BENCIC B. (SUI)
0
CIRSTEA S. (ROU)
1
2 set
(2-6 : 6-6)
siamo-pronti-per-la-super-ora-dimostriamolo
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NUOTO
32 min

Niente podio per Noè: il ticinese è quinto nei 200 delfino

In apertura al Foro Italico il ticinese chiude alle spalle di Milak, Marton, Razzetti e Carini. ‘Ho fatto la mia gara, ma stavolta ho visto la Madonna’
BASKET
1 ora

In ricordo di Angelo Ghirlanda e Franco Casalini

Franco Facchinetti lavorò con entrambi: ‘Due grandissimi maestri’
ATLETICA
3 ore

Decathlon, Ehammer sempre al comando

Agli Europei l’elvetico guida la classifica dopo 8 gare su 10
Atletica
5 ore

Ricky Petrucciani in finale sul giro di pista

A Monaco il 22enne onsernonese non stecca: il secondo tempo in semifinale (in 45"55) gli vale un posto nella corsa per le medaglie di domani
Hockey
7 ore

Mondiali Under 20, la Svizzera trova il Canada

Avversario proibitivo per i rossocrociati nei quarti di finale
Hockey
7 ore

Luca Sbisa nello staff degli Sharks

L’elvetico lascia Anaheim per raggiungere San José
Tennis
11 ore

La storia non si ripete: Teichmann saluta Cincinnati

Incapace di sfruttare un match point nel tie-break del secondo set, dopo una lunga battaglia, l’elvetica cede il passo a Petra Kvitova
STORIE MONDIALI
13 ore

La Fifa fra guerre e ricchi contratti

Le qualificazioni ai Mondiali del 1970 furono la miccia che innescò un conflitto da seimila morti fra El Salvador e Honduras
Tennis
19 ore

A Cincinnati tre ore di battaglia, poi Stan s’arrende

Nuova batutta d’arresto per il vodese, costretto a cedere strada ad Andy Murray nell’Ohio, che lo batte per la tredicesima volta in carriera
Hockey
20 ore

Una rete di Attilio Biasca regala i quarti alla Svizzera U20

Il diciannovenne di origine ticinese segna il gol-partita nella sfida con l’Austria e permette agli elvetici di proseguire la loro avventura ai Mondiali
ciclismo
23 ore

Tom Dumoulin è pensionato, da subito

L’olandese 31enne, non smetterà, come preannunciato, a fine stagione: per lui è già ora del ritiro
calcio
1 gior

L’inizio non entusiasma, ma le prospettive sono buone

Il Lugano può sfruttare la vittoria di Basilea per lanciare definitivamente la sua stagione. Intanto però c’è da pensare alla Coppa Svizzera
NUOTO
1 gior

A Roma la Svizzera brilla di luce intensa: Mamié nuova regina

Dopo l’argento di Noè nei 100 delfino, gli elvetici tornano due volte sul podio: la zurighese vince i 200 rana, il turgoviese è secondo nei 200 sl
Calcio
1 gior

Procedura aperta contro Marius Müller

Sotto la lente della Lega c’è una dichiarazione omofoba
CICLISMO
1 gior

Roglic in Spagna per difendere la sua tripla corona

Lo sloveno, che si era ritirato dal Tour de France dopo una caduta, correrà la Vuelta
BASKET
1 gior

Brittney Griner farà appello

La cestista statunitense condannata e detenuta in Russia ha deciso di ricorrere
Altri sport
1 gior

Sébastien Buemi lascia la e.dams: rimarrà in Formula E?

Il trentatreenne pilota vodese con un passato in F1, alla Toro Rosso, annuncia sui social che lascerà la scuderia per cui correva dal 2014
CICLISMO
1 gior

Bernal torna a correre dopo sette mesi

Il colombiano, vittima di un incidente lo scorso inverno, al via del Tour di Danimarca
ATLETICA
1 gior

Europei, oro nella maratona per Richard Ringer

Successo allo sprint per il tedesco, israeliano il resto del podio
hockey
1 gior

Prima uscita ticinese per il Lugano

Dopo la sconfitta 3-0 a Rapperswil gli uomini di Chris McSorley sono ospiti domani alle 19.30 dei Ticino Rockets
NUOTO
1 gior

Echi da Roma: Noè Ponti e la forza mentale

Il ticinese più forte anche dei guai fisici delle ultime settimane. E dopo il podio nei 100 m delfino, in cerca di gloria sulla distanza doppia
EUROPEI
1 gior

Decathlon: Ehammer vince i 100 m, Mayer si ritira

L’elvetico, che ha chiuso in 10"56, comanda la classifica
19.06.2020 - 12:56
Aggiornamento: 14:12

'Siamo pronti per la Super, ora dimostriamolo’

L'inseguimento (molto probabilmente attraverso lo spareggio) del Grasshopper del ticinese Giotto Morandi alla promozione riparte stasera ospitando l'Aarau

«L’adrenalina c’è eccome, perché dopo tre mesi e mezzo si torna finalmente a fare sul serio con partite ufficiali, ma soprattutto perché abbiamo un grande obiettivo da raggiungere».

È carico Giotto Morandi e mette subito le cose in chiaro: il suo Grasshopper, che stasera disputerà la sua prima sfida ufficiale post-Covid ospitando l’Aarau, vuole tornare «dove dovrebbe sempre stare, in Super League» e vuole farlo nella maniera più difficile ma anche più gratificante, ossia guadagnandosi la promozione sul campo. Già perché durante il lungo stop imposto dal Coronavirus le Cavallette hanno vissuto svariate emozioni legate ai possibili scenari sulla continuazione della stagione 2019/2020, che dovrebbe essere quella dell’immediato ritorno nella massima serie rossocrociata dopo lo scivolone del passato campionato e che al momento dello stop a fine febbraio vedeva gli zurighesi in netto ritardo (15 punti) sul leader Losanna ma in piena corsa perlomeno per lo spareggio con la penultima classificata della massima serie (secondo posto a pari punti con il Vaduz). Si è passati dal possibile annullamento della stagione e dei relativi verdetti all’ipotesi di andare avanti senza retrocessioni dalla massima serie ma facendo salire direttamente le prime due della lega cadetta (con conseguente allargamento da 10 a 12 squadre), fino ad arrivare all’opzione votata dall’assemblea della Swiss Football League che prevede di seguire quanto previsto inizialmente, ossia una promozione/retrocessione diretta e il citato spareggio. Così se il Chiasso e tutte le altre formazioni a rischio possono ormai dormire sonni tranquilli visto che l’annullamento delle categorie inferiori ha congelato anche le retrocessioni dalla Challenge League, per chi sta davanti c’è ancora tanto da giocarsi.

«Sono state discusse molte possibilità ma alla fine si è scelto quella più giusta, ossia far decidere il campo - afferma il 21enne locarnese, figlio dell’ex giocatore e allenatore ticinese Davide Morandi -. Non sto dicendo che se ci avessero promosso a tavolino o in maniera diretta non saremmo stati contenti, ma avrebbe avuto tutto un’altro sapore. Non siamo sicuri di ottenere la promozione, anzi, ma siamo certi di avere i mezzi per giocarcela e anche per questo volevamo avere la possibilità di rimetterci in gioco dopo una prima parte di stagione che non è andata proprio secondo le previsioni. E siamo pronti a farlo, tanto che siamo stati i primi a riprendere gli allenamenti (l’11 maggio, ossia il primo giorno consentito dal Consiglio federale, ndr). In questo mese abbondante ci siamo allenati bene e personalmente anche il fatto di dover giocare ogni tre o quattro giorni non mi spaventa, anzi lo trovo bellissimo».

Uno spareggio che non spaventa

Il Gc vuole dimostrare di meritarsi la promozione insomma, anche se questo significa passare dallo spareggio… «Il primo posto è oggettivamente molto lontano, ma nel calcio in un mese e mezzo può succedere di tutto, a maggior ragione in una situazione inedita come questa. Per cui non darei per chiusi i giochi, anche se noi non dobbiamo sperare in un crollo dei nostri avversari ma pensare a fare il nostro e a ottenere più punti possibile, in palio ce ne sono ancora ben 39. In ogni caso ambiamo a giocare nella massima serie e pensiamo di essere pronti a farlo, per cui ci sta che per arrivarci dobbiamo superare in un doppio scontro una formazione della categoria superiore».

Come il Lugano, affrontato sabato scorso in amichevole sul “campetto” di Altdorf (3-1 per i ticinesi)... «Le condizioni erano particolari (ad esempio si sono giocati quattro tempi da 30 minuti, ndr), ma è stato comunque un buon test. Sul piano del gioco non ci siamo fatti sovrastare, anzi, siamo riusciti a mettere in campo le nostre idee e a sviluppare le trame che volevamo. Per noi si trattava della seconda e ultima amichevole dopo la pausa (nella prima i biancoblù hanno superato 3-1 il Kriens grazie anche a una rete del centrocampista offensivo ticinese, ndr) e come detto le indicazioni sono state buone, abbiamo iniziato fino a due settimane prima degli altri la preparazione e come detto siamo pronti per ripartire».

Il virus resta fuori dalla testa

A differenza ad esempio del Lugano, il Grasshopper e la maggior parte degli altri club di Sfl non hanno sottoposto i propri giocatori ai tamponi per individuare l’eventuale presenza del Covid-19, ma questo non spaventa il ticinese… «Sia durante il lockdown, sia dopo, ho sempre fatto attenzione e ho rispettato le direttive, ma senza particolare apprensione, perché in fondo la vita deve andare avanti. Inoltre a Zurigo l’emergenza è stata diciamo più “tranquilla” rispetto a quanto capitato in Ticino e pure il fatto che noi giovani siamo meno a rischio mi ha aiutato a stare relativamente tranquillo. In campo poi non ci penso proprio, lì conta solo quello che accade sul rettangolo di gioco. Ciò non toglie che sono contento che ora si stia lentamente tornando alla normalità».

La pademia ha portato nel mondo del calcio tanta incertezza a livello di contratti dei giocatori, in particolare per quelli in scadenza a fine giugno, ma anche a medio termine le prospettive per i giocatori sono tutt’altro che ben definite, con le conseguenze economiche del lungo stop che incideranno inevitabilmente sul mercato. Una situazione che tocca solo in parte l’ex giocatore del Team Ticino, il quale a febbraio, proprio prima dell’inizio dell’emergenza, ha rinnovato di tre ulteriori stagioni (fino al 2023) con il club che gli dà fiducia (inizialmente nelle selezioni giovanili) ormai dal 2016… «Effettivamente è stata una fortuna rinnovare, mi ha permesso di affrontare questa situazione con serenità anche da questo punto di vista e soprattutto è un attestato di stima da parte della società che si è tradotto in una bella iniezione di fiducia. E un’ulteriore stimolo nell’inseguire questa promozione, perché salire nella massima serie e avere in mano un contratto di tre anni con una società prestigiosa e ambiziosa come il Gc è uno scenario molto allettante».

A caccia di minuti e costanza

A proposito di scenario, Morandi e compagni hanno la possibilità di riscrivere perlomeno il finale di una storia che se fosse stata interrotta con la pandemia, come detto non avrebbe probabilmente avuto il lieto fine che speravano… «Dopo una pausa così lunga è un po’ come all’inizio di una nuova stagione, quello che è stato non conta più adesso, si riparte da zero e nelle prossime sei settimane dobbiamo dare tutto sia individualmente sia a livello di squadra, per raggiungere il nostro obiettivo. A livello personale l’andata è stata un po’ come andare sulle montagne russe, dei mesi andava bene altri meno bene (il ticinese ha collezionato 18 presenze in campionato per una media di 40 minuti a partita, registrando un gol e due assist, ndr). La speranza è di poter giocare di più e credo che ci sarà questa possibilità con le tante partite ravvicinate, l’allenatore avrà bisogno di tutti».

Già, l’allenatore, non più né Uli Forte (esonerato a febbraio dopo circa un anno sulla panchina zurighese) né il suo successore Goran Djuricin (andatosene a metà maggio dopo aver scoperto che il suo contratto non sarebbe stato rinnovato), bensì il romeno Zoltan Kadar… «Effettivamente ci sono stati parecchi cambiamenti in relativamente poco tempo, ma non penso che la squadra lo pagherà. Dopotutto Kadar in casa Gc è già molto conosciuto, è stato vice allenatore per molti anni e infatti la squadra si è subito adattata ai suoi metodi. No, direi proprio che non abbiamo scuse, ora dobbiamo andare in campo e dimostrare di meritarci quello a cui ambiamo, la promozione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved