale fare riferimento quando bisognava andare "oltre" (al fuorigioco, al gol, alla formazione...). Non a caso quando nelle squadre in cui ha militato le cose non andavano bene e c'erano castagne da togliere dal fuoco, quasi sempre davanti ai microfoni si presentava proprio lui. Ho figli anch'io e credo che leggendo le parole di Fulvio un genitore non possa che provare un brivido».

Alla presentazione del libro ha partecipato anche Giona Morinini, psicologo dello sport... «Non credo che casi come quello di Fulvio siano isolati. Lo sport è un mondo particolare, a maggior ragione quando diventa professionismo. Per troppo tempo si è accettato senza battere ciglio l'idea che il risultato debba essere posto al di sopra di qualsiasi altra considerazione: il fine giustifica i mezzi e non sempre i mezzi sono esemplari. Negli ultimi anni molte federazioni e società si sono rese conto che l'aspetto del risultato a breve termine non è l'unico obiettivo da raggiungere: dietro al meccanismo vi sono bambini e bambine ai quali va prestata attenzione, come persone prima ancora che come atleti. Per esternare considerazioni come quelle di Fulvio occorre coraggio: il rischio è di ritrovarsi in un contesto nel quale tutti gli altri negano, lasciandoti ancor più isolato».

A favore dell'associazione Emo Vere

Tutti gli eventuali introiti derivanti dal libro verranno versati a favore dell'associazione Emo Vere, fondata da Paola Morniroli Sulmoni, psicoterapeuta e impegnata a favore dei bambini e dei loro cari che si trovano a dover affrontare un momento difficile della loro vita. Sono stati stampati due volumi: Leon (disponibile gratuitamente richiedendolo a www.psicoterapiamorniroli.ch), rivolto alle famiglie con bambini affetti da tumori, e Ranocchio Scarabocchio che ha lo scopo di sensibilizzare i bambini delle elementari al tema del bullismo.

Fulvio Sulmoni, con Giona Morinini e il giornalista Giancarlo Dionisio, presenterà il suo lavoro mercoledì 7 e venerdì 9 ottobre alla sala Aragonite di Manno. L'inizio è fissato per le 20.30 e i posti a disposizione sono 70 (regole Covid). Gli interessati possono prenotarsi per mail a presentazionelibrosulmoni@gmail.com. Martedì 29 settembre il libro verrà presentato alla scuola per sportivi d'élite (Spse) di Tenero (appuntamento riservato agli studenti della scuola).

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved